Microsoft: l'open source è una minaccia

In un documento, Microsoft svela le proprie apprensioni riguardo l'open source, un modello di sviluppo che, a suo dire, potrebbe costringerla a tagliare i prezzi del proprio software e ridimensionare i profitti

Washington (USA) - In un documento presentato negli scorsi giorni presso la Securities and Exchange Commission (SEC) americana, Microsoft afferma che il diffondersi dell'open source potrebbe influire negativamente sulle sue vendite costringendola ad abbassare i prezzi dei propri prodotti e rinunciare a parte dei propri profitti.

"Con il crescere dell'accettazione sul mercato del modello open source, le vendite dei prodotti dell'azienda possono declinare, l'azienda può essere costretta a ridurre i prezzi dei propri prodotti ed i redditi, insieme ai margini operativi, possono conseguentemente diminuire", si legge nel documento finanziario firmato da Microsoft.

Il colosso di Redmond sostiene poi che il modello di sviluppo commerciale non è in grado di tenere testa ai bassi costi del modello open source. Il software open source, a detta di Microsoft, è infatti "prodotto da comunità globali di programmatori e il software così sviluppato, incluse le relative proprietà intellettuali, viene dato in licenza agli utenti finali a costi molto bassi o addirittura nulli".
E' un tema, quello della differenza di costi fra il software proprietario e il software aperto, che Ballmer sollevò anche lo scorso autunno in uno dei suoi interventi su Linux.

"Linux - ammise il boss di Microsoft - è un competitor serio. Dobbiamo competere con il software libero sulla base della qualità ma in un modo intelligente. Non possiamo portare i nostri prezzi a zero, quindi dobbiamo giustificare il posizionamento e il prezzo. Linux non andrà via, la nostra missione è offrire al mercato un prodotto migliore".

Fra le altre minacce al proprio business Microsoft elenca poi eventuali cause legali, il fatto che molti nuovi prodotti non generano al momento profitti più altri problemi legati all'economia globale e alla geopolitica. Fra tutti questi fattori, l'open source è però quello che sembra preoccupare maggiormente Microsoft: in particolare, l'azienda richiama l'attenzione della SEC sulla pulsione verso l'open source dimostrato da alcuni paesi, come Il Sudafrica e la Germania.

