Alfonso Maruccia

L'Europa alla caccia degli esopianeti

Ce ne sono tanti, pių di quanti previsto. Solo in questa tornata la lista si arricchisce di 32 elementi. Tanto da suggerire una revisione delle teorie fin qui sostenute sulla nascita dei sistemi

Roma - Se i risultati ottenuti in questi cinque anni dall'European Southern Observatory di La Silla (Cile) possono insegnare qualcosa, nel futuro prossimo la caccia agli esopianeti si trasformerà da bizzarria una tantum a oggetto di dibattito e studio quotidiano. Di pianeti esterni al Sistema Solare, che ha dato i natali alla specie umana, l'Osservatorio cileno ne ha scoperti ben 32, con caratteristiche in grado di allungare pesanti ombre sulle tradizionali teorie riguardanti la formazione dei sistemi planetari.

Alla base del nuovo, corposo "bottino" di esopianeti dell'ESO, e di una parte del successo della caccia extra-solare in generale, c'è HARPS (o High Accuracy Radial velocity Planetary Searcher), lo spettrografo che è stato sin qui in grado di individuare le piccole variazioni nello spettro luminoso sulla superficie delle stelle (provocate appunto dal passaggio dei corpi celesti indicati come esopianeti) corrispondenti a 75 dei 400 pianeti "alieni" sin qui noti.

Il bouquet planetario annunciato in una press release rappresenta a ogni modo una conquista significativa per la ricerca scientifica in virtù della grande varietà delle caratteristiche degli esopianeti, comprendenti svariate "super-Terre" (pianeti con una massa dalle due alle sei volte superiore a quella della Terra), qualche simil-Giove e un monstrum grande come otto volte il più grande dei pianeti gassosi del Sistema Solare.
Gli esopianeti sono stati individuati in orbita attorno a stelle con caratteristiche simili a quelle del Sole, così come a stelle nane dotate di poca massa prese in esame per facilitare l'individuazione delle variazioni nello spettro elettromagnetico. A questo punto i ricercatori stimano che tra il 40 e il 60 per cento di tutti i sistemi planetari esistenti nell'universo ospitino pianeti con poca massa, con il conseguente aumento esponenziale di possibilità di indagine per l'esobiologia (o ricerca di forme di vita extraterrestri).

"I modelli prevedono un numero ancora maggiore di pianeti dotati di poca massa come la Terra, quindi sono abbastanza fiducioso del fatto che ci siano pianeti simili alla Terra un po' dappertutto" ha commentato Stephane Udry dell'Osservatorio di Ginevra, membro del team in forze all'ESO. "La natura odia il vuoto - continua Udry - quindi se c'è dello spazio per metterci un pianeta, la natura ci metterà un pianeta".

Quello che i modelli non avevano previsto è la presenza di esopianeti in orbita attorno a stelle diversissime tra loro, nella massa come negli elementi costituenti. Diversi quasi-Giove sono stati ad esempio individuati in compagnia di stelle deprivate di elementi metallici, una scoperta che fa a pugni con l'idea data sin qui per valida che i sistemi planetari in via di formazione traggano proprio dai dischi di detriti metallici in orbita attorno alla stella la loro principale fonte di sviluppo.

Sebbene i dettagli debbano ancora essere rivelati, la scoperta dei 32 esopianeti dell'HARPS ha insomma già contribuito a sollevare nuove questioni nel dibattito scientifico, in attesa che strumenti di nuova generazione permettano di individuare con precisione la loro posizione e l'eventuale presenza di quasi-Terre nella cosiddetta "zona abitabile".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaUn CCD che misura i pianetiDalle Hawaii arriva notizia di una super-telecamera montata sul telescopio di Mauna Kea. Che consente di valutare, come mai prima, la dimensione dei pianeti che orbitano attorno ad altre stelle della Via Lattea
  • AttualitàHubble torna a far sognare Rimesso a nuovo a maggio, l'occhio orbitante torna a stupire regalando nuove immagini dello spazio lontano al piccolo pianeta chiamato Terra
27 Commenti alla Notizia L'Europa alla caccia degli esopianeti
Ordina
  • ma sti astronomi non si potrebbero dedicare ad attivita' piu' proficue.
    allo stato attuale con sta tecnologia da protopaleolitici non si potrebbero dedicare a scienze piu' utili.
    che boia me ne faccio di tutti sti esopianeti se al giorno d'occi ridotti con le pezze al culo e per l'uomo non solo e' un'impresa arrivare sulla luna (per non parlare di marte) ma non siamo riuscitai ancora manco da avvicinarci ad una societa' indipendente dal petrolio.
    ma a che serve buttare soldi per sta roba? mah...
    non+autenticato
  • dobbiamo togliere i finanziamenti a questi astronomi comunisti..

