Mauro Vecchio

ISS, il capostazione è europeo

L'annuncio è stato dato dall'ESA: Frank De Winne sostituisce il russo Padalka alla guida della Stazione Spaziale Internazionale. Si tratta del primo astronauta del Vecchio Continente a ricoprire questo ruolo

Roma - Ci sono alcuni uomini a fare da sfondo ad altri due che stanno parlando tra loro con un microfono. Sembrerebbe una normalissima scena da immaginare, invece ci sono due dettagli rilevanti a renderla unica: il primo è che gli uomini si muovono leggeri senza toccare il suolo, il secondo è che uno dei due con il microfono è il primo astronauta europeo a prendere il comando dell'International Space Station (ISS).

L'annuncio ufficiale è stato riportato dall'European Space Agency (ESA): il belga Frank De Winne ha sostituito nel delicato ruolo il russo Gennady Padalka, a capo della ISS dallo scorso aprile. Frank De Winne, nato a Gand nel 1961, è stato selezionato dall'ESA nel 1998, partito successivamente con la missione Sojuz TMA-1 diretta proprio verso la Stazione Spaziale Internazionale. Era il 2002 e la sua qualifica era ingegnere di volo.

Ora, De Winne dirigerà le principali operazioni della Expedition 21, nove anni dopo il primo insediamento all'interno della ISS. Nello stesso momento in cui l'astronauta belga è stato investito dal resto della squadra, Padalka è tornato sul nostro Pianeta, atterrando in Kazakistan.
Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaNASA, spazio e topi volantiLo Shuttle posticipa il rientro, il nuovo razzo vettore di NASA dà finalmente segni di vita e i topi si esercitano nella levitazione magnetica. Nel frattempo il Giappone si appresta a conquistare il suo posto da protagonista sulla ISS
  • AttualitàNASA e ESA, novità spazialiLa settimana è iniziata con il lancio di un vascello in pre-pensionamento, l'interruzione di una missione economica e un possibile accordo per il riciclo di una vecchia capsula
  • AttualitàISS, ora il WC funzionaNiente più file come all'autogrill. Il secondo bagno della stazione spaziale è nuovamente operativo