Recentemente Microsoft ha varato un piano, chiamato Government Security Program, che permetterà a governi e istituzioni di accedere al codice sorgente di Windows. E' questa una clamorosa svolta nelle politiche commerciali di Microsoft che dimostra la grande pressione esercitata sull'industria del software dal movimento open source.
359 Commenti alla Notizia Microsoft: l'open source è una minaccia
Ordina
  • Ho lasciato il mio cuore col DOS, sette anni or sono, e quando quel dannato momento del cambiamento in favore della ciofeca di Win95 e` arrivato, ci sono rimasto molto male. Ora, ho la netta sensazione (non solo osservando QUESTO forum, ma anche alcuni altri internazionali e generalisti) che la cosa da lasciare sia Windows. Piu` che una questione di pro e di contro sembra semplicemente "che Windows sia passato di moda", che venga cambiato per partito preso. Certo la M$ non e` particolarmente amata, e in effetti come tutte le multinazionali non e` nemmeno particolarmente simpatica; anche questo va tenuto in considerazione, la voglia di veder vincere il piccolo contro il grosso, si sa, si tende sempre a tifare per la squadra piu` debole, quando nessuna delle due e` quella del cuore. E la gente che arriva oggi, gli smanettoni di oggi e guru del domani, vede in Linux qualcosa di "ganzo", di controcorrente. Ci si buttano con gran convinzione, e cominciano a tifare per Linux, come facevano gli sviluppatori su quel troiaio di Win3.0/3.1 (anf, tachicardia ripensando a quel trugolaio predecessore di una serie di trugolai piu` pazzeschi ancora). Gia` oggi ci sono i nostalgici di Win98 (!), mentre ormai siamo a XP, ma la semplice incompatibilita` con una minoranza di applicazioni relativamente vecchie ha gia` mandato in crisi la flotta di gente che al momento dell'uscita di Win95 se l'e` trovato fra le mani senza sapere, ne` chiedersi, cosa ci fosse stato prima. Col 95 e` stata "girata pagina" nella storia dei PC, e` finita un'era, tutta la stabilita`, la semplicita`, la compattezza del passato, e molte delle cose che su queste caratteristiche facevano affidamento, sono state buttate nel cesso. Da allora fra programmatori, utenti vecchi e utenti nuovi, tutti hanno dovuto rimescolare le carte e ripartire daccapo, e come nei primi tempi del DOS i problemi fioccavano, anche nei primi tempi di Win32 la situazione era tornata a essere disastrosa. Computers che non stavano in piedi per piu` di mezz'ora senza un blue screen... programmatori che si ribellavano alla standardizzazione dell'interfaccia grafica e cosi` facendo creavano roba difficilmente portabile su versioni successive del S.O... poi col passare degli anni be', certo, come sempre i problemi bene o male si risolvono. Ma dal mio punto di vista, il TOP dell'affidabilita` e dell'evoluzione (certo, in relazione alla disponibilita` di potenza da parte dell'hardware dell'epoca) si era raggiunta ai tempi del DOS, quando le schede audio si forzavano a usare il layout dei registri Creative come standard, quelle video erano state da poco accomunate dalla VBE, i modem si usavano tramite seriale, i mouse pure, e tutto, tutto funzionava senza l'ombra di un driver. Be`, quello che secondo me era una sorta di "idillio" fra hardware e software e` stato demolito da Windows. E l'evoluzione e` ricominciata... io non ne avevo sentito il bisogno, e dopo 7 anni continuo a criticare la scelta, come per esempio ora. Il DOS aveva shell grafiche, file managers con cartelline, iconcine e tutto, e POTEVA essere portato a 32 bit, come aveva gia` dimostrato Digital Research. Poteva essere multiuser, come appunto l'European Multiuser DOS. Sfruttava appieno le LAN, e faceva tutto quello che era necessario a far funzionare la macchina, organizzare l'hardware, e niente di piu`. Soprattutto non faceva di piu`, mantenendosi standard e coerente a se stesso nel tempo. E se non eravate esperti e qualcosa andava storto, potevate portare il computer da un tecnico o chiamare un amico, che sapeva dove mettere le mani perche` c'erano meno interferenze possibili (un paio di files, config.sys e autoexec.bat, e nella directory DOS si sapeva con precisione cosa faceva OGNI file). Oggi se lo portate da un tecnico in molti casi ve lo rida` formattato, dopo avervi chiesto il permesso s'intende, perche` ha ragione, come fa un tecnico, per quanto esperto, a sapere cosa c'e` che non va, a sapere qualcosa di quei tipici difetti occasionali di Windows... ogni tanto si pianta ma non si sa perche`, per colpa di cosa... tipico di un sistema pasticciato, troppo complesso per funzionare senza un certo "principio di incertezza dei computers". Un po' come quello di heisenberg per gli elettroni. Che bisogno c'era, di qualcosa di completamente diverso? Non e` che abbiamo sbagliato tutto? Tutti? Windows, Unix, Linux, MacOS, OS2, BeOS... tutti? Tutti questi sistemi mastodontici, elefantiaci, non sono piu` a misura d'uomo? a misura d'utente, e di programamtore, e di tecnico? A me e` sempre sembrato di si. Ma oggi e` normale che un sistema operativo sia fatto cosi`... Be', con Linux mi sa che siamo allo stesso punto: stavolta non me ne frega niente dell'attuale ambiente Fan Windows, anche se dalla versione 2000 in poi, quelle derivate da NT, da` la sensazione di essere un po' piu` affidabile (ma io un DOS affidabile l'avevo gia`, e non mi e` andato giu` bene di dover aspettare altri 7 anni perche` rimettessero in piedi qualcosa che funzionasse abbastanza bene). Va da se` che in effetti io supporto questo cambio di stagioni, o scambio di testimoni fra Windows e Linux. Non sono sicuro del perche` lo supporto, ma spero che ci sara`; ma non perche` mi trovi meglio con Linux o esclusivamente perche` Windows non mi piace. No, no, probabilmente mi e` rimasto dell'astio dentro, e forse, dico forse, la sento come una specie di vendetta... perche` quando il DOS se n'e` andato in favore di Windows, a me e a svariati altri (ma pochi lo ricordano perche` a quei tempi i PC non erano cosi` diffusi) hanno levato il mondo da sotto i piedi, e ci siamo ritrovati col culo per terra, a riscrivere roba per farla funzionare su un ambiente che sapevamo non avere nemmeno un decimo dell'efficenza e della trasparenza di quello precedente. Eravamo tanti, il DOS era davvero, seriamente, molto usato, certo, era quello che oggi e` Windows. Certamente, oggi si sente dire che non era nemmeno un sistema operativo degno di questo nome, che era stato copiato. Che ci crediate o no, non c'e` niente di vero in queste affermazioni. Solo perche` era grigio e nero non significa che non fosse efficiente; solo perche` aveva una CLI invece di iconcine e finestrelle non significa che fosse antiquato (o almeno, le applicazioni che ci giravano sopra non lo erano per nulla!, e avete mai provato a usare una CLI, sia la BASH di Linux o il prompt del DOS a schermo intero? e` meglio dell'interfaccia a finestre, meno intuitiva, certo, ma molto piu` precisa, provate a copiare tutti i file che hanno una B come seconda lettera del nome, tramite l'interfaccia a finestre, col DOS e` "copy percorso_sorgente\?B*.* percorso_destinazione", ma con le finestrelle? come li selezionate da una lista di un migliaio di files?); solo perche` era semplice e compatto non significa che non fosse SERIO. E ora non posso negare che mi piacerebbe vedere il carnefice del DOS, la piattaforma Windows, col culo per terra. E magari nel domani (
    non+autenticato
  • Secondo me la Microsoft, una volta arrivato il successo di Windows 95, ha colto al volo l'occasione di vendere sistemi in successione che rimediavano a qualche problema precedente (ma magari ne introducevano di nuovi).

