A Parigi l'innovazione è un concorso

In palio 30 milioni di euro che saranno assegnati alle ditte transalpine capaci di portare sul mercato soluzioni tecnologiche veramente innovative. I dindi arrivano anche dalla UE

Roma - Imprenditori e sviluppatori residenti in territorio francese, convinti di poter far giungere sul mercato soluzioni e tecnologie davvero innovative, potranno partecipare ad un concorso voluto dal ministero della Ricerca e delle Nuove Tecnologie francese.

Parigi, dove in questo periodo alla ricerca vengono dati importanti spazi di sviluppo, ha deciso di mettere in palio per i migliori progetti 30 milioni di euro, una somma che arriva in parte anche dal Fondo sociale europeo oltreché dall'Anvar, l'agenzia francese per l'innovazione.

Questo concorso, giunto ormai alla quinta edizione, tende a premiare soltanto quei progetti che rappresentino una novità sostanziale e che siano già pressoché pronti per arrivare sul mercato. Quelli che sul mercato già si trovano o fantasiose idee senza applicazioni pratiche sono dunque esclusi.
Il concorso, che per l'intero settore della ricerca tecnologica francese rappresenta senz'altro uno stimolo a mantenere un forte legame con il mercato, prevede che per i progetti selezionati siano successivamente create aziende ad hoc che avranno come primo scopo la realizzazione e il successo commerciale delle soluzioni innovative individuate.

A quanto pare, i 30 milioni di euro saranno spesi coprendo fino al 70 per cento le spese di ricerca o fino al 50 per cento quelle necessarie per lo start-up, il tutto condito dalla supervisione commerciale e tecnica di chi il concorso ha già vinto nelle edizioni precedenti. Non solo, per i vincitori sarà più facile accedere a crediti da parte delle istituzioni finanziarie, allertate dell'eccellenza dei loro progetti.
TAG: mercato