    come dici? non hanno finanziamenti? allora tassiamoli a sangue!!!
    non+autenticato
  • Pole la massa permettisi di superare la velocità della luce?
    SI! NO! Apriamo il dibattito!

    Premetto che parlerò di cose su cui ho letto articoli, ma non sono un esperto e posso dire tante cavolate.

    Velocità della luce, vincolo insuperabile?

    1) Come già fatto notare, la relatività riguarda sia lo spazio che il tempo, per cui teoricamente domani (e perché non stasera?) posso prendere l'astronave "Epoch" che ho in giardino, viaggiare vicino alla velocità della luce e raggiungere in 10 minuti (del mio orologio, non del vostro) pianeti lontani anni e anni luce.
    Certo, al mio ritorno per me saranno passato 30 minuti (10 andata, 10 panino, 10 ritorno), per voi diversi anni... che gli racconto alla mia donna? Che mi sono allontanato solo 30 min per un panino?
    Altro problemucchio è la quantità di energia che uso... considerati i rincari delle bollette...
    2) Ci sono fenomeni quantistici (entanglement quantistico? scusate i possibili errori, ne so poco) in cui alcune proprietà accoppiate si propagano non tenendo conto del limite della velocità della luce.
    3) Nella relatività stessa si prevede la dilatazione dello spazio, per cui di fatto alcuni pianeti si muovono a velocità superiori alla luce rispetto al nostro pianeta.
    Queste velocità vengo misurate tramite il red-shift.
    Prima di rispondere che se un pianeta si muovesse a volocità maggiori di quella della luce rispetta al nostro, la sua luce non ci arriverebbe mai, informatevi bene e non da un post tipo questo!
    L'errore concettuale sta nel "mai". Provo a spiegarlo in maniera grossonala. Essenzialmente un fotone partito da tale pianeta verso di noi, potrebbe un giorno "entrare" nella zona di universo a noi visibile, poichè questa zona è in espansione.
    4) Come già accennato in altri post, lo spazio è curvato dalla gravità, e forse le dimensioni non sono solo 3. Per cui potrebbero esistere dei percorsi "alternativi" che riducono la distanza tra 2 punti.
    5) Basta aumentare il valore della velocità della luce per decreto legge...
    non+autenticato
  • - Scritto da: poiuy
    > 2) Ci sono fenomeni quantistici (entanglement
    > quantistico? scusate i possibili errori, ne so
    > poco) in cui alcune proprietà accoppiate si
    > propagano non tenendo conto del limite della
    > velocità della
    > luce.

    proprio il fatto che particelle lontane anche chilometri possano influenzarsi a vicenda istantaneamente puo' far pensare che in qualche modo il concetto di spazio e tempo subira' di sicuro dei "raffinamenti" in futuro. Magari non si superera' la velocita' della luce ma si troveranno delle "scorciatoie"

    > 5) Basta aumentare il valore della velocità della
    > luce per decreto
    > legge...

    Berlusconi ci sta gia' lavorando ma questa sinistra comunista, anti-italiana e farabutta non gli permette di lavorare..
    non+autenticato
  • Cito:
    " A questo punto i ricercatori stimano che tra il 40 e il 60 per cento di tutti i sistemi planetari esistenti nell'universo ospitino pianeti con poca massa, con il conseguente aumento esponenziale di possibilità di indagine per l'esobiologia "

