Alessandro Del Rosso

Lenovo, il notebook è multitouch

Lenovo segue le orme di Dell e HP e lancia i suoi primi notebook con display manipolabile. Uno di questi è in grado di supportare l'input di quattro dita contemporaneamente

Roma - Lenovo sta per introdurre sul mercato i suoi primi notebook touchscreen a supportare il multitouch, vale a dire la possibilità di utilizzare più di un dito per interagire con il sistema operativo e le applicazioni. Il modello top di gamma del ThinkPad T400s, in particolare, sarà uno dei primi portatili sul mercato a gestire l'input di quattro dita contemporaneamente.

Lenovo ThinkPad T400sQuali vantaggi possa portare l'uso di due dita, una modalità già supportata da alcuni laptop di Dell e HP, l'ha già ampiamente dimostrato il "piccolo" iPhone: si può fare lo zoom di immagini e mappe, ridimensionare le finestre o ruotare le immagini. Il produttore cinese afferma che il multitouch a quattro dita è invece utile soprattutto per certe figure professionali, come ingegneri e designer, che spesso devono manipolare poligoni e oggetti tridimensionali (un esempio è dato dal video pubblicato sotto). In ambito professionale il multitouch permette inoltre a più persone di collaborare simultaneamente utilizzando lo stesso schermo.

Ma Lenovo sa bene che la tecnologia multitouch è inutile senza la disponibilità di applicazioni che la supportino. Per tale ragione l'azienda ha promesso di collaborare a stretto contatto con i produttori di software per ampliare il numero di applicazioni in grado di sfruttare questa caratteristica.
Lenovo ha anche rilasciato, insieme ai suoi nuovi notebook touchscreen, un tool chiamato SimpleTap che permette di accedere velocemente a tutte le funzionalità hardware di un PC usando semplicemente un tocco del dito: attraverso la finestra di SimplePad, richiamabile con un doppio tocco su qualsiasi zona dello schermo, è possibile ad esempio accendere o spegnere WiFi, webcam e microfono, regolare la luminosità dello schermo o spegnere il computer.



Va detto che sia sul ThinkPad T400s che sull'X200 il supporto multitouch è opzionale: per averlo è necessario sborsare circa 200-250 dollari in più rispetto rispetto alla configurazione standard. Il T400s con multitouch, già disponibile sul negozio online statunitense di Lenovo, parte da un prezzo di 1999 dollari con CPU Core 2 Duo SP9400 a 2,4 GHz, display da 14,1 pollici WXGA, 2 GB di memoria DDR3, hard disk da 120 GB, modem 3G e batteria a 6 celle.

La versione multitouch dell'X200, che includerà anche il supporto a Windows 7, verrà invece introdotta sul mercato nel corso delle prossime settimane.

Anche Fujitsu ha appena annunciato un tablet con multitouch a due dita, il LifeBook T5010, con schermo da 13,3 pollici e prezzo base di 1750 dollari.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
14 Commenti alla Notizia Lenovo, il notebook è multitouch
Ordina
  • Che programma usano nel video???
    non+autenticato
  • non ci siamo, il touch ci puo' anche stare, ma non sul monitor cosi.
    Dopo 10 minuti ti sei gia' rotto e ritorni al mouse.

    Il touch lo vedrei bene se funzionasse su un mega trackpad estraibile a destra della tastiera dove ci schiaffi sopra tutta la mano... anzi no... 2 mega trackpad estraibili ai lati..
    bellissimo... con un po' di pratica si potrebbe controllare anche la tastiera da li...'

    Basta brevetto tutto io adesso e guai se stevie si mette in mezzo.
    non+autenticato
  • beh Steve ha giá fatto la trackpad multitouch per i nuovi macbook e ci si puó anche scrivere con gli ideogrammiOcchiolino
    MeX
    16897
  • Non vedo molto l'utilità di lavorare in 2 su un portatile ....

    Al limite quando cominceranno a fare la tastiera sul secondo schermo invece la cose potrebbero notevolmente migliorare. Ovviamente fino a quando non faranno i touch screen tattili la vedo dura...
    harvey
    1481
  • - Scritto da: harvey
    > Non vedo molto l'utilità di lavorare in 2 su un
    > portatile
    > ....
    >
    > Al limite quando cominceranno a fare la tastiera
    > sul secondo schermo invece la cose potrebbero
    > notevolmente migliorare. Ovviamente fino a quando
    > non faranno i touch screen tattili la vedo
    > dura...

