Oggi Netstrike contro il trading online

Fineco oggi viene presa di mira da una manifestazione telematica organizzata in occasione del Global Forum di Napoli. L'iniziativa è coordinata da netstrike.it. Fineco preferisce non commentare

Roma - Oggi tra le 15 e le 17,30 avrà luogo un netstrike contro il sito Fineco tradequote.fineco.it. La manifestazione telematica è organizzata sul sito netstrike.it in occasione del Global Forum di Napoli.

Nel comunicato con cui è stata presentata la protesta elettronica si legge che "il senso e gli obiettivi del contro global forum sono gli stessi che hanno attraversato le mobilitazioni di Seattle, Melbourne, Praga, Nizza, Davos e che ritroveranno in luglio a Genova un ulteriore momento di condensazione. A Napoli, come nei precedenti appuntamenti, nostra intenzione è contrapporre alla globalizzazione neoliberista delle logiche del profitto e del capitale, una globalizzazione dei diritti e dei movimenti sociali".

"Vogliamo bloccare - continua la nota - una parte dell'immensa massa finanziaria che avvolge 24 ore su 24 l'intero globo terrestre, migliaia di miliardi che rimbalzano da Tokio a Wall Street passando per Londra, determinando crisi economiche, licenziamenti, carestie, accentuando ancor più la miseria e la povertà dei già poveri e la ricchezza e il potere per i pochi già ricchi".
Punto Informatico ha ieri contattato Fineco, pioniera del trading online in Italia, che ha però spiegato di non voler commentare l'evento.
TAG: italia
51 Commenti alla Notizia Oggi Netstrike contro il trading online
Ordina
  • Certo che questa è proprio bella...non c'è nient'altro di meglio che infastidire chi opera nel settore del trading on line.
    Ma quante persone inutili che ci sono mai in giro...
    non+autenticato
  • Nessuno che magari abbia letto le motivazioni del Netstrike. Persone che parlano a vanvera. Persone che pensano che usando il trading, si distruggono le grosse compagnie.
    Ma sapete che c'è dietro a Fineco, e a tutti i vari treaders on line?
    I soliti. Le solite banche. Si alleano fanno alleanze, creano un nuovo gruppo.
    Così le uniche persone che non ci guadagnano sono gli impiegati che tra un po' scompariranno perchè magari chiuderanno gli sportelli. Ma non chiudono quelli a Milano. Se chiudono alcuni sportelli a Milano, ce ne sarà sempre qualcuno aperto. Parlo dei piccoli centri. Dove se chiude "qualche" sportello, non ce ne sono più.
    Il trading è come il videopoker. Guardate gli spot. Sembra che investire sia una cosa sicura. Se va bene guadagni tanto. Altrimenti guadagni sempre qualcosina. Solo che metterla su questo piano invece, abbindoli chi non ha grossi guadagni, vede la prospettiva di magari poter aumentare un po' le entrate, e magari perde. Ma quella perdita corrisponde a mandare magari in rovina una famiglia. Perchè le macchinette del videopoker hanno un limite di spesa e il traders no?
    Pero' la new economy stà mandando in malora tutto.
    Imprenditori con solde basi "old" vendono per darsi al nuovo mercato, con probabilità di più lauti guadagni lavorando meno.
    L'economia è molto semplice, da un certo punto di vista.
    Ci sono Tot soldi in circolazione. Se uno ne ha tanti, uno ne ha di meno. Mettete su scala mondiale tutto ciò, e si capisce che globalizzazione vuol dire sempre più soldi nelle mani di pochi. Però i soldi devono circolare. E allora i molti più soldi di sempre più pochi vanno in aqcuisti di sempre più poche cose ad un prezzo sempre più caro. Indifferente per chi ha sempre più soldi. Pesantissimo per chi ne ha sempre di meno.
    Finchè quelli che hanno molti pochi soldi diventano molti. E si ribellano. Per il pane.
    Allora bisogna mantenere un certo equilibrio. Ecco intervenire quindi la bilancia Inflazione/tassi d'interesse. Un sottile gioco per mantenere in equilibrio precario un sistema che da solo non lo potrebbe fare. Ecco la new economy che ha dato una bella botta sbilanciando di molto questa bilancia, che viene assestata a suon di interventi che fanno in modo che la stessa abbia paurose oscillazioni
    Definire comunista chi vorrebbe che questo equilibrio fosse mantenuto da solo è un commento che solamente un ignorante può fare. Colui che ancora crede di essere importante per la società in quanto cittadino e non in quanto consumatore.
    Netstrike in quanto tale è perfettamente legale, e a mio parere in ogni caso molto di più delle truffe che queste compagnie perpetrano ai danni del consumatore.
    non+autenticato
  • A me sembra che anche tu parli senza sapere...