    Quale che fosse prima la stima, le probabilità mi risulta difficile che crescano esponenzialmente, al più cresceranno proporzionalmente. La funzione esponenziale, poi, cresce indefinitamente, ma le probabilità non potranno mai andare oltre a 1 (o analogamente al 100%)...
  • - Scritto da: Whishper
    > Cito:
    > " A questo punto i ricercatori stimano che tra il
    > 40 e il 60 per cento di tutti i sistemi planetari
    > esistenti nell'universo ospitino pianeti con poca
    > massa, con il conseguente aumento esponenziale di
    > possibilità di indagine per l'esobiologia
    > "
    >
    > Quale che fosse prima la stima, le probabilità mi
    > risulta difficile che crescano esponenzialmente,
    > al più cresceranno proporzionalmente. La funzione
    > esponenziale, poi, cresce indefinitamente, ma le
    > probabilità non potranno mai andare oltre a 1 (o
    > analogamente al
    > 100%)...
    Credo che in questo contesto "esponenziale" non volesse intendersi secondo rigorosa definizione scientifica, ma come termine di uso comune per indicare qualcosa che aumenta talmente tanto da richiamare un grafico con curva esponenziale crescente (verso l'alto).
    Tipo: "dopo quel match, le probabilità di vincere il torneo sono aumentate in maniera esponenziale".Sorride
    non+autenticato
  • "dopo quel match, le probabilità di vincere il torneo sono aumentate in maniera esponenziale"

    Si dovrebbe dire: "dopo quel match, l'inverso della probabilità di non vincere il torneo è aumentato in maniera esponenziale".
    non+autenticato
  • La differenza tra la teoria sulla formazione dei pianeti e la realta' ci insegna quanto ancora siamo ignoranti, e quanto tutte le nostre teorie (non ancora provate) possano essere lontano dalla realta'. Chissa' che un giorno anche il limite della velocita' della luce possa essere infranto, permettendoci di viaggiare nello spazio verso "dove nessun uomo e' mai giunto prima"
    non+autenticato
  • La velocità della luce non puo' essere infranta, è una costante dimostrata matematicamente... quello che la teoria (e la fantascienza) propone è un modo per "accorciare" lo spazio e con esso il tempo di percorrenza. Tra l'altro è vero che per raggiungere un punto distante 1 anno luce, alla velocità della luce, ci vuole 1 anno... pero' 1 anno di chi non si muove a velocità prossime di c... la relatività insegna che il tempo non è uguale a velocità prossime a c. Non è detto che una navicella non possa arrivare ai confini dell'universo, ma potrebbe tornare sulla terra anni o secoli dopo la sua partenza. Per gli amanti del genere consiglio la visione di Gunbuster (http://it.wikipedia.org/wiki/Gunbuster), in cui viene affrontato il problema dei viaggi stellari e la "relatività" del tempo...
    non+autenticato
  • - Scritto da: HAL
    > La differenza tra la teoria sulla formazione dei
    > pianeti e la realta' ci insegna quanto ancora
    > siamo ignoranti, e quanto tutte le nostre teorie
    > (non ancora provate) possano essere lontano dalla
    > realta'. Chissa' che un giorno anche il limite
    > della velocita' della luce possa essere infranto,
    > permettendoci di viaggiare nello spazio verso
    > "dove nessun uomo e' mai giunto
    > prima"

    questo post e' il sintomo lampante di una sottocultura fomentata da deleteri ma ahime' seguitissimi programmi televisivi. Sebbene sia vero che le teorie scientifiche non possono essere provate vere ma solo falsificate, e' anche vero che le stesse teorie sono costantemente messe alla prova da innumerevoli esperimenti scientifici che ne confermano le predizioni entro i limiti sperimentali. Tanto e' vero che molte teorie scientifiche sono usate con successo per costruire aeroplani, telefonini per curare le persone e per fare innumerevoli cose.

    Ogni nuova teoria scientifica, inoltre, non fa altro che "estendere" le teorie precedenti, ma NON invalidandole, per cui, citando Einstein "il destino piu' bello di una teoria scientifica e' quello di essere superata da una teoria piu' generale che la comprenda come caso particolare".

    Questo e' quello che e' successo con la teoria classica del moto di Newton e la sua evoluzione, cioe la teoria della relativita' ristretta (quella che si basa sul postulato della costanza della velocita' della luce), tanto e' vero che oggi si usa ancora la teoria di Newton vechia di piu' di 300 anni per mandare in orbita i satelliti, ma si usa la relativita' di Eistein quando si predicono le traettorie delle particelle negli acceleratori.