    Pare proprio il sistema perfetto per mantenere il monopolio acquisito con Win95. Se Win98 fosse stato come XP (almeno a livello di stabilita` e multiutenza etc) , nessuno avrebbe aggiornato il sistema.

    Ma la cosa piu` ridicola e` che tempo fa alla M$ si lamentavano che le ultime versioni di Windows non attecchiscono come dovrebbero.. perche` il sistema piu` diffuso e` ancora Windows '95!!!!!!
    E (secondo me) offendevano i loro utenti perche` i loro sistemi obsoleti sono una minaccia per la sicurezza in rete (?).
    Il monopolio che si morde la coda.....

    Saluti!
    S.L.
    non+autenticato
  • Dopo essere riuscita ad imporre a tutti i paesi del mondo delle leggi abnormi sul diritto d' autore (peggio che falsificare il bilancio di una spa) tramite le lobbies parlamentari adesso MS è in affanno perchè si deve misurare con la concorrenza; forse una politica di prezzi accessibile sarebbe più efficace di qualsiasi legge di sapore esclusivamente protezionistico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Dopo essere riuscita ad imporre a tutti i
    > paesi del mondo delle leggi abnormi sul
    > diritto d' autore (peggio che falsificare il
    > bilancio di una spa) tramite le lobbies
    > parlamentari adesso MS è in affanno perchè


    Ah... quindi adesso il diritto d'autore l'avrebbe imposto MS... quindi prima del 1974 (anno di fondazione di MS) non esisteva... mmm... interessante.

    Venghino signori e signore... venghino pure... iniziano le selezione per il "Gran Premio della Stronzata 2003"... accorrete numerosi...


    ... ma tutti qui su sto forum gli imbecilli?? Mah!

    Zeross
    1303
  • http://www.theregister.co.uk/content/7/28876.html

    http://www.electricnews.net/news.html?code=8883686

    che microsoft potesse cominciare ad essere in fase di declino già lo sapevamo.

    Ma ora è più evidente: i layoff cominciano a interessare anche l'intoccabile monopolio.

    I sostenitori del monopolio non potranno più sbandierare questo ex-pregio del monopolio microsoft.





    non+autenticato



  • 55 su 1700 della filiale? Percentuale direi irrisoria. Da noi invece si chiudono stabilimenti lasciando a casa 7000/8000 operai. E nonostante nel nostro paese le regole siano piu' rigide.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    >
    >
    > 55 su 1700 della filiale? Percentuale direi
    > irrisoria.

    ma sufficiente a far cadere l'immagine di sicurezza di sviluppo che microsoft tende a dare

    Ora che anche microsoft (il monopolio) ha cominciato a licenziare, si salvi chi può

    Un monopolio che non riesce neanche a difendere la posizione di sostentamento delle maestranze è un monopolio che fallisce l'ultima sua ragion d'essere (vedi Telecom Italia).

