Giorgio Pontico

Codice a barre, la fine è vicina

Il MIT presenta l'erede del sistema di identificazione che ha segnato il commercio negli ultimi 30 anni

Roma - Il vecchio codice a barre potrebbe presto andare in pensione, detronizzato da un chip identificativo di nuova generazione sviluppato all'interno del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e denominato Bokode.

Il Bokode


Il padre del progetto è il ricercatore Ankit Mohan, secondo il quale questo nuovo strumento integra gli standard di sicurezza del codice a barre e la versatilità del chip RFID. Qualità, questa, che gli permette di essere letto anche da un qualsiasi dispositivo portatile dotato di fotocamera. Non si dovrebbe rendere necessario l'uso di scanner speciali come per gli odierni barcode: l'occhio umano dovrebbe bastare.


Mohan sostiene che la sua invenzione potrebbe rivoluzionare le modalità con cui, ad esempio, si gestiscono le informazioni riguardanti prodotti commerciali: "Davanti ad uno scaffale pieno di prodotti simili - spiega Mohan - sarà molto più semplice individuare quello che ha requisiti ricercati dal cliente". (G.P.)

fonte immagine
Notizie collegate
  • TecnologiaSamsung mette l'RFID nei cellulariIl produttore coreano ha sviluppato un chip RFID con cui desidera trasformare i telefoni cellulari in dispositivi capaci di leggere i tag elettronici e le informazioni in essi contenuti: prezzi, ingredienti, orari ed altro ancora
  • AttualitàOlanda, chip RFID nei libriLa catena di librerie BGN, la più importante del paese, è la prima ad impiegare chip RFID in tutti i prodotti destinati alla vendita. Grandissimi vantaggi ed integrazione con i servizi online, dicono i responsabili
  • AttualitàPronte le prime patenti USA con RFIDNello Stato di Washington parte il progetto pilota che permetterà di usare le nuove patenti per vari scopi. Presto saranno distribuite in tutto il paese
7 Commenti alla Notizia Codice a barre, la fine è vicina
Ordina
  • Se la fine dei codice a barre è vicina, di certo non sarà questa ciofeca a prenderne il posto.
    Il bello del barcode è che lo stampi da una qualunque stampante.
    Il bello del Bokode cos'è? che contiene tante informazioni? wow! e quanto mi costa averne uno? Spero non più dei 2 centesimi che spendo a stampare una pagina di barcode... o un rotolo di etichette!
    non+autenticato
  • Senza contare che non riesco ad intuire la reale necessità di sostituire il codice a barre che funziona così bene. Più informazioni? Su un prodotto che ha già la sua etichetta informativa come la legge prevede cosa devi mettere apparte il prezzo?
    Poi come dici giustamente tu, il codice a barre lo puoi stampare da qualsiasi stampante. Mi piace l'RFID, ma penso possa trovare applicazioni più interessanti e soprattutto possa sostituire tecnologie che sono veramente obsolete.

    - Scritto da: Nocs
    > Se la fine dei codice a barre è vicina, di certo
    > non sarà questa ciofeca a prenderne il
    > posto.
    > Il bello del barcode è che lo stampi da una
    > qualunque
    > stampante.
    > Il bello del Bokode cos'è? che contiene tante
    > informazioni? wow! e quanto mi costa averne uno?
    > Spero non più dei 2 centesimi che spendo a
    > stampare una pagina di barcode... o un rotolo di
    > etichette!
  • Questo sistema è con un chip che EMETTE luce, quindi necessita di alimentazione. Grazie a questa tecnica è possibile immagazzinare moltissimi piu' dati.
    La versione senza illuminazione è ancora molto vaga.
    Comunque servono apparecchiature particolari per leggerlo, il vantaggio è la quantita' di superficie impiegata, poco piu' di un neo.
  • Sono alcuni giorni che leggo gli articoli di Edgadget, e puntualmente il giorno dopo li ritrovo su PI, uno dopo l'altro. Non capisco che senso ha fare copia incolla.
    non+autenticato
  • ci stavo pensando anche io, la maggior parte dei siti di informazione in Italia, traduce e posta articoli identici da siti di rilievo americani o altro..
    Ma il punto non è questo, uno dice che c'è di male? non tutti sanno l'inglese e usufruire della traduzione e della libera interpretazione dell'articolo è già una cosa da lodare..
    Ma come ogni sito che si rispetti citate la fonte cacchio, lo fa' anche Engadget e lo fanno tutti non vedo che c'è di male..
    non+autenticato
  • - Scritto da: mah
    > Sono alcuni giorni che leggo gli articoli di
    > Edgadget, e puntualmente il giorno dopo li
    > ritrovo su PI, uno dopo l'altro. Non capisco che
    > senso ha fare copia
    > incolla.

    "La scoperta dell'acqua calda".
    Comunque se ti può consolare engadget, digg/reddit, techcrunch e a volte anche l'ANSA copiano tutti da FdT quindi il cerchio si chiude Ficoso
  • - Scritto da: S P A M
    > - Scritto da: mah
    > > Sono alcuni giorni che leggo gli articoli di
    > > Edgadget, e puntualmente il giorno dopo li
    > > ritrovo su PI, uno dopo l'altro. Non capisco che
    > > senso ha fare copia
    > > incolla.
    >
    > "La scoperta dell'acqua calda".
    > Comunque se ti può consolare engadget,
    > digg/reddit, techcrunch e a volte anche l'ANSA
    > copiano tutti da FdT quindi il cerchio si
    > chiude
    >Ficoso


    E ci aggiungerei, nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma!!!!
    non+autenticato