ICT, Italia dietro Irlanda ed Estonia

Nessuna sorpresa nella classifica del World Economic Forum che rimette a posto chi si riempie la bocca di risultati che non ci sono e dà uno schiaffo a certi nazionalismi informatici

Roma - Delusione e tristezza si intravedono nelle prime reazioni italiane alla singolare classifica stilata dal World Economic Forum nel suo "IT Report", una hit parade dei paesi più attivi sul fronte delle nuove tecnologie nella quale l'Italia entra in un poco dignitoso 26esimo posto.

Lo studio del WEF è considerato con enorme attenzione dai governi e dagli operatori di mezzo mondo. Viene presentato, a torto o a ragione, come lo studio più completo e approfondito mai svolto sullo sviluppo, la diffusione e l'effettivo utilizzo delle nuove tecnologie. Una dichiarazione quasi bellicosa verso i tanti istituti di analisi che hanno lavorato su questo fronte in questi anni, ma è una dichiarazione che, al di là di tutto, enfatizza quanto i dati prodotti siano considerati "definitivi" dagli esperti.

Dal report si apprendono cose molto interessanti, come il fatto che tra i paesi nei quali maggiore è la diffusione della rete e migliori le infrastrutture di networking primeggia la Finlandia. Il paese dei mille laghi è anche tra i leader nella diffusione della telefonia e inanella un altro riconoscimento internazionale della propria predisposizione verso le new technologies.
I punti della classifica dei paesi "tecnologicamente evoluti" è stata stilata dal WEF seguendo tre parametri fondamentali: la capacità all'utilizzo delle nuove tecnologie da parte dell'intero tessuto sociale (famiglie, imprese, pubblica amministrazione); la loro effettiva diffusione ed utilizzo; la qualità dello sviluppo hi-tech (dal mercato alle normative, alle infrastrutture). Criteri che assegnano all'Italia un grazioso 26esimo posto nella hit parade generale con poche variazioni su quelle legate al singolo parametro di valutazione.

Dietro la Finlandia, al secondo posto, si trovano gli Stati Uniti, la Germania è al 10mo, la Francia al 19mo e la Repubblica Ceca al 28mo.
TAG: italia
14 Commenti alla Notizia ICT, Italia dietro Irlanda ed Estonia
Ordina
  • ot...
    bellissimo paese che non rompe le balle a nessuno, produce bellissimi tramonti e sistemi operativi.Sorride
    non+autenticato
  • Paljon kiitoksia!
    non+autenticato
  • ...e per collegarsi tramite dial up a internet ci vokevano 10-15 minuti di tentativi.
    Qualcosa non quaglia.
    non+autenticato
  • mah non quadra si, non mi sembra relamente che l'italia sia così indietro e se oggi molti non considernao internet prioritario nella loro vita non è che sia poi così grave, forse mangiare viene prima
    non+autenticato
  • In una classifica sull'uso delle tecnologie, mangiare non c'è.
    non+autenticato
  • Nei paesi dell'ex URSS ci sono un mucchio di programmatori in gamba che lavorano come dannati... uno dei migliori tool per la progettazione UML, Together (ex TogetherSoft, ora Borland), è nato fra S. Pietroburgo e Praga. E non è il solo.

    Un mio conoscente collabora con una società estone (http://www.dominasecurity.com) per la sicurezza informatica.

    Sono paesi ancora in condizioni non buone, poche infrastrutture, ma hanno un ottimo capitale umano. Se gli italiani continuano a fare i "ganzetti" senza dimostrare di sapersi rimboccare le maniche, si troveranno presto ancora più indietro in classifica.

  • - Scritto da: ldsandon
    > Sono paesi ancora in condizioni non buone,
    > poche infrastrutture, ma hanno un ottimo
    > capitale umano. Se gli italiani continuano a
    > fare i "ganzetti" senza dimostrare di
    > sapersi rimboccare le maniche, si troveranno
    > presto ancora più indietro in classifica.