    É un monopolio che non serve che a sé stesso




    non+autenticato
  • > ma sufficiente a far cadere l'immagine di
    > sicurezza di sviluppo che microsoft tende a
    > dare

    Ma tu hai idea di quanto MS spenda solo
    in sviluppo e ricerca ? ed hai idea del fatto
    che se domattina smettessero di fare profitti
    potrebbero comunque mantenere gli investimenti
    per un numero spropositato di anni ?

    Ma fammi il piacere va...
    4751

  • - Scritto da: cico
    > > ma sufficiente a far cadere l'immagine di
    > > sicurezza di sviluppo che microsoft tende
    > a
    > > dare
    >
    > Ma tu hai idea di quanto MS spenda solo

    guarda che io volevo solo far notare che ora non si potrà parlare più di licenziamenti delle aziende dell'ICT senza citare microsoft.

    > Ma fammi il piacere va...

    di negare i licenziamenti?

    Se te la prendi così deve esserti proprio crollato un mito...

    come gli yuppies di due decenni fa








    non+autenticato

  • - Scritto da: cico
    > > ma sufficiente a far cadere l'immagine di
    > > sicurezza di sviluppo che microsoft tende
    > a
    > > dare
    >
    > Ma tu hai idea di quanto MS spenda solo
    > in sviluppo e ricerca ?


    A giudicare dalla qualità dei suoi prodotti di punta direi mooolto poco. L'azienda che spende di più in ricerca e sviluppo è la Apple, altra società che sopravviverà nonostante il momento...se non sbaglio licenziano pure a Cupertino.



    > ed hai idea del fatto
    > che se domattina smettessero di fare profitti
    > potrebbero comunque mantenere gli
    > investimenti
    > per un numero spropositato di anni ?


    Questo è verissimo, mi scoccia ammetterlo perché M$ non mi piace neanche un po', ma la solidità finanziaria di cui dispone la potrà sostenere in perdita per secoli...purtroppo non è manco in perdita...




    non+autenticato


  • Zap! Ma ritorni e non ci saluti neppure?

    Lol
    non+autenticato
  • > che microsoft potesse cominciare ad essere
    > in fase di declino già lo sapevamo.
    >
    > Ma ora è più evidente: i layoff cominciano a
    > interessare anche l'intoccabile monopolio.
    >
    > I sostenitori del monopolio non potranno più
    > sbandierare questo ex-pregio del monopolio
    > microsoft.

    sai che avrai ripetuto la parola "monopolio"
    almeno un centinaio di volte ?

    la realta' e' che siamo in un oligopolio e che
    Linux per il momento non e' seduto al banchetto
    puo' darsi che riesca a farlo in un futuro, ma
    sempre di oligopolio si trattera': una delle
    distribuzioni primeggera' sulle altre e sara'
    un'altro "flavour of Unix"

    gli altri, a poco a poco saranno assorbiti o
    periranno in virtu' di un modello di business
    che deve ancora dimostrare di poter reggere
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > che microsoft potesse cominciare ad essere
    > > in fase di declino già lo sapevamo.
    > >
    > > Ma ora è più evidente: i layoff
    > cominciano a
    > > interessare anche l'intoccabile monopolio.
    > >
    > > I sostenitori del monopolio non potranno
    > più
    > > sbandierare questo ex-pregio del monopolio
    > > microsoft.
    >
    > sai che avrai ripetuto la parola "monopolio"
    > almeno un centinaio di volte ?
    >
    > la realta' e' che siamo in un oligopolio e
    > che
    > Linux per il momento non e' seduto al
    > banchetto
    > puo' darsi che riesca a farlo in un futuro,
    > ma
    > sempre di oligopolio si trattera': una delle
    > distribuzioni primeggera' sulle altre e sara'
    > un'altro "flavour of Unix"
    >
    > gli altri, a poco a poco saranno assorbiti o
    > periranno in virtu' di un modello di business
    > che deve ancora dimostrare di poter reggere