    Un primo impiego alla Bipop-Fineco frutta al dipendente L. 2.000.000 mensili.
    Ma dire così è mooooolto riduttivo.

    Naturalmente c'è la 14esima, 15esima e 16esima. In piu' ci sono i premi che spesso annualmente ammontano ad almeno 3 o 4 mensilità. Poi ci sono le spese dentistiche e mediche pagate, poi alcuni hanno anche il telefonino in comodato d'uso gratuito e BOLLETTA PAGATA (non devono nemmeno anticipare i soldi, la bolletta arriva alla banca)
    E sono miglioni annui anche questi, perchè se non lo paghi, il telefonino, lo consumi senza ritegno.

    Siamo quasi sui 4 milioni mensili, AL PRIMO IMPIEGO, ossia per un neo assunto che non ha mai lavorato nel settore.

    Non vi parlo poi di quelli che sono un pochino + su di grado.

    Quindi, dire che ci perdono i dipendenti mi sembra un po' azzardato.

    I dati citati non me lisono inventati... Ho due amici che ci lavorano qui a brescia.








    - Scritto da: l <MCfc>
    > Nessuno che magari abbia letto le
    > motivazioni del Netstrike. Persone che
    > parlano a vanvera. Persone che pensano che
    > usando il trading, si distruggono le grosse
    > compagnie.
    > Ma sapete che c'è dietro a Fineco, e a tutti
    > i vari treaders on line?
    > I soliti. Le solite banche. Si alleano fanno
    > alleanze, creano un nuovo gruppo.
    > Così le uniche persone che non ci guadagnano
    > sono gli impiegati che tra un po'
    > scompariranno perchè magari chiuderanno gli
    > sportelli. Ma non chiudono quelli a Milano.
    > Se chiudono alcuni sportelli a Milano, ce ne
    > sarà sempre qualcuno aperto. Parlo dei
    > piccoli centri. Dove se chiude "qualche"
    > sportello, non ce ne sono più.
    > Il trading è come il videopoker. Guardate
    > gli spot. Sembra che investire sia una cosa
    > sicura. Se va bene guadagni tanto.
    > Altrimenti guadagni sempre qualcosina. Solo
    > che metterla su questo piano invece,
    > abbindoli chi non ha grossi guadagni, vede
    > la prospettiva di magari poter aumentare un
    > po' le entrate, e magari perde. Ma quella
    > perdita corrisponde a mandare magari in
    > rovina una famiglia. Perchè le macchinette
    > del videopoker hanno un limite di spesa e il
    > traders no?
    > Pero' la new economy stà mandando in malora
    > tutto.
    > Imprenditori con solde basi "old" vendono
    > per darsi al nuovo mercato, con probabilità
    > di più lauti guadagni lavorando meno.
    > L'economia è molto semplice, da un certo
    > punto di vista.
    > Ci sono Tot soldi in circolazione. Se uno ne
    > ha tanti, uno ne ha di meno. Mettete su
    > scala mondiale tutto ciò, e si capisce che
    > globalizzazione vuol dire sempre più soldi
    > nelle mani di pochi. Però i soldi devono
    > circolare. E allora i molti più soldi di
    > sempre più pochi vanno in aqcuisti di sempre
    > più poche cose ad un prezzo sempre più caro.
    > Indifferente per chi ha sempre più soldi.
    > Pesantissimo per chi ne ha sempre di meno.
    > Finchè quelli che hanno molti pochi soldi
    > diventano molti. E si ribellano. Per il
    > pane.
    > Allora bisogna mantenere un certo
    > equilibrio. Ecco intervenire quindi la
    > bilancia Inflazione/tassi d'interesse. Un
    > sottile gioco per mantenere in equilibrio
    > precario un sistema che da solo non lo
    > potrebbe fare. Ecco la new economy che ha
    > dato una bella botta sbilanciando di molto
    > questa bilancia, che viene assestata a suon
    > di interventi che fanno in modo che la
    > stessa abbia paurose oscillazioni
    > Definire comunista chi vorrebbe che questo
    > equilibrio fosse mantenuto da solo è un
    > commento che solamente un ignorante può
    > fare. Colui che ancora crede di essere
    > importante per la società in quanto
    > cittadino e non in quanto consumatore.
    > Netstrike in quanto tale è perfettamente
    > legale, e a mio parere in ogni caso molto di
    > più delle truffe che queste compagnie
    > perpetrano ai danni del consumatore.
    non+autenticato

