Mauro Vecchio

iPhone, a qualcuno non piace caldo

L'Europa vuole vederci chiaro sui melafonini a rischio ustione. Apple collabora e si dice pronta a investigare. Sotto la lente una dozzina di episodi

Roma - iPhone e iPod si sono rivelate tra le creature tecnologiche più calde del pianeta. Forse anche troppo. Come riportato da Reuters, una portavoce della Commissione Europea per la Sicurezza dei Consumatori ha recentemente illustrato la disponibilità dell'azienda di Cupertino a collaborare per raccogliere dati utili sugli ultimi casi di esplosione dei suoi dispositivi.

"Stanno cercando di raccogliere un numero maggiore di informazioni che spieghi nei dettagli le cause di questi incidenti riportati dai media - ha detto Helen Kearns, portavoce del commissario europeo Meglena Kuneva - Apple condurrà tutti i test necessari". Test necessari a fare luce su esplosioni come quella raccontata dal New York Times: un teenager francese rimasto ferito agli occhi dopo il surriscaldamento che ha mandato in frantumi il suo melafonino.

Apple ha fatto sapere di essere al corrente di queste vicende, e di essere in attesa di avere indietro i dispositivi bomba dai suoi clienti. È recente, tuttavia, la storia di una famiglia inglese che ha raccontato di aver ricevuto un'offerta di risarcimento solo a condizione di far cadere nel silenzio quanto accaduto. Tentativo, forse, di gettar via dal cestino le Mele più pirotecniche, casi certamente isolati all'interno di un raccolto gigantesco di 17 milioni di esemplari venduti al dicembre scorso.
Di casi isolati, infatti, ha parlato Cupertino, come sottolineato dalla stessa Kearns: "Quello che ci hanno detto è che considerano questi incidenti come isolati. Non considerano, invece, il fatto che si tratta di un problema di natura generale". La Commissione ha quindi aperto un'inchiesta, a protezione dei consumatori europei a rischio ustioni dalle tasche dei pantaloni. Kearns ha dichiarato intenzioni molto serie, nonostante un invito esplicito ad evitare il panico.

Per l'Unione Europea non è certo una crociata contro la Mela: casi simili di dispositivi esplosivi hanno già calcato i palchi della cronaca legata alle nuove tecnologie. Qualche anno fa, ad esempio, una donna vietnamita finì in ospedale dopo il boom del suo cellulare Nokia. Il gigante finlandese se ne uscì puntando il dito contro le batterie non garantite o contraffatte. Eppure quelle originali di Sony vennero richiamate in 100mila da modelli di laptop HP e Dell. La tecnologia oggi, d'altronde, è hot. Pure troppo.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia iPhone, a qualcuno non piace caldo
Ordina
  • Speriamo, anche BusinessWeek minimizza http://www.businessweek.com/technology/content/aug...
    Magari più avanti ne sapremo qualcosa in più
    Teo_
    2645
  • Tutte.
    Sono contenitori di energia potenziale, pertanto un guasto può determinare una reazione violenta. Il che non significa che esplode, come la stampa adora scrivere (pure Punto Informatico evidenzia in corsivo tale parola...). Nessuna batteria esplode come se fosse una bomba, altrimenti sarebbero utilizzate anche come armi.

    Sta a noi utenti non favorire i guasti con esposizioni ad alte temperature, come anche non lasciare incustodita una batteria in uso posizionata accanto a materiale molto infiammabile.

    Un consiglio che posso dare a quelli che caricano gli apparecchi in auto: metteteli in contenitori di materiale inerte (coccio, ceramica, porcellana, pietra, ecc) in modo che se si surriscaldano non vi vada a fuoco l'auto. Anche un posacenere da tavolo va bene. In ogni caso non lasciate batterie in carica con la macchina ferma sotto il sole.
    ruppolo
    33147
  • Certo: adesso secondo te dovrei tenere in auto una pirofila!
    Ma gli amici ti chiamano "mosca" per il fatto che sai arrampicarti così bene sugli specchi quando c'è da difendere Apple?
    Per fortuna il mio iPod Touch non ha (mai) ancora dato problemi...
    Non è proprio così con i nostri macbook Air: quelli si che hanno problemi di surriscaldamento!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franco M.
    > Certo: adesso secondo te dovrei tenere in auto
    > una
    > pirofila!
    La macchina è tua, fatti tuoi.

