Claudio Tamburrino

iPhone, il catalogo dei molestatori

L'applicazione Offender Locator informa sui molestatori sessuali che abitano nelle vicinanze. Ma solo negli USA

Roma - Un'applicazione iPhone permette di individuare i molestatori sessuali che abitano nelle vicinanze. Ma ciò è possibile solo negli USA.

Negli States, infatti, i condannati per reati sessuali devono registrarsi in una banca dati online pubblica, in modo da mantenere le informazioni aggiornate e disponibili a tutti.

L'applicazione Offender Locator è fra le 10 applicazioni per iPhone più vendute (costa 99 centesimi di dollaro) e permette, funzionando con il GPS di iPhone, di individuare i molestatori presenti nella zona, per ognuno dei quali è possibile visualizzare la foto, i dati personali, l'indirizzo ed il reato commesso. Oppure permette di inserire manualmente un indirizzo specifico nelle cui vicinanze si potranno individuare gli eventuali ex detenuti per reati sessuali.
Il successo dell'applicazione da una parte sorprende, perché i relativi dati gratuiti del registro dei molestatori non hanno un grande volume di visite, dall'altra appare illuminare un generale sentimento di paura.

Ulteriore questione che solleva è la legalità o meno della commerciabilità dei dati personali (ancorché di ex detenuti) contenuti. (C.T.)
Notizie collegate
  • AttualitàLa tecnologia di Google contro la pedopornografiaAlgoritmi nati per combattere l'abuso del copyright verranno utilizzati per contrastare la circolazione di materiale pedopornografico in rete. Della serie quando "Google può fare del bene" oltre a fruttare quattrini per gli azionisti.
  • AttualitàMySpace consegna i predatori sessualiLa lista delle persone condannate per reati a sfondo sessuale che si sono avvicendate fra i profili del social network è stata fornita alla autorità statunitensi. I sexual offender sono migrati su Facebook. Che li ha resi inoffensivi
  • Diritto & InternetUSA, autogogna online per i sex offendersChi è stato condannato per reati sessuali dovrà consegnare i propri indirizzi di posta elettronica, gli account di instant messaging e qualsiasi altro identificativo web. Così da poter essere messo al bando con un clic
9 Commenti alla Notizia iPhone, il catalogo dei molestatori
Ordina