I grandi investono nella pubblicità web

Lo afferma un rapporto Nielsen-NetRatings, secondo cui le corporation Fortune 500 stanno imparando a sfruttare la rete per promuovere le proprie attività. Il settore più gettonato è quello tecnologico

Roma - C'è un 2003 di ottimismo per le attività web capaci di promuovere le nuove tecnologie perché sono proprio queste ultime ad essere al centro del maggior numero di campagne pubblicitarie online volute dalle grandi corporation americane inserite nella lista Fortune 500.

Ad affermarlo è uno studio di Nielsen-NetRatings che non solo ha rilevato un aumento del 6 per cento negli investimenti pubblicitari online di queste imprese ma ha anche osservato una crescente consapevolezza dell'impatto che internet può avere in termini di ritorno dell'investimento.

Secondo Charles Buchwalter di Nielsen-NetRatings, "ci sono tutte le premesse perché il web acquisisca in misura maggiore nel corso del 2003 gli investimenti pubblicitari" delle corporation.
Dei 10 maggiori investitori, inoltre, ben 7 sono legati in un modo o nell'altro al mondo della tecnologia o di internet. Tra questi AOL Time Warner, Hewlett-Packard, Microsoft, Dell Computer e altri.

Il rapporto ha anche evidenziato un crescente ricorso al cosiddetto "rich media", termine con cui si identificano le "nuove pubblicità" online basate sullo sfruttamento della grafica e dell'interattività consentite unicamente dal mezzo internet.
3 Commenti alla Notizia I grandi investono nella pubblicità web
Ordina
  • Io sto svolgendo una ricerca a livello nazionale sul web marketing e devo dire che le aziende (parlo di aziende molto grandi, fra le più importanti del nostro paese) non hanno ancora ben capito effettivamente come possono utilizzare al meglio Internet. Non hanno ancora capito tutte le potenzialità della rete. Manca personale formato, sicuramente. Specie nelle regioni in cui vi è ancora una mentalità tradizionalista. Poi certo... scrivere dell'America è facile... loro sono sempre "avanti"! ma la realtà nazionale è ben diversa!
  • E' chiaro che aziende come quelle citate usino internet.... ma le altre???? e pensate che venghino in italia a fare i siti???? AHAHAHAHAHAH
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E' chiaro che aziende come quelle citate
    > usino internet.... ma le altre???? e pensate
    > che venghino in italia a fare i siti????
    > AHAHAHAHAHAH

    VengAno!
    Mi pare tu abbia una visione un po' troppo ristretta perchè 1:nel commercio elettronico non ci sono confini quindi non parliamo di "Italia" pls...E' molto facile che aziende estere contattino aziende di altri paesi per avere i loro servizi. Fortunatamente, ad oggi, sono molti i mezzi di comunicazione possibili che permettono relazioni professionali 2: i siti non sono l'unica forma di pubblicità. Se la vedi cosi sei rimasto un po' indietro. Anzi, i siti non dovrebbero essere solo brochure illustrative. E' passato il momento dei "siti vetrina". I siti di nuova generazione sono più attivi...ti basti pensare che esiste una scienza, la netsemiology, che studia come impostare un sito non solo da un punto di vista grafico. Va a vedere www.netsemiology.com.
    Ilaria
    non+autenticato