    Io e altri 19 colleghi campiamo (abbastanza) bene con il lavoro della nostra ditta, box di telecomunicazione linux-based.
    No video. No keyboard. No desktop. No panic.
    non+autenticato
  • > Io e altri 19 colleghi campiamo (abbastanza)
    > bene con il lavoro della nostra ditta, box
    > di telecomunicazione linux-based.
    > No video. No keyboard. No desktop. No panic.

    e ?

    nessuno ha affermato che non ci spazio per
    lavorare con Lniux, una fetta consistente del
    mercato dell'informatica e' Unix, un'altra e' il
    Mainframe ecc ecc

    rileggi...

    c'e' scritto che _il modello open source_
    deve ancora dimostrare di essere un
    modello economico che funziona

    4751

  • - Scritto da: cico

    > c'e' scritto che _il modello open source_
    > deve ancora dimostrare di essere un
    > modello economico che funziona

    lo deve dimostrare a chi?

    Ai sostenitori del modello contrario?

    E perchè si dovrebbe loro fare questo favore?

    che siano loro a spiegarsi il motivo delll'erosione della loro fetta di mercato.

    e buona fortuna





    non+autenticato
  • le leggi "fasciste" sul copyright e le licenze d'uso,la Bsa e tutte quelle software-house intente a far soldi a tutti i costi!
    Qui non si è ancora capito che,con la scusa della pirateria, questi qui,Microsoft è una di questi,vogliono metterci i piedi in capo!
    non+autenticato
  • > le leggi "fasciste" sul copyright e le
    > licenze d'uso,la Bsa e tutte quelle
    > software-house intente a far soldi a tutti i
    > costi!

    Questo e' delirio puro...
    E cosa dovrebbero fare ?
    Produrre software agratisse ?
    O quasi-agratisse ?

    > Qui non si è ancora capito che,con la scusa
    > della pirateria, questi qui,Microsoft è una
    > di questi,vogliono metterci i piedi in capo!

    Che ci siano una serie di leggi intollerabili che
    stanno cercando di fare passare con la scusa
    dei diritti di autore e' vero, ma dire che dietro
    c'e' la MS e' un bel po' riduttivo....
    Ci sono le lobby di mezzo mondo che farebbero
    qualunque cosa per poter controllare in qualche
    modo le masse.

    non+autenticato
  • Se a capo di microsoft ci fosse qualcuno un po' furbetto avrebbe già messo il suo "bellissimo" ma soprattutto "sicurissimo" Xp ad un prezzo più competitivo

    esempio, Microsoft vende le licenze dei suoi sistemi a cica mezzo milione per un prodotto retail e poco meno per i prodotti senza garanzia quale è l'OEM

    se vendesse lo stesso Xp, diciamo ad un prezzo molto inferiore tipo 40 ? a licenza tutti lo comprerebbero, anche per non passare guai.... con il soft che ha sotto la piattaforma microsoft potrebbe fare quello che vuole e non avere pericolosi nemici quali linux e apple

    .... per fortuna sono... diciamo poco intelligenti..... e quindi continuano a penare dietro milioni di persone che copiano la licenza di XP

    steve jobs ha capito qualcosina e sta facendo pagare tutti i servizi e le applicazioni ma a prezzi bassissimi e sarà così per tutto

    TUTTI PAGANO POCO MA PAGANO TUTTI

  • - Scritto da: b.aieie
    > Se a capo di microsoft ci fosse qualcuno un
    > po' furbetto avrebbe già messo il suo
    > "bellissimo" ma soprattutto "sicurissimo" Xp
    > ad un prezzo più competitivo


    E mi spieghi come mai e' diventato Gates l'uomo piu' ricco del mondo e non tu, visto che sei tanto furbetto?

    non+autenticato
  • Dal tuo ragionamento di deducono due cose:

    1) Tu sei l'uomo piu' ricco del pianeta.
    2) Steve Jobs e' al secondo poso.

    Bene.... bene... a me pero' risultava che fosse proprio Gates ad essere l'uomo piu' ricco del pianeta.

    Io ancora mi domando.
    Ma al giorno d'oggi, il ragionamento e' un optional?
    Mah...

