Giorgio Pontico

Schmidt, YouTube ha ingranato

Dopo anni di conti in rosso il portalone video avrebbe imboccato la strada giusta. Il segreto? La nuova pubblicità

Roma - Eric Schmidt, CEO di Google, si è detto soddisfatto della traiettoria su cui è posto YouTube, il servizio di video sharing acquisito nel 2006 e che almeno finora non ha mai generato i profitti sperati dai compratori del Googleplex.

La musica sembra adesso in procinto di cambiare: ne è convinto Patrick Pichette, chief financial officer di BigG, che ha attribuito il merito di questa sensibile sterzata alle nuove modalità di advertising poste in atto proprio nel tentativo di rendere YouTube economicamente fruttuoso: "Siamo decisamente soddisfatti della crescita di YouTube - ha commentato Pichette - abbiamo adesso ragione di ritenere che nel medio periodo potremmo vedere finalmente una crescita sostanziale".

Secondo il direttore marketing di Mountain View il numero di utenti che si imbattono nei banner pubblicitari dei video proprietari sarebbe triplicato rispetto all'anno passato: "Stiamo finalmente trasformando in soldi - ha dichiarato Jonathan Rosenberg - i miliardi di click mensili".
Se queste profezie dovessero rivelarsi veritiere andrebbero a confermare quanto dichiarato poco tempo fa proprio da Schimdt, che chiedeva di non perdere la fiducia nel Tubo. (G.P.)
Notizie collegate
  • BusinessWebTheatre/ YouTube diventa adultodi Gabriele Niola - Da contenitore di tutto e distributore di tutto a contenitore di tutto e distributore di prodotti professionali. YouTube si ripensa in chiave business. Il futuro degli amatori?
  • BusinessYouTube: i video sono bannerGoogle non ha solo annunciato la tube-revolution ma ha anche aperto ad AdSense per i videogiochi, per non tralasciare pupille che ancora vedono troppi pochi spot - Su YouTube, Google, Hulu e contenuti il commento di Gabriele Niola
  • BusinessYouTube sposa Universal e flirta con SonyIl produttore di contenuti ha deciso di rilanciarsi sul web tramite un accordo con il portale di video online volto alla promozione di contenuti premium. Sony, invece, pensa alla piattaforma di Google per fornire interi film
10 Commenti alla Notizia Schmidt, YouTube ha ingranato
Ordina