Claudio Tamburrino

Shrek non twitta da contratto

Nuove clausole previste dalle major Hollywoodiane per impedire l'abuso dei social network da parte delle star. Proibito il microblogging a Cameron Diaz e Mike Myers

Roma - Gli studios avrebbero iniziato ad inserire nei loro contratti una clausola anti-cinguettio. Posta per limitare le dichiarazioni dirette dei VIP ai fan, dovrebbe contenere le sortite troppo esplicite delle star.

I social network permettono ai VIP attivi sulla rete di tenere una relazione più stretta con i loro fan. Nel bene e nel male: sono numerosi i personaggi famosi che hanno un rapporto particolare con i social network e che nel corso degli ultimi anni sono stati costretti ad abbandonarli del tutto o a cambiare atteggiamento. Sono ora i produttori a correre ai ripari in sede contrattuale con l'inserimento di una clausola dedicata a bloccare l'utilizzo di questi mezzi di comunicazione.

I primi a farne le spese sarebbero Cameron Diaz e Mike Myers, voci di Fiona e Shrek: in attesa del nuovo atteso capitolo della serie, i produttori sarebbero preoccupati di possibili spoiler da parte dei due protagonisti e hanno deciso di specificare nelle consuete clausole di riservatezza previsioni ad hoc per il non-utilizzo dei social network. Insomma, tutto pur di soffocare la tentazione delle star di rovinare la sorpresa sulla trama del film.
Disney e DreamWorks, avanguardia dei nuovi contratti secondo alcuni commentatori, non hanno confermato la clausola: DreamWorks ha affermato che non è loro politica discutere dei contratti delle star.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Shrek non twitta da contratto
Ordina