    - Scritto da: b.aieie
    > Se a capo di microsoft ci fosse qualcuno un
    > po' furbetto avrebbe già messo il suo
    > "bellissimo" ma soprattutto "sicurissimo" Xp
    > ad un prezzo più competitivo
    >
    > esempio, Microsoft vende le licenze dei suoi
    > sistemi a cica mezzo milione per un prodotto
    > retail e poco meno per i prodotti senza
    > garanzia quale è l'OEM
    >
    > se vendesse lo stesso Xp, diciamo ad un
    > prezzo molto inferiore tipo 40 ? a licenza
    > tutti lo comprerebbero, anche per non
    > passare guai.... con il soft che ha sotto la
    > piattaforma microsoft potrebbe fare quello
    > che vuole e non avere pericolosi nemici
    > quali linux e apple
    >
    > .... per fortuna sono... diciamo poco
    > intelligenti..... e quindi continuano a
    > penare dietro milioni di persone che copiano
    > la licenza di XP
    >
    > steve jobs ha capito qualcosina e sta
    > facendo pagare tutti i servizi e le
    > applicazioni ma a prezzi bassissimi e sarà
    > così per tutto
    >
    > TUTTI PAGANO POCO MA PAGANO TUTTI
    non+autenticato
  • (in questo forum andiamo sempre meglio con l'educazione)

    io non sono il più ricco e steve jobs non è al secondo posto, ma Xp non è il miglior sistema del mondo e al caro bill stringe il culetto visto che gli si sta stringendo il cerchio     Occhiolino

    bill gates è diventato l'uomo più ricco del mondo perchè miracolosamente ha trovato un programmatore al quale ha comprato (si dice anche che non l'abbia proprio comprato) un sistema operativo (MS-DOS) col quale ha fatto fortuna, ma questo è successo molto tempo fa

    io non sono ricco ed è per quello che vorrei più soft open source a poco prezzo... e non dico gratis, perchè non posso pagare XP 250 ? e Office XP 750 ?

    (mi sembra che nel mio post sono stato decisamente educato, perchè vi ricordo che il forum è fatto per discutere e non per offendere)
  • > bill gates è diventato l'uomo più ricco del mondo perchè
    > miracolosamente ha trovato un programmatore al quale ha
    > comprato (si dice anche che non l'abbia proprio comprato)
    > un sistema operativo (MS-DOS) col quale ha fatto fortuna,
    > ma questo è successo molto tempo fa

    Si va bene, da allora è stato seduto e i soldi li ha raccolti da un albero che cresce nel suo giardino
    non+autenticato
  • non mi sembra d'aver mai detto che bill gates è un imbecille che ha vinto alla lotteria e che i soldi gli crescono sotto gli alberi in giardino, ma devi ammettere che a suo tempo è stato fortunato e poi, ma nessuno lo mette in dubbio, è stato bravo negli affari.... il fatto è che man mano che si andava avanti ha fatto fuori un sacco di imprese che potevano dargli fastidio e si è fatto avanti calpestando e comprando gli altri, magari questo poteva evitarlo.... ma allora starai pensando.... e che doveva fare? aspettare che qualcuno lo calpestasse come lui ha fatto con gli altri? ed avresti ragione, ha fatto bene, ma il mio discorso di partenza era un altro, cioè il costo dei prodotti microsoft

    ma guarda che se microsoft abbassasse i prezzi farebbe più bene a te che usi pc che a me che uso mac Sorride
  • > non mi sembra d'aver mai detto che bill
    > gates è un imbecille che ha vinto alla
    > lotteria e che i soldi gli crescono sotto
    > gli alberi in giardino, ma devi ammettere
    > che a suo tempo è stato fortunato e poi, ma
    > nessuno lo mette in dubbio, è stato bravo
    > negli affari.... il fatto è che man mano che
    > si andava avanti ha fatto fuori un sacco di
    > imprese che potevano dargli fastidio e si è
    > fatto avanti calpestando e comprando gli
    > altri, magari questo poteva evitarlo.... ma
    > allora starai pensando.... e che doveva
    > fare? aspettare che qualcuno lo calpestasse
    > come lui ha fatto con gli altri? ed avresti
    > ragione, ha fatto bene, ma il mio discorso
    > di partenza era un altro, cioè il costo dei
    > prodotti microsoft

    Anche Steve Jobs e' stato fortunato, era la
    persona giusta, al momento giusto, nel posto
    giusto con le persone giuste ed ha fatto la
    scelta giusta (prendere da Xerox il concetto
    delle finestre).