    Confermo pienamente. Tra Rep. Ceka e Slovacchia ci sono decine di programmatori maledettamente in gamba, in grado di far mangiare la polvere a tanti fighetti nostrani.
    Il primo antivirus center specializzato è nato in Slovacchia, per chi non lo sapesse.
    E c'è anche un motivo ben preciso per queste competenze particolari: quando qui avevamo pieno di bambocci che s'improvvisavano programmatori con RAD, visual* e java, lì arrivavano i primi AT. Sana esperienza con la command line, l'assembler e la programmazione di sistema, come da noi negli anni '80... e così si sono forgiati a dovere, comprendendo a fondo cosa succede nella macchina per ogni riga che si scrive.
    non+autenticato
  • > ma hanno un ottimo
    > capitale umano.
    da piccoli non mangiavano il grande grana PADANA...
    non+autenticato
  • L'Estonia è avanzatissima, una rete tipo Fastweb costa meno
    di 12 EUR al mese ed è velocissima, altro che Alice!
    non+autenticato
  • Io vengo dall'Estonia e penso che il collegamento per cui ci volevano 15 minuti è un caso molto isolato. Per noi l'internet è importantissimo e dopo aver vissuto 3 anni in Italia devo dire che qui in Italia è molto meno diffuso. Un esempio:

    In Estonia le code nelle banche non esistono, perchè ormai la maggior parte di gente fa le operazioni online. In Italia invece andar in banca è un impresa ! Per fare un'operazione piu semplice ci trascorri almeno mezz'ora !

    Un'altro esempio: usiamo internet per fare tantissime pratiche burocratiche, per esempio ordinare un documento che sta per scadere (passaporto, carta d'identita).....

    Ed ancora un'altro: in Estonia ci sono 600 punti d iWi-Fi (wireless) di connessione a internet.

    non+autenticato
  • Country score rank

    Finland 5.92 1
    United States 5.79 2
    Singapore 5.74 3
    Sweden 5.58 4
    Iceland 5.51 5
    Canada 5.44 6
    United Kingdom 5.35 7
    Denmark 5.33 8
    Taiwan 5.31 9
    Germany 5.29 10
    Netherlands 5.26 11
    Israel 5.22 12
    Switzerland 5.18 13
    Korea 5.10 14
    Australia 5.04 15
    Austria 5.01 16
    Norway 5.00 17
    Hong Kong SAR 4.99 18
    France 4.97 19
    Japan 4.95 20
    Ireland 4.89 21
    Belgium 4.83 22
    New Zealand 4.70 23
    Estonia 4.69 24
    Spain 4.67 25
    Italy 4.60 26
    Luxembourg 4.55 27
    Czech Republic 4.43 28
    Brazil 4.40 29
    Hungary 4.30 30
    Portugal 4.28 31
    Malaysia 4.28 32
    Slovenia 4.23 33
    Tunisia 4.16 34
    Chile 4.14 35
    South Africa 3.94 36
    India 3.89 37
    Latvia 3.87 38
    Poland 3.85 39
    Slovak Republic 3.85 40
    Thailand 3.80 41
    Greece 3.77 42
    China 3.70 43
    Botswana 3.68 44
    Argentina 3.67 45
    Lithuania 3.65 46
    Mexico 3.63 47
    Croatia 3.62 48
    Costa Rica 3.57 49
    Turkey 3.57 50
    Jordan 3.51 51
    Morocco 3.50 52
    Namibia 3.47 53
    Sri Lanka 3.45 54
    Uruguay 3.45 55
    Mauritius 3.44 56
    Dominican Republic 3.40 57
    Trinidad and Tobago 3.36 58
    Colombia 3.33 59
    Jamaica 3.31 60
    Panama 3.30 61
    Philippines 3.25 62
    El Salvador 3.17 63
    Indonesia 3.16 64
    Egypt 3.13 65
    Venezuela 3.11 66
    Peru 3.10 67
    Bulgaria 3.03 68
    Russian Federation 2.99 69
    Ukraine 2.98 70
    Vietnam 2.96 71
    Romania 2.66 72
    Guatemala 2.63 73
    Nigeria 2.62 74
    Ecuador 2.60 75
    Paraguay 2.54 76
    Bangladesh 2.53 77
    Bolivia 2.47 78
    Nicaragua 2.44 79
    Zimbabwe 2.42 80
    Honduras 2.37 81
    Haiti 2.07 82

    non+autenticato
  • Nell'articolo non si trova quello che c'è scritto nel titolo. La posizione di Estonia e Irlanda.
    non+autenticato
  • Vi sembra strano? Ma i forum di P.I li seguite?
    I flames continui, gli zii bill...

    Meditate gente meditate...

    Best regards
    non+autenticato
  • Basta far click sui link all'interno dell'articolo: http://www.weforum.org/pdf/Global_Competitiveness_...