Giorgio Pontico

Nubi sul futuro The Pay Bay

Tempi duri per la Baia. L'acquisizione da parte di Global Gaming Factory si allontana sull'orizzonte. GiÓ pronti i cloni che prenderanno il posto dell'amato buen ritiro dei corsari

Nubi sul futuro The Pay BayRoma - The Pirate Bay non ha ancora un vero capitano che sappia indirizzarla verso mari più sicuri: quelle in cui sta navigando adesso sono acque pericolose in cui è possibile arenarsi da un momento all'altro, in attesa che la rivoluzione promessa dai nuovi proprietari di Global Gaming Factory si concretizzi.

Tuttavia una virata decisa al momento non sembra facile vista la situazione in cui è incappata la società svedese: l'autorità scandinava che controlla il mercato azionario locale ha congelato il suo titolo in borsa, in attesa che il CEO Hans Pandeya fornisca garanzie economiche adeguate per formalizzare l'acquisto della Baia ed avviarne la legalizzazione.

Tra qualche giorno Pandeya dovrebbe riferire ai suoi azionisti i dettagli sul piano di acquisizione e di ristrutturazione di quello che per anni è stato il più grande indice di torrent della Rete. Secondo alcuni fonti svedesi Global Gaming Factory non avrebbe la sufficiente liquidità per finalizzare l'acquisto di TPB: dei 5,5 milioni di euro promessi ne sarebbero disponibili solamente tre.
Inoltre mancherebbe l'accordo con Peerialism, la società indicata nelle fasi iniziali della vicenda come quella che avrebbe dovuto fornire la tecnologia P2P su cui fondare la nuova Baia. Il CEO di quest'ultima, Johan Ljungberg, ha spiegato che Pandeya, oltre a non aver fornito alcun dettaglio dell'operazione, non avrebbe ancora onorato il contratto stipulato due mesi fa.

Nonostante Pandeya abbia dichiarato più volte di essere in contatto con alcuni possibili sponsor, in molti hanno espresso dubbi circa la veridicità delle sue dichiarazioni, a cui si sono aggiunte anche delle accuse di insolvenza da parti di alcuni soggetti locali che avevano prestato denaro al CEO dell'azienda svedese.

Global Gaming Factory starebbe faticando non poco a gestire l'intera situazione: in molti avrebbero rinunciato al proprio incarico nelle ultime settimane a causa del trascinarsi dell'operazione di acquisizione. L'ultimo ad abbandonare la nave è stato il chairman Magnus Bergman, che però non ha riferito i motivi che lo hanno portato a rassegnare le dimissioni.

L'arrivo dei nuovi timonieri sul galeone varato da Brokep e soci sembra farsi sempre più difficile e per alcuni sempre meno probabile, vista la tempesta di accuse mosse dai creditori di Pandeya. Probabile dunque che proceda per qualche tempo alla deriva prima di incagliarsi definitivamente.

Nel peggiore dei casi ad affondare dovrebbe essere solo il marchio che ha contraddistinto il file sharing negli ultimi anni: le centinaia di migliaia di tracker contenuti nei database di TPB sarebbero già stati copiati e trasferiti altrove, creando quella che a tutti gli effetti può essere considerata una quasi leggendaria arca dei file torrent.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàThe Pirate Bay sarà The Pay BayLa cupa incertezza che Ŕ finora aleggiata sul destino della ex-Baia dei pirati svedesi comincia a dissolversi. Il dubbio si trasforma finalmente in fatto: The Pirate Bay diventerÓ un portale a pagamento
  • AttualitàThe Pay Bay tra i marosiQuello che sin qui appariva come un progetto dal successo improbabile si avvia mestamente a essere stroncato prima ancora di nascere. Non ci sono fondi per l'acquisto di The Pirate Bay. E l'industria torna all'attacco
  • AttualitàThe Pay Bay, la telenovela continuaIl tormentone dell'estate 2009. Riuscira GGF a completare l'acquisizione? RiuscirÓ a farsi quotare in borsa? RiuscirÓ a fare accordi con le major? E gli utenti della Baia, che faranno? Alla prossima puntata
10 Commenti alla Notizia Nubi sul futuro The Pay Bay
Ordina