    E' stato anche lui uno squalo, ma ha fatto
    scelte sbagliate ed ora la Apple copre un
    mercato praticamente di nicchia.

    La IBM non e' stata mai meno aggressiva di,
    MS ma non e' stata abbastanza lungimirante
    a quanto pare.

    Il mercato e' fatto di tante guerre, battaglie
    vinte e battaglie perse, ma le imprese per
    essere competitive devono anche essere
    aggressive.

    > ma guarda che se microsoft abbassasse i
    > prezzi farebbe più bene a te che usi pc che
    > a me che uso mac Sorride

    Sapendo che MS investe moltissmo in ricerca
    mi va bene anche se i prezzi rimangono cosi'.

    Se devo essere onesto preferirei una situazione
    del tipo: abbassare il prezzo della Home Edition
    e destinare eventualmente i soldi per rafforzare
    i processi di Quality Assurance nella produzione
    del software.

    Se lo usi per lavoro, il costo della licenza e'
    assolutamente abbordabile.
    non+autenticato
  • infatti steva jobs ha fatto grandi e gravi errori tempo fa, ma adesso sta cercando di rimediare.... per fortuna nostra Sorride

    il costo di una licenza non è elevato per un'impresa che prende XP, ma per l'utilizzo casalingo sì
    Ma se l'azienda usa win2000 i prezzi salgono e non di poco.....
  • > infatti steva jobs ha fatto grandi e gravi
    > errori tempo fa, ma adesso sta cercando di
    > rimediare.... per fortuna nostra Sorride

    Jobs e' un super-pistolone, se avesse avuto
    le pa*le veramente avremmo tutti sulla
    scrivania quel gioiello nero con il nome
    a quattro lettere, altro che chiassose
    discussioni su Win/Tux.

    Ma qualcuno si ricorda di cosa diavolo
    faceva NextStep quando usci' ???

    > il costo di una licenza non è elevato per
    > un'impresa che prende XP, ma per l'utilizzo
    > casalingo sì

    Appunto, per questo ho detto che io vedrei
    di buon occhio un abbassamento del prezzo
    per la versione Home, anche se a dire il
    vero con le soluzioni pre-installate OEM
    non e' che costi cosi' tanto...

    Probabilmente lo terranno come ultima
    spiaggia, per ora Linux sui desktop non
    gli fa abbastanza paura

    Ma per l'utilizzo professionale/enterprise
    i prezzi sono piu' che giusti IMO, anche in
    virtu' del fatto che hanno migliorato moltissimo
    i processi di controllo della qualita' interni.

    > Ma se l'azienda usa win2000 i prezzi salgono
    > e non di poco.....

    Per questo e' uscito XP Occhiolino
    non+autenticato
  • però, vedo che con le aziende con cui lavoro installano quasi sempre win2000 sul server e anche sui client e a dire il vero non capisco a cosa serva

    come è vero quello che hai scritto su Next, davvero un portento, ma nessuno lo capì.... o fu steve che non lo fece capire? Sorride

    la versione OEM si appiccica al pc che hai comprato. Ti spiego, se cambi pc perchè non ti piace più quello che hai e vuoi buttarlo, comprando un nuovo pc non puoi metterci il vecchio XP OEM. Questo mi è stato detto personalmente dalla M$
    ho passato parecchi guai e li sto continuando a passare per il fatto che un amico ha perso il numero di serie di un XP OEM e siccome è OEM non gli ridaranno mai il numero, questo significa che ha buttato circa 190 euro per la licenza... vabbè, è distratto, ma io comprando WinXp OEM non pensavo di comprare il cd, ma il numero di serie che in ogni caso mi doveva essere restituito.......
    possiamo dire che la versione OEM non costa di meno perchè la M$ è buona, ma perchè non è garantita come la versione retail
  • > però, vedo che con le aziende con cui lavoro
    > installano quasi sempre win2000 sul server e
    > anche sui client e a dire il vero non
    > capisco a cosa serva

    La solita sfiducia: "devono passare almeno n
    anni oppure essere al service pack m prima
    che sia stabile" Sorride

    La realta', per come la vedo io, e' che Microsoft
    ha fatto veramente passi da gigante con la qualita'.

