UlalÓ! I ministeri si passan tecnologie

PotrÓ sembrare scontato ma scontato in Italia non Ŕ: per la prima volta un ministero ha passato ad un altro dicastero una propria soluzione informatica. Simbolo di cooperazione. Incredibile

Roma - C'Ŕ un ministero, quello dell'Economia e delle Finanze, che ha sviluppato un sistema informatico per il controllo e la gestione delle proprie spese. C'Ŕ un altro ministero, quello delle Infrastrutture, che aveva bisogno di una soluzione simile. E ora, udite udite, il software sviluppato dal ministero dell'Economia passa in copia anche a quello delle Infrastrutture.

PotrÓ sembrare ovvio eppure per l'Italia Ŕ una sorta di rivoluzione, come ha voluto sottolineare il ministro all'Innovazione Lucio Stanca che in una nota dai toni entusiastici diffusa nelle scorse ore spiega che a decollare Ŕ stata "una nuova forma di cooperazione tecnologica tra Ministeri, in grado di determinare sostanziosi risparmi per il bilancio dello Stato". GiÓ, perchÚ fino a qualche tempo fa il ministero delle Infrastrutture avrebbe dovuto realizzare un applicativo proprio e diverso da quello del dicastero che ora gli ha fornito ci˛ di cui ha bisogno.

La cessione della tecnologie Ŕ gratuita, e anche questo viene sottolineato, nonostante il valore del sistema sia stimato attorno al milione di euro.
Il passaggio della tecnologia ha richiesto la firma di un protocollo che lo stesso Stanca ha descritto cosý: "E' solo il primo passo di un complesso processo di ammodernamento tecnologico che il Governo ha avviato e intende estendere a tutta l'amministrazione statale". Stanca ha anche preannunciato che "la stessa procedura di cessione gratuita verrÓ adottata anche nei confronti di altre Amministrazioni che hanno giÓ espresso il proprio interesse a dotarsi di tali supporti innovativi".
TAG: italia
6 Commenti alla Notizia UlalÓ! I ministeri si passan tecnologie
Ordina
  • Già... magari io penso male.
    Però mi piacerebbe sapere su che tecnologie e architetture sia basato il sistema del ministero Economia e delle Finanze.
    Facciamo finta che sia fatto con tecnologie aperte e sw libero. cederlo all'altro ministero gratis è un effettivo risparmio.

    Ma se è invece basato su tecnologia proprietaria e chiusa, questa cessione non è gratuita, l'altro inistero dovrà comprarsi per forza "quella" architettura.

    Risultato: guadagno per chi vende l'architettura, zero possibilità di innovazione e zero possibilità di introduzione di nuovi modi di risparmiare e aumentare efficienza nella amministrazione pubblica.

    Potrebbe essere un boomerang.


    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Già... magari io penso male.
    Sì...

    > Però mi piacerebbe sapere su che tecnologie
    > e architetture sia basato il sistema del
    > ministero Economia e delle Finanze.
    > Facciamo finta che sia fatto con tecnologie
    > aperte e sw libero

    Ma proprio finta....
    Io scommetto che adotteranno il S.O. più diffuso (e NON parlo certo di Linux...), come è logico che sia, in quanto , per quanto a pagamento, sarà già in loro possesso e la gente che dovrà lavorarci si troverà a suo agio in quanto con molti punti in comune con il computer di casa, del figlio,...
    Sarà poco snob, ma è pratico...

    > ministero gratis è un effettivo risparmio.

    Se glielo installano gratis e soprattutto non fanno pagare i corsi per addestrare il personale ad usare un tipo di macchina alquanto diverso da quelli cui sono abituati, sì...

    > Ma se è invece basato su tecnologia
    > proprietaria e chiusa, questa cessione non è
    > gratuita, l'altro inistero dovrà comprarsi
    > per forza "quella" architettura.

    Per me la possiedono già....fattene una ragione: siete 4 gatti ad usare Linux rispetto al mare di Windows...grazie a Dio! Prova a regalare nuovo hardware ad un Linuxaro: tocca leggerti FAQ, se esistono driver (almeno beta), sapere quale versione possiede, quali librerie,...costringere un poveretto a ricompilare il S.O. per poter usare un regalo è un po' antipatico...

    > Risultato: guadagno per chi vende
    > l'architettura, zero possibilità di
    > innovazione e zero possibilità di
    > introduzione di nuovi modi di risparmiare e
    > aumentare efficienza nella amministrazione
    > pubblica.

    Zero in praticità....10 e lode in masochismo applicato....

    Simone
    non+autenticato
  • E siamo sicuri che la soluzione, se non è FREE SOFTWARE, sia cedibile?
    Cioé che la ditta che ha "faticosamente guadagnato un milione di euro" (ma vi rendete conto di quanti soldi sono per un software?) si senta dire "ehi, io ministero A ho deciso di cedere il software anche al ministero B, C, e D, va e installa, che ti pago il tempo che ci metti e basta".
    saluti
    Marco
    p.s. la parte ironica è che è sofware per "il controllo e la gestione delle proprie spese"... che costa un milione di euro! Mi sa che c'è una back-door e le spese per il suddetto software passeranno inosservate...Occhiolino
    non+autenticato
  • La "cessione gratuita" è sicuramente positiva.
    Ma non sarebbe ancora più economico centralizzare il controllo e la gestione delle spese invece di "clonare" i sistemi moltiplicando le spese (CED, infrastrutture, personale)?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma non sarebbe ancora più economico
    > centralizzare il controllo e la gestione
    > delle spese invece di "clonare" i sistemi
    > moltiplicando le spese (CED, infrastrutture,
    > personale)?

    Qui siamo in italia e nella PA...c'e' tanta gente che vuole mangiare ... quindi ... hai tot ministeri ? avrai tot ced x 2 (tieni conto del disaster recovery), tot persone per ogni CED, tot infrastrutture per ogni ministero...cosi' dai il pane a tot persone che poi voteranno per Te ...A bocca aperta You are welcome in italySorride

  • - Scritto da: laforge
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ma non sarebbe ancora più economico
    > > centralizzare il controllo e la gestione
    > > delle spese invece di "clonare" i sistemi
    > > moltiplicando le spese (CED,
    > infrastrutture,
    > > personale)?
    >
    > Qui siamo in italia e nella PA...c'e' tanta
    > gente che vuole mangiare ... quindi ... hai
    > tot ministeri ? avrai tot ced x 2 (tieni
    > conto del disaster recovery), tot persone
    > per ogni CED, tot infrastrutture per ogni
    > ministero...cosi' dai il pane a tot persone
    > che poi voteranno per Te ...A bocca aperta You are
    > welcome in italySorride

    Splendido, è una fotografia della realtà.
    Tony
    non+autenticato