Giorgio Pontico

La Baia risorge e non demorde

Pirate Bay è di nuovo online e si dichiara pronta a dare battaglia. Il suo acquisto da parte di un'azienda svedese si fa sempre più confuso. Così come il futuro stesso dei pirati

Roma - Tremate, tremate, i pirati son tornati e non hanno intenzione di ammainare la bandiera sotto la quale hanno navigato la Rete negli ultimi cinque anni. Dopo aver subito un periodo di downtime la Baia dei Pirati è nuovamente operativa, pronta ad accontentare le richieste dei suoi milioni di utenti.

Sulla home page campeggia una t-shirt simile a quelle che si trovano nei negozi di souvenir, con un scritta che recita ho speso mesi di tempo e milioni di dollari per far chiudere The Pirate Bay e tutto quello che ho ottenuto è questa splendida maglietta.

Sul proprio blog l'equipaggio di TPB ha anche parafrasato Winston Churchill, firmando quello che sembra un manifesto dei pirati da cui si evince che la parola d'ordine della ciurma è non arrendersi mai e andare fino alla fine.
La tempesta che imperversa sulla Baia dura ormai da mesi e il suo destino, malgrado le dichiarazioni dal tono epico, sembra ancora avvolto da fitta nebbia. La procedura di acquisto da parte di Global Gaming Factory si fa sempre più intricata: il CEO dell'azienda Hans Pandeya non sembra avere a disposizione la cifra promessa per avviare la metamorfosi della Isla Tortuga del Web.

Sia Pandeya che i pirati hanno ribadito di voler andare avanti secondo la propria strada, che potrebbe non essere la stessa. Nella giornata di giovedì gli azionisti di Global Gaming Factory dovrebbero decidere se procedere con l'acquisizione o lasciare la Baia alla Rete, affossando definitivamente il progetto The Pay Bay.

Visto il susseguirsi degli eventi rimane però da chiarire se entrambi i soggetti stiano parlando della stessa Baia, oppure stiano tracciando due rotte diverse per lo stesso vascello, il cui fasciame continua ad essere bersaglio delle bordate dell'industria dei contenuti: i detentori dei diritti olandesi rappresentati da BREIN avevano fatto sapere attraverso un portavoce che l'eventuale acquisto da parte di Global Gaming Factory non sarebbe bastato a piallare i pirati, mentre in Irlanda uno dei maggiori provider aveva programmato per i suoi utenti la sospensione dell'accesso alla Baia.

Un tribunale svedese nei giorni scorsi aveva intimato all'ISP Black Internet di sospendere l'erogazione di banda a TPB, rendendolo difficilmente raggiungibile per alcune ore. Subito dopo aver eseguito l'ordinanza del tribunale il provider svedese aveva dichiarato di essere stato oggetto di vari tentativi di sabotaggio, dei quali però non è stato possibile determinare l'origine: "Il nostro network non sta funzionando come dovrebbe - ha spiegato il CEO Victor Möller - attualmente stiamo lavorando con tecnici e polizia per capire cosa sia successo".

In ogni caso una volta cambiato ISP i pirati sono tornati online, ma alcuni utenti avevano segnalato che un noto programma antivirus aveva iniziato ad indicare la Baia come sito maligno, salvo poi rettificare il tutto con il rilascio di un update.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàLa Svezia cancella la BaiaUn tribunale di Stoccolma ha imposto ai provider di sospendere il servizio. I pirati sono ricomparsi altrove. Le major chiedono i soldi del processo ma restano a bocca asciutta
  • AttualitàThe Pirate Bay si è vendutaL'azienda svedese che la acquisirà ha promesso di trasformare la Baia in un business legale. BrokeP rassicura e tradisce il proprio sfinimento, i bucanieri della rete insorgono
  • AttualitàNubi sul futuro The Pay BayTempi duri per la Baia. L'acquisizione da parte di Global Gaming Factory si allontana sull'orizzonte. Già pronti i cloni che prenderanno il posto dell'amato buen ritiro dei corsari
19 Commenti alla Notizia La Baia risorge e non demorde
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)