    Certo, però la tastiera è pratica e costa sicuramente meno...
    Vi possono essere applicazioni in cui questa opzione può fare comodo, come una tastiera a schermo che all'occorrenza può essere tolta.
    Oppure applicazioni con un mix di comanti da mouse, tastiera, schermo, oppure la scrittura manuale su schermo (opzione già apparsa da molto tempo)...
    Andrebbero anche bene le tavole grafiche, talvolta, anche se sono andate un pò in disuso.
    ... 4 dita, ma non è che hanno fatto questi schermi per i cartoni animati?... Rotola dal ridere
  • Dai correggete prima che qualcuno si aspetti di telefonarci... Occhiolino
    Si scherza, eh! (Ma l'errore del titolo è serio e non voglio credere che fosse un attiraclickSorrideSorride )
    non+autenticato
  • Era una svista.

    Sistemato già ieri, grazie mille.Occhiolino

    L
  • Prego! Occhiolino
    Oggi avevo notato l'aggiornamento, infatti Sorride
    non+autenticato
  • Dovrò smettere di mangiare il panino con la frittata mentre lavoro al PC, ma credo che la tecnologia "touch" metterà in pensione il mouse anche se lentamente.
    Counque mi sembrano prezzi da rapina 250 dollari per una pellicola conduttiva, ma il prezzo scenderà eccome se scenderà.

    Ciao
    non+autenticato
  • Da utilizzatore di hp touchsmart ti assicuro che a schermo acceso le ditate non si vedono.
    Piuttosto il touch per come lo mostrano loro è inutile per un designer, il ritmo di disegno è troppo serrato per passare continuamente da tastiera a mouse a schermo. E' invece molto più utile per un fotoritocco al volo senza dover attaccare la wacom oppure in fase di presentazione, per scoattare con l'interlocutoreA bocca aperta
  • - Scritto da: cafelab
    > E' invece molto più
    > utile per un fotoritocco al volo senza dover
    > attaccare la wacom oppure in fase di
    > presentazione, per scoattare con l'interlocutore
    >A bocca aperta

    Ok non serve a niente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo
    > - Scritto da: cafelab
    > > E' invece molto più
    > > utile per un fotoritocco al volo senza dover
    > > attaccare la wacom oppure in fase di
    > > presentazione, per scoattare con l'interlocutore
    > >A bocca aperta
    >
    > Ok non serve a niente.

    Prorio a niente no....
    A qualcosa serve, per altre appunto niente.
  • - Scritto da: ninjaverde
    > - Scritto da: anonimo
    > > - Scritto da: cafelab
    > > > E' invece molto più
    > > > utile per un fotoritocco al volo senza dover
    > > > attaccare la wacom oppure in fase di
    > > > presentazione, per scoattare con
    > l'interlocutore
    > > >A bocca aperta
    > >
    > > Ok non serve a niente.
    >
    > Prorio a niente no....
    > A qualcosa serve, per altre appunto niente.

    Quella del fotoritocco al volo perché non si ha voglia di attaccare la tavoletta mi sembra una cavolata. Scoattare sarà dialetto, però se scrivete in italiano è meglio.
    Sicuramente ci saranno altri utilizzi più sensati, ma in generale non mi sembra serva granché.
    non+autenticato
  • > Quella del fotoritocco al volo perché non si ha
    > voglia di attaccare la tavoletta mi sembra una
    > cavolata. Scoattare sarà dialetto, però se
    > scrivete in italiano è
    > meglio.


    quando stai lavorando in maniera serrata, ogni interruzione è fastidiosa: fermarsi, andare a prendere la wacom, fare spazio sulla scrivania, ecc.
    La possibilità di poter disegnare una curva senza dover utilizzare procedimenti macchinosi con le spline è impagabile.
    Certo ai cadmonkey non serve, ma questo perchè i programmi sono fatti per essere utilizzati con mouse e tastiera o con le vecchie tavolette grafiche (tipo quelle della trust)

    > Sicuramente ci saranno altri utilizzi più
    > sensati, ma in generale non mi sembra serva
    > granché.

    Quando si parla con un cliente o si discute a studio su un progetto, poter toccare lo schermo o disegnarci linee direttamente sopra ti cambia la vita.
    Provare per credere.

    Sempre limitando i discorso al tipo di utilizzo di un designer
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 20 settembre 2009 12.46
    -----------------------------------------------------------