Giorgio Pontico

Canada, il camcording rallenta

Quello che una volta era considerato il paese dei balocchi per i camcorder cambia musica. Dopo aver istituito leggi più stringenti

Roma - Leggi più severe avrebbero determinato una lenta ma costante diminuzione del camcording in Canada: il progetto di legge C-59 emanato dal governo canadese nel 2007 starebbe sortendo gli effetti desiderati, ovvero limitare il diffondersi di questa pratica punendo chi si reca al cinema munito di strumenti per catturare video da destinare poi al file sharing.

A sospingere il trend e a dissuadere i cittadini canadesi dal camcording ci sarebbero diverse persone arrestate perché trovate in possesso di cam all'interno di sale cinematografiche.

Tuttavia sono stati registrati anche enormi granchi presi dalle autorità. Una donna di Montreal ha ricevuto dallo stato 10mila dollari di risarcimento dopo che nel 2007 la sua borsa era stata controllata da un impiegato del cinema cui si era recata: credeva vi nascondesse una videocamera. (G.P.)
1 Commenti alla Notizia Canada, il camcording rallenta
Ordina