    Sul mio portatile c'e' installato quasi tutto il software
    di MSDN piu' decine di installazioni/disintallazioni
    di trial di ogni tipo di software.

    Con Windows 2000 Professional non ho _mai_
    dovuto reinstallare e se devo essere onesto
    l'unica volta che ho avuto problemi di instabilita'
    del sistema e' stato a causa di un maledetto
    Spyware che si e' installato dietro le quinte.

    Il tutto per un paio di anni, quando ho cambiato
    portatile l'anno scorso ho reinstallato tutto e dopo
    poco tempo fatto l'upgrade ad XP Professional,
    senza la canonica reinstallazione per partire con
    "tutto pulito", e regge ancora benissimo (con la
    piacevole sorpresa che alla partenza ha un
    footprint in termini di uso della memoria piu'
    basso di 2000).

    Anche la versione server (Windows 2003 ?)
    si presenta bene, almeno le versioni beta e
    la RC1 che ho provato (anche su una macchina
    a 64bit).

    > come è vero quello che hai scritto su Next,
    > davvero un portento, ma nessuno lo capì....
    > o fu steve che non lo fece capire? Sorride

    Mah, tanti fattori concorrenti credo...

    Il prezzo piuttosto alto rispetto ai PC (che in
    confronto erano una cosa indegna sia per il SO
    che mediamente per l'hardware)

    Hardware proprietario inizialmente e poco
    supporto per l'hardware PC poi (quanto ho
    smadonnato con il controller Buslogic)

    Concetti completamente nuovi per la grande
    massa: era gia' pensato per essere in rete
    (Iinternet), aveva una application builder
    RAD da paura, la grande massa aveva,
    probabilmente, bisogno di cose piu' semplici,
    cose come l'indegno Program Manager del 3.11,
    altrimenti non si spiegano neppure i flop di
    sistemi all'avanguardia per i tempi, tipo il Mac
    o l'Amiga Sorride

    Io ci ho messo pochissimo le mani grazie ad
    un collaboratore che era un guru di NextStep
    ed aveva messo in piedi un web server
    ricompilando uno dei primi NCSA.

    Peccato si dovesse anche lavorare, e non
    fare sempre solo i pionieri, quindi studiare (sempre!)
    e via di porcherie: Clipper, Turbo Pascal, C
    ecc. ecc.

    Alla fine e' stato comprato da Casio,
    figuriamoci che bella fine Sorride

    > la versione OEM si appiccica al pc che hai
    > comprato. Ti spiego, se cambi pc perchè non
    > ti piace più quello che hai e vuoi buttarlo,
    > comprando un nuovo pc non puoi metterci il
    > vecchio XP OEM. Questo mi è stato detto

    si, ma allo stato attuale quando ne prendi
    uno nuovo ti ritrovi un'altra licenza XP

    poi che si tratti di monopolio presunto o
    meno lo lascerei ad altri thread dove la
    parola monopolio dilaga...

    > personalmente dalla M$
    > ho passato parecchi guai e li sto
    > continuando a passare per il fatto che un
    > amico ha perso il numero di serie di un XP
    > OEM e siccome è OEM non gli ridaranno mai il
    > numero, questo significa che ha buttato
    > circa 190 euro per la licenza... vabbè, è
    > distratto, ma io comprando WinXp OEM non
    > pensavo di comprare il cd, ma il numero di
    > serie che in ogni caso mi doveva essere
    > restituito.......

    Boh, non saprei, cosi' a naso direi che e'
    una politica un po' del tubazzo...
    dovrebbero sicuramente migliorarla

    > possiamo dire che la versione OEM non costa
    > di meno perchè la M$ è buona, ma perchè non
    > è garantita come la versione retail

    beh direi piuttosto che la versione OEM costa
    meno perche' in virtu' degli accordi con i costruttori
    e' possibile fare economia di scala riducendone
    il prezzo

    che poi non sia garantita come quella retail
    penso sia una cosa che debbano migliorare

    4751
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Successiva
(pagina 1/9 - 41 discussioni)