    Questo e' il motivo esatto per cui non si potra' mai superare la velocita' della luce, ne' nessuna teoria in futuro potra' mai predire di farlo.
    non+autenticato
  • Dipende da come si guarda la cosa.....

    Un muro è solido e non lo si può attraversare ed è
    provato che è un muro, ma nessuno ti vieta di Aggirarlo
    o scavalcarlo, se ti do un righello e ti lascio in un
    giardino di 500m2 potrai giungere ad un unica soluzione
    la terra è Piatta ! (Cosa non vera)

    Per ora una Massa non può raggiungere la velocità della
    luce perchè è un Limite, ma come ben sai noi siamo da
    una parte del limite, chissà qualche teoria in futuro
    potrà "Isolare" una piccola bolla che non sarà soggetta
    alla relatività e sfrutterà un "upgrade" della teoria della
    relatività per ora siamo ancora piccini piccini....
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 ottobre 2009 13.35
    -----------------------------------------------------------
    Be&O
    1121
  • - Scritto da: Be&O
    > Dipende da come si guarda la cosa.....
    >

    no. La scienza e' oggettiva, il metodo scientifico e' rigoroso ed oggettivo. Le teorie assodate non sono punti di vista, sono oggettivamente riconosciute da tutti gli scienziati e studiate a scuola, come la relativita' di Einstein.

    > Un muro è solido e non lo si può attraversare ed è
    > provato che è un muro, ma nessuno ti vieta di
    > Aggirarlo
    > o scavalcarlo, se ti do un righello e ti lascio
    > in
    > un
    > giardino di 500m2 potrai giungere ad un unica
    > soluzione
    > la terra è Piatta ! (Cosa non vera)
    >
    > Per ora una Massa non può raggiungere la velocità
    > della
    > luce perchè è un Limite, ma come ben sai noi
    > siamo
    > da
    > una parte del limite, chissà qualche teoria in
    > futuro
    > potrà "Isolare" una piccola bolla che non sarà
    > soggetta
    > alla relatività e sfrutterà un "upgrade" della
    > teoria
    > della
    > relatività per ora siamo ancora piccini
    > piccini....
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 21 ottobre 2009 13.35
    > --------------------------------------------------

    un accozzaglia di non sensi degni della migliore puntata di voyager, comlimenti! non ti sarai mica perso la scorsa puntata sugli "alieni che sono tra noi", vero?
    non+autenticato
  • Ragazzo, solo qualche giorno fa sono stati scoperti
    i MONOPOLI MAGNETICI cosa che fino a ieri era una
    bestemmia, scentifica, da inquisizione spagnola.

    L'eletricità in alternata è stata studiata a fondo
    solo grazie ai numeri complessi (fin l'ora di ieri
    chiamati numeri Immaginari) tra qualche anno si
    potrebbe tornare a trovare che lo spazio non è
    vuoto e magari viene dimostrata la ZPE (una volta
    chiamata Etere) e lo spazzio non sarebbe più vuoto
    e dimostrerebbe buona parte della teoria delle
    superstringhe, con semplicità.

    PER ORA CONOSCIAMO QUELLO punto e basta e su quello
    ci basiamo, la scenza e scenza e varia con l'evoluzione
    la simmetria non quadra e la scenza per ora li vacilla.
    non+autenticato
  • PS, se noi fossimo dentro un atomo, le leggi che
    ci governerebbero non sono le stesse di quando
    si esce dall'atomo, stessa cosa "Potrebbe"
    verificarsi da zona a zona dell'universo, la stessa
    teoria dell' Inflazione c'è un momento in cui
    l'espansione supera la velocità della luce, questo
    perchè in quello stato c'erano condizioni differenti
    c'erano più dimensioni il che porta a meccaniche
    quantistiche differenti.

    Per ora mi sembri un Cristiano all'epoca di Galileo
    dove la scenza che conosce è legge e la scenza che
    arriverà non può esistere perchè la sua scenza è la
    scenza, Potrebbe arrivare "DIO" (Scusate per la bestemmia)
    e decidere di voler rimettere tutto in regola, scenza
    o non scenza, per niente Albert era Cristiano e diceva
    che dio non può giocare a dadi.... eppure così per
    ora è la quantistica, un grande mistero, basato sulla
    