XScale pulsa sui primi smartphone

Alcuni produttori di telefoni cellulari hanno svelato i primi modelli di smartphone basati sui chip XScale di Intel e in grado di offrire funzionalità multimediali e di gestione dei dati equiparabili a quelle di un comune PDA

Cannes - Alcuni produttori di telefoni cellulari hanno iniziato a muoversi verso i chippetti embedded di Intel, gli XScale, per i loro nuovi dispositivi mobili con funzionalità di elaborazione dati.

Seguendo la scelta già fatta di recente da Samsung e Hitachi, Maxon Telecom e MiTAC International hanno infatti annunciato nuovi prodotti basati sui processori della serie PXA di Intel.

Secondo Hans Geyer, Vice President e General Manager del PCA Components Group di Intel, "la convergenza di voce e dati nel settore dei cellulari sta rivoluzionando il modo in cui questi telefoni vengono realizzati".
Maxon, azienda produttrice di telefoni con sede in Corea e team di progettisti e ingegneri in Danimarca, è stata la prima ad annunciare un cellulare GSM/GPRS evoluto basato sul processore PXA800F di Intel. Il nuovo apparecchio, Maxon MX-E20, è un telefono compatto con doppio display, di cui uno interno e uno esterno a colori. Questo modello a conchiglia include un lettore video, una videocamera integrata, messaggistica MMS e videogame. Il telefono sarà disponibile in Asia già nel corso di quest'anno; arriverà in Europa e nel resto del mondo all'inizio del prossimo.

?La possibilità di integrare un numero così elevato di funzionalità in un design elegante, compatto e all?avanguardia rappresenta un risultato significativo? ha spiegato Hyeon Kim, President e CEO di Maxon. ?La realizzazione da parte di Intel di un singolo chip in grado di unire potenza, prestazioni e risparmio di spazio è stata determinante per lo sviluppo del modello MX-E20?.

Lo Smart Phone MiTAC Mio 8380 è un altro apparecchio a conchiglia, dal design accattivante, basato sul processore Intel PXA262 che prevede 32 MB di memoria flash e un processore a 200 MHz basato su tecnologia XScale in un unico pacchetto. Il MiTAC Mio 8380 è il primo cellulare dotato di una videocamera digitale integrata da 110.000 pixel con funzionalità di zoom in un formato a conchiglia che utilizza il sistema operativo Windows Smartphone di Microsoft. Il telefono MiTAC, utilizzabile su reti cellulari GSM/GPRS, sarà disponibile nel corso del trimestre.

?Lo Smart Phone MiTAC 8380 offre un insieme straordinario di caratteristiche per uso professionale, personale e d'intrattenimento? ha dichiarato Samuel Wang, Vice President e General Manager della New Visual Media Business Unit di MiTAC International Corporation.
?La quantità di potenza di elaborazione e di memoria che Intel è riuscita a inserire in un singolo pacchetto ha consentito di attivare caratteristiche e funzionalità particolarmente interessanti, come il download e la riproduzione di videoclip, l'acquisizione di immagini, la messaggistica MMS, la navigazione mobile su Internet e il videogame?.

I modelli di Samsung e Hitachi, annunciati all'inizio di quest'anno, sono basati sul processore PXA250 e saranno disponibili per le reti cellulari CDMA nel corso di quest'anno.
3 Commenti alla Notizia XScale pulsa sui primi smartphone
Ordina