  • 1) Non leggi
    2) Probabilmente non capisci neanche quello che ascolti

    Tu hai 2 amici, io ci ho lavorato "dentro" ad una banca. Quello che tu citi è ne più ne meno il contratto bancario minimo di TUTTE le banche.
    Quindi i tuoi amici non hanno nè più nè meno degli altri bancari. Poi mi dici "chissa agli alti livelli..."
    Non è vero. Il contratto bancario è molto alto inizialmente, ma agli alti livelli non prendi molto di più. Salvo essere moooolto in alto.
    Poi non dicevo che gli impiegati sono mal pagati. Esiste un contratto nazionale che prevede dei minimi. Quello che dico è che una banca on line ha bisogno degli stessi impiegati per gestire 100 volte più utenti che non una tradizionale. E non ha bisogno di sportelli. Quindi, il problema che ponevo non sono i pochi soldi, ma i probabili posti di lavoro, che prendevo solo ad esempio come unici che ci rimettevano se tutta Italia avesse conti on-line, perchè qualcuno aveva postato su questo forum che le banche on-line avrebbero fatto fallire i padroni di quelle tradizionali. Io volevo ribadire il fatto che i personaggi che detengono il potere sarebbero stati li stessi in ogni caso.
    non+autenticato


  • - Scritto da: l <MCfc>
    >
    > 1) Non leggi
    > 2) Probabilmente non capisci neanche quello
    > che ascolti

    Probabilmente potrei dirti la stessa cosa.

    Il mio esempio non era Bipop rispetto a tutti gli altri, ma le banche rispetto agli altri settori. Mi sembrava talmente palese-

    Ps: Il capufficio del mio amico prende 12 milioni mensili. Va bene?
    Quindi non diciamo sciocchezze. E' un capufficio. Non è il direttore di una banca.

    Con i discorsi che fai del tipo "stessi dipendenti 100 volte gli utenti gestiti"
    saremmo ancora tutti a zappare la terra con i buoi e gli aratri di legno...

    Evita di mandarmi a zappare la terra perchè è una battuta facile.

    E poi non ho capito: Se un negozio va male il negoziante con chi protesta?? Va in cassa integrazione^?? No, si attacca.
    Oppure se l'azienda va male è colpa dell'azienda mentre i dipendenti non c'entrano, mentre se il mercato va male è colpa del negoziante?
    Si arrangia e va a fare qualcos'altro.
    Non protesta contro la globalizzazione..
    Oppure non spacca le auto perchè gli hanno aperto un centro commerciale in parte.


    ci hai lavorato dentro...
    e allora?
    eccazzo, che minimi...


    >
    > Tu hai 2 amici, io ci ho lavorato "dentro"
    > ad una banca. Quello che tu citi è ne più ne
    > meno il contratto bancario minimo di TUTTE
    > le banche.
    > Quindi i tuoi amici non hanno nè più nè meno
    > degli altri bancari. Poi mi dici "chissa
    > agli alti livelli..."
    > Non è vero. Il contratto bancario è molto
    > alto inizialmente, ma agli alti livelli non
    > prendi molto di più. Salvo essere moooolto
    > in alto.
    > Poi non dicevo che gli impiegati sono mal
    > pagati. Esiste un contratto nazionale che
    > prevede dei minimi. Quello che dico è che
    > una banca on line ha bisogno degli stessi
    > impiegati per gestire 100 volte più utenti
    > che non una tradizionale. E non ha bisogno
    > di sportelli. Quindi, il problema che ponevo
    > non sono i pochi soldi, ma i probabili posti
    > di lavoro, che prendevo solo ad esempio come
    > unici che ci rimettevano se tutta Italia
    > avesse conti on-line, perchè qualcuno aveva
    > postato su questo forum che le banche
    > on-line avrebbero fatto fallire i padroni di
    > quelle tradizionali. Io volevo ribadire il
    > fatto che i personaggi che detengono il
    > potere sarebbero stati li stessi in ogni
    > caso.
    non+autenticato
  • Ammesso per assurdo che le ragioni dei ragazzi di netstrike abbiano un fondo di verità, ci sono altri modi per farle valere, e non questo, paragonato giustamente all'andare in giro a spaccare le vetrine per strada.
    Così facendo la cosa viene ridotta alla protesta becera di quattro ragazzotti, non a caso fineco non si è neanche degnata di commentare...
    non+autenticato


  • - Scritto da: Ric59
    > Ammesso per assurdo che le ragioni dei
    > ragazzi di netstrike abbiano un fondo di
    > verità, ci sono altri modi per farle valere,
    > e non questo, paragonato giustamente
    > all'andare in giro a spaccare le vetrine per
    > strada.
    > Così facendo la cosa viene ridotta alla
    > protesta becera di quattro ragazzotti, non a
    > caso fineco non si è neanche degnata di
    > commentare...