    > Ma gli amici ti chiamano "mosca" per il fatto che
    > sai arrampicarti così bene sugli specchi quando
    > c'è da difendere
    > Apple?

    Chi avrei difeso? C'è qualcuno da difendere?

    > Per fortuna il mio iPod Touch non ha (mai) ancora
    > dato
    > problemi...

    Per fortuna? Pensa che io per sfortuna non ho vinto i quasi 150 milioni dell'enalotto... sono proprio sfortunato, vero?

    > Non è proprio così con i nostri macbook Air:
    > quelli si che hanno problemi di
    > surriscaldamento!
    Embe'?
    ruppolo
    33147
  • Ma è veramente scandaloso il modo in cui tenti di arrampicarti!
    Ma ti rendi conto di quello che hai scritto?? Tenere un qualcosa di cermica in macchina??? Ma questo è servilismo puro!

    Senza contare che ti sei scagliato in questa difesa tristissima, senza considerare che forse manco Apple c'entra molto, visto che non produce batterie.

    Semmai si limita ad acquistare materiali di bassissima qualità, farli assemblare in Cina, per guadagnarci molto di più.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ma...
    > Ma è veramente scandaloso il modo in cui tenti di
    > arrampicarti!

    Prego?

    > Ma ti rendi conto di quello che hai scritto??

    ??? cosa avrei scritto di scandaloso?

    > Tenere un qualcosa di cermica in macchina???
    Guarda, la tua macchina è tua... ci siamo capiti.

    > Ma
    > questo è servilismo
    > puro!

    Prego??

    > Senza contare che ti sei scagliato in questa
    > difesa tristissima,

    Difesa di chi? Ho detto che TUTTE le batterie sono così. TUTTE le marche, tutti i tipi. Nessuno escluso. Ripeto:NESSUNO ESCLUSO. Hai letto e compreso bene?

    > senza considerare che forse
    > manco Apple c'entra molto, visto che non produce
    > batterie.
    Non le produce, ma anche se le producesse non cambierebbe nulla.

    > Semmai si limita ad acquistare materiali di
    > bassissima qualità, farli assemblare in Cina, per
    > guadagnarci molto di
    > più.
    Materiali di bassissima qualità? A cosa ti riferisci?
    ruppolo
    33147
  • Leggere e capire non sono sinomini...imparalo in fretta, altrimenti posti ad minchiam ogni volta.
    non+autenticato
  • Che tristezza!! sei l'ennesimo esempio di utonto Apple... privo di qualsiasi senso critico, sarà inutile ripeterlo, ma APPLE E' UNA MULTINAZIONALE e come tutte le aziende il suo scopo è fare più soldi possibili, ogni più piccolo errore va FATTO PESARE e non bisogna porsi a mo di TAPPETINO. Da questo punto di vista gli utenti Microsoft sono molto più svegli..
    non+autenticato
  • Allora usalo il cervello perché non hai capito nulla di quello che ha scritto
    non+autenticato
  • A quanto pare la caccia al fanboy Apple è così esasperata che sparano alla cieca, ruppolo non ha fatto altro che dare consigli scritti anche nei libretti d'istruzioni dei vostri cellulari.
    non+autenticato
  • Infatti, solo che per taluni leggere e capire è un compito impossibile e quindi si leggono post spazzatura a ripetizione
    non+autenticato
  • - Scritto da: mr. C.
    > A quanto pare la caccia al fanboy Apple è così
    > esasperata che sparano alla cieca, ruppolo non ha
    > fatto altro che dare consigli scritti anche nei
    > libretti d'istruzioni dei vostri
    > cellulari.

    In quello del mio nokia non c'è scritto di metterlo in un vaso di terracotta per evitare che dia fuoco alla macchina...

    ruppolo ha dimenticato di dire che se avete il melafono in tasca meglio tenerlo in un astuccio di kevlar, in modo che i frammenti di vetro non possano ferirvi...

    Io vorrei vederlo tale libretto di istruzioni...A bocca aperta
    non+autenticato