Il keylogger che rischia 20anni

di A. Chiodi - Fa rabbrividire il modo in cui viene gestito il caso di un ragazzo che ha registrato i tasti premuti dai propri compagni di università per accedere ai loro account

Roma - Non ha avuto molta eco la recentissima storia di un universitario americano accusato di aver installato su più di cento computer del proprio ateneo software di keylogging e di aver avuto accesso ai dati personali di altri studenti.

Eppure la questione è piuttosto interessante visto che per le sue azioni, sulle quali sta investigando assieme all'Università anche il procuratore generale del Massachussets, il 21enne Douglas Bourdreau ora rischia davvero moltissimo.

Sul piano formale, infatti, il giovane studente è accusato di aver violato ben sette normative federali, che vanno dall'intercettazione illegale delle comunicazioni elettroniche all'accesso non autorizzato a sistemi informatici protetti. La colpa più grave è di essere entrato di soppiatto nel corso della notte negli uffici dell'Università al fine di commettere un reato: da sola quest'accusa prevede una pena massima di 20 anni di carcere.
In pratica, il nostro ha utilizzato il software di registrazione dei tasti premuti sulle tastiere (keylogging, appunto) nel proprio campus per poter accedere agli account degli altri studenti, ricaricare impunemente la propria carta per compiere acquisti all'interno del campus e leggere dati che non avrebbe mai dovuto conoscere.

L'ha fatta senz'altro grossa ma le accuse sono così pesanti da destare preoccupazione, visto che il processo che attende Bourdreau potrebbe concludersi con una condanna senza precedenti. Anche per questo i responsabili dell'Università hanno tenuto a sottolineare come, nonostante le gravi azioni commesse, nessuno dei dati di cui è entrato in possesso l'accusato sono stati venduti a terzi o utilizzati per altri abusi.

Da due anni a questa parte gli illeciti informatici commessi all'interno delle Università americane devono essere riferiti alla polizia anziché essere gestiti con inchieste e procedure interne. E dunque, anziché rimediare con tuttalpiù un'espulsione e una multa ora si parla apertamente di carcere. E qualcuno alla procura generale vuole fare di Bourdreau un esempio per tutti. Che bello lo stato di diritto.

Adele Chiodi
TAG: cybercops
128 Commenti alla Notizia Il keylogger che rischia 20anni
Ordina
  • inutile scandalizzarsi, se vi loggassero la vostra tastiera non vi girerebbero gli zurloni!?!?
    allora è giusta la galera!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > inutile scandalizzarsi, se vi loggassero la
    > vostra tastiera non vi girerebbero gli
    > zurloni!?!?
    > allora è giusta la galera!
    Perché non fucilarlo, allora, visto che ti girano gli zurloni. E' giusto, no?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > inutile scandalizzarsi, se vi loggassero
    > la
    > > vostra tastiera non vi girerebbero gli
    > > zurloni!?!?
    > > allora è giusta la galera!
    > Perché non fucilarlo, allora, visto che ti
    > girano gli zurloni. E' giusto, no?
    PS visto che era ironico il mio commento precedente: giusta la galera si, ma giusto anche scandalizzarsi, visto che sono 20 ANNI. La pena deve essere proporzionale alla gravità del reato!
    non+autenticato
  • Ai pedofili quanti milioni di anni si meritano?
    non+autenticato
  • Giusto sarebbe verificare innanzi tutto cosa ha fatto di tale dati e comunque un "errore" la prima volta io lo perdonerei a tutti e come in italia, gli brucerei la condizionale e finita lì!
    Se invece avesse creato danni con i dati rubati, qualche mesetto di galera lo dovrebbe fare, ma nulla di più!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > A questo vogliono dargliene 20!

    Come da oggetto corretto...
    non+autenticato
  • prima però un'inculatina no?

    Vabbè basta... che mi censurano.
    non+autenticato
  • ...sta nella pesantezza della pena (che il tipo sia un ladro, e un imbecille siamo tutti daccordo).
    Forse molti spacciatori e stupratori prendono pene inferiori,
    compresi quei simpaticoni della Enron e della Wordcom che pur essendo GIA ricchi hanno comunque cercato di rubare miliardi di dollari, faranno ben più schifo?
    Se non è più grave quest'ultimo caso non sò più cosa pensare...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...sta nella pesantezza della pena (che il
    > tipo sia un ladro, e un imbecille siamo
    > tutti daccordo).
    > Forse molti spacciatori e stupratori
    > prendono pene inferiori,
    > compresi quei simpaticoni della Enron e
    > della Wordcom che pur essendo GIA ricchi
    > hanno comunque cercato di rubare miliardi di
    > dollari, faranno ben più schifo?
    > Se non è più grave quest'ultimo caso non sò
    > più cosa pensare...
    ESATTOSorride
    Ma sembra che non sia un'opinione molto condivisa. Evidentemente gli spacciatori sono dei burloni, e i simpaticoni di Enron e Wordcom sono gente per bene ed hanno fatto solamente una ragazzata. Cazzo, ad Al Capone avranno dato meno anni!
    non+autenticato

  • In italia grazie probabilmente al nostro premier la legge è diventata una barzelletta.

    Il tizio in questione ha installato 100 (cento) programmi per sottrarre informazioni riservate ai proprio colleghi.
    Una volta in possesso dei dati li ha usati per " ricaricare impunemente la propria carta per compiere acquisti all'interno del campus"

    Questo trattasi di furto premeditato...

    Se non si puniscono gente come questa non stupiamoci se poi i teenager di oggi stuprano,uccidono(Roma weekend scorso) rubano.




    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Se non si puniscono gente come questa non
    > stupiamoci se poi i teenager di oggi
    > stuprano,uccidono(Roma weekend scorso)
    > rubano.
    Ma non diciamo fesserie. Discorso banale, oltre che moralista.
    Credo che la quasi totalità dei messaggi di questo forum non critichi il fatto di condannare questo ragazzo, ma l'entità della pena!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Se non si puniscono gente come questa non
    > > stupiamoci se poi i teenager di oggi
    > > stuprano,uccidono(Roma weekend scorso)
    > > rubano.
    > Ma non diciamo fesserie. Discorso banale,
    > oltre che moralista.
    > Credo che la quasi totalità dei messaggi di
    > questo forum non critichi il fatto di
    > condannare questo ragazzo, ma l'entità della
    > pena!

    La pena deve essere significativa altrimenti non ha effetto.
    dissuasivo.
    Dire al ragazzo cattivo non farlo più non serve a nulla...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > La pena deve essere significativa altrimenti
    > non ha effetto.
    > dissuasivo.
    > Dire al ragazzo cattivo non farlo più non
    > serve a nulla...
    Da qui a 20 anni ce ne passa...
    20 anni? Hai presente quanto sono 20 anni? Hai rovinato COMPLETAMENTE la vita ad una persona. Per cosa? Perché se non dai 20 anni non ha effetto dissuasivo? Che poi è tutto da provare che con 20 anni ottieni più effetto dissuasivo che non con una pena minore (e a mio avviso più equa), guarda la beneamata pena di morte, motivata spesso dal fatto "fa da deterrente al crimine".... le statistiche non mi sembrano diano ragione ai sostenitori di questa tesi.
    Come ho già detto da qualche parte: probabilmente nemmeno ad Al Capone hanno dato 20 anni! Quanti anni hanno dato ai simpaticoni di Enron? Quanti anni danno ad uno spacciatore? Quanti anni danno per una rapina in banca?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 23 discussioni)