Claudio Tamburrino

LCD per medicine

Una sostanza contenuta negli schermi a cristalli liquidi sarebbe riciclabile nella produzione di farmaci

Roma - Secondo alcuni ricercatori del dipartimento di chimica della University of York, un composto contenuto negli schermi LCD, l'alcool polivinilico (PVA).
potrebbe essere riutilizzato nella produzione di medicine.

Il gruppo di ricercatori ha trovato il modo per recuperare il PVA dagli schermi destinati alle discariche o agli inceneritori e convertirlo in una sostanza che ritengono poter essere usata per bende che aiutino la rigenerazione naturale o nelle pillole o altre medicazioni necessarie a rilasciare il principio attivo ad una determinata parte del corpo.

La nuova tecnica consiste nel riscaldare l'LCD in acqua attraverso microonde e risciacquare il materiale in etanolo: si ottiene così il composto chiamato "expanded PVA".
Il composto potrà essere molto utile al settore della biomedicina dal momento che non produce risposte dal sistema immunitario del corpo umano.

Il Professor James Clark ha sottolineato che con 2,5 miliardi di monitor a cristalli liquidi destinati alle discariche c'è un gran bisogno di trattare prodotti a fine vita che spesso contengono sostanze che risultano nocive. È importante, per questo, trovare un modo per riciclare il maggior numero di componenti possibile. (C.T.)
3 Commenti alla Notizia LCD per medicine
Ordina