Alfonso Maruccia

2009, minitonfo dell'advertising

La pubblicità su web è in caduta libera, certificano le organizzazioni di controllo. Si spende meno in advertising ma la ripresa dovrebbe essere rapida. Anche se qualcuno prevede un terrificante tracollo a doppia cifra

Roma - Per l'advertising online made in USA il primo quarto del 2009 è stato negativo come non se ne vedevano da parecchi anni. Lo comunicano Interactive Advertising Bureau e Pricewaterhouse Coopers, che certificano la caduta di cinque punti percentuali nel flusso di ricavi provenienti da banner, ad contestuali e quant'altro.

Non si vedeva un tonfo del genere, e a dirla tutta nemmeno un calo nella crescita della monetizzazione dell'advertising su web dal 2002, subito dopo l'infausto periodo della bolla speculativa della "net economy" con la morìa di start-up e bizzarrie telematiche che ne conseguì. Dal 2002 in poi il mercato non ha fatto che crescere, arrivando al valore complessivo di 5,8 miliardi di dollari del primo trimestre del 2008.

Nel Q1 2009 i ricavi si sono al contrario attestati a "soli" 5,5 miliardi di dollari, mettendo il segno meno a un incremento che nel trimestre precedente era stato di 18 punti percentuali.
Nonostante la recessione il presidente e CEO di IAB Randall Rothenberg concede che "i consumatori stanno spendendo sempre più tempo con i media interattivi", e per questo e altri motivi tali nuovi media continueranno ad accaparrarsi quote di mercato. "Siamo fiduciosi - continua ancora Rothenberg - nel fatto che la crescita tornerà con il miglioramento del clima economico degli Stati Uniti". Dopotutto "i media interattivi sono il modo più affidabile per raggiungere i consumatori", ragion per cui il futuro non potrebbe che essere radioso per l'advertising online.

Qualcuno dovrebbe raccontarlo anche a Nick Denton, founder del celebre network di weblog "professionali" comprendenti (tra gli altri) Lifehacker, Gizmodo, io9 e Kotaku che in una sua profezia del 2008 previde un disastroso calo dei ricavi provenienti dagli ad, pari al 40% del loro valore complessivo.

Alfonso Maruccia
8 Commenti alla Notizia 2009, minitonfo dell'advertising
Ordina
  • Penso che il calo dipenda anche dal modo esagerato e violento di porre banner enormi, che ti impediscono di vedere il copntenuto delle pagine e che ti inseguono nello scrolling.
    Io sempre blocco l'intero dominio dei banner troppo invadenti, col risultato di farli sparire per sempre, invece spesso clicco su quelli piccoli e discreti che non mi rompono le scatole.
    Come faccio io, penso siano in molti a farlo.
    Ormai l'advertising, é diventato una violenza e molti ne sono infastiditi e lo snobbano.
    non+autenticato
  • Giusto... lo faccio anch'io. Ho poco tempo per leggere e ci sono banner che ti occupano l'area visibile per parecchi secondi. In questo caso, quella notizia, me la vado a leggere altrove.
    non+autenticato
  • C'è un mare di gente che ha perso il lavoro, lo sta perdendo, non lo riesce a trovare e non riuscirà più.
    Solo da noi i politici continuano a negare l'evidenza, vabbè che la gente è stupida ed ignorante ma a tutto c'è un limite, e quando la pancia vuota inizierà a dolere...
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > C'è un mare di gente che ha perso il lavoro, lo
    > sta perdendo, non lo riesce a trovare e non
    > riuscirà
    > più.

    E ce ne sarà sempre di più. Perché le cose dovrebbero cambiare? Ormai è dimostrato che la gente accetterà di piegarsi a qualunque cose per il lavoro più miserrimo. I datori di lavoro generosamente ci consentiranno di raccogliere gli escrementi di cane con le mani e noi, grati, puliremo loro le suole con la lingua.

    > Solo da noi i politici continuano a negare
    > l'evidenza, vabbè che la gente è stupida ed
    > ignorante ma a tutto c'è un limite, e quando la
    > pancia vuota inizierà a
    > dolere...

    Cosa pensi che succeda? Niente. Il popolo è disarmato, si troverebbe di fronte ad un muro di armi che ne farebbe cibo per vermi in un istante.

    L'era del servaggio è tornata.
    non+autenticato
  • Mah, le forze dell'ordine sono quelle che hanno subito i tagli più sanguinosi, alla faccia della propaganda sulla sicurezza per abbindolare i gonzi.
    Finora sono stati zitti, ma quando sarà ora di appendere per i piedi gli attuali governanti non so da quale parte si schiereranno.
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > Mah, le forze dell'ordine sono quelle che hanno
    > subito i tagli più sanguinosi

    Ecco perché ci saranno forze militari europee a risolvere il problema.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Get Real
    > - Scritto da: Funz
    > > Mah, le forze dell'ordine sono quelle che hanno
    > > subito i tagli più sanguinosi
    >
    > Ecco perché ci saranno forze militari europee a
    > risolvere il
    > problema.

    Certo che a voi piace proprio la strada che stiamo prendendo, neh?
    Anche l'ultima volta il regime fascista è arrivato pianin pianino e col favore del popolo ignorante. Si è visto com'è andata a finire.
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Get Real
    >
    > L'era del servaggio è tornata.

    È tornata solo in Italia e in quei pochi Paesi incivili che non prevedono sussidi di disoccupazione.

    Chi può contare su un sussidio sicuro non si riduce alla disperazione e alla schiavitù perché sa che non arriverà mai alla fame.

    Proprio per questo motivo in Italia non ci saranno mai sussidi certi... altrimenti le grandi aziende non troverebbero più schiavi!

    P.S.
    Un altro metodo per produrre schiavi è quello di far pagare le tasse anche a chi ha un reddito sotto la soglia della povertà. Naturalmente ciò non sarebbe neanche immaginabile in un qualsiasi normale Paese civile.
    non+autenticato