    Vai a leggere il sito di netstrike. Fineco non ha commentato perchè non è il VERO bersaglio della protesta.
    La protesta è contro la globalizzazione. C'è gente in piazza a napoli. E per unirsi alla protesta "da casa" è stato scelto un obbiettivo in Italia che potrebbe rappresentare la globalizzazione.
    Dimmi un altro modo di protestare legalmente, e che faccia "rumore" in modo da essere visti tramite internet che farai un piacere a tutti.
    non+autenticato

  • > Fineco
    > non ha commentato perchè non è il VERO
    > bersaglio della protesta.
    > La protesta è contro la globalizzazione

    In effetti la lucida teoria dei terroristi è di «colpirne uno per educarne 100»: quando educare va inteso per terrorizzare.

    Quanto vale per voi questo concetto? Sembra molto.
    non+autenticato

  • parcheggino le loro auto lì vicino
    e spacchino i loro stessi parabrezza...


    Mi diranno , ecco sempre a pensare alle tue cose...

    Certo, ma E' ASSOLUTAMENTE FUORI DA OGNI DUBBIO CHE SE FOSSERO LE LORO AUTO AD ESSERE DISTRUTTE O LE LORO VETRINE, LE DIFENDEREBBERO CON LE BOMBE...

    Come ho detto prima, comunisti ipocriti.

    Ciò che è tuo è mio, ciò che è mio è mio...
    Che feccia.







    - Scritto da: l <MCfc>
    >
    >
    > - Scritto da: Ric59
    > > Ammesso per assurdo che le ragioni dei
    > > ragazzi di netstrike abbiano un fondo di
    > > verità, ci sono altri modi per farle
    > valere,
    > > e non questo, paragonato giustamente
    > > all'andare in giro a spaccare le vetrine
    > per
    > > strada.
    > > Così facendo la cosa viene ridotta alla
    > > protesta becera di quattro ragazzotti,
    > non a
    > > caso fineco non si è neanche degnata di
    > > commentare...
    >
    > Vai a leggere il sito di netstrike. Fineco
    > non ha commentato perchè non è il VERO
    > bersaglio della protesta.
    > La protesta è contro la globalizzazione. C'è
    > gente in piazza a napoli. E per unirsi alla
    > protesta "da casa" è stato scelto un
    > obbiettivo in Italia che potrebbe
    > rappresentare la globalizzazione.
    > Dimmi un altro modo di protestare
    > legalmente, e che faccia "rumore" in modo da
    > essere visti tramite internet che farai un
    > piacere a tutti.
    non+autenticato

  • La solita moralina del solito comunistucolo del centro sociale occupato dietro l'angolo... ma cercati un lavoro piuttosto che andare a graffitare sui muri le solite frasi vuote e vomitare accozzaglie strampalate senza alcun senso...
    non+autenticato
  • Ne sei proprio sicuro???????
    non+autenticato


  • - Scritto da: il POPOLO....
    > Ne sei proprio sicuro???????

    Ma parli a nome del POPOLO o sei anche tu un anonimo, ma comunista?
    non+autenticato
  • Il netstrike e' una manifestazione telematica, cosi' come e' una manifestazione scendere per strada o esporre uno striscione dal proprio balcone.
    Si puo' non essere d'accordo (e in questo caso io non lo sono) sui fini, ma e' una manifestazione che va rispettata, che ha i suoi motivi e che Fineco ha fatto malissimo a non commentare.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Stefan
    > Il netstrike e' una manifestazione
    > telematica, cosi' come e' una manifestazione
    > scendere per strada o esporre uno striscione
    > dal proprio balcone.
    > Si puo' non essere d'accordo (e in questo
    > caso io non lo sono) sui fini, ma e' una
    > manifestazione che va rispettata, che ha i
    > suoi motivi e che Fineco ha fatto malissimo
    > a non commentare.

    Sono il portavoce di alcuni tuoi vicini di casa.
    Ti annuncio che ci sei antipatico e pertanto domani dimostreremo piazzandoci davanti alla tua porta e impedendoti di entrare e uscire.
    Puoi non essere d'accordo, ma devi rispettarci.

    E adesso scusa, ma devo andare. Ho un appuntamento per un linciaggio.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Linch

    Se qualcuno ti sta antipatico affari tuoi ma se con i vicini vi mettete d'accordo per fare un corteo allora la cosa cambia .... e diventa di interesse collettivo e sociale.
    Ma anche se in tanti non e' detto che abbiate ragione.
    I cortei sono per me giusti ma solo se sono giusti gli obiettivi.
    Non faccio il difensore del diritto fine a se stesso.
    Ma allora a che serve fare il netstrike contro chi fa' trading on-line, e' stupidamente simbolico ...
    anzi se ci si pensa bene, se tutti facessero trading conterebbero un po' di meno quelli che controllano davvero i flussi di denaro e la "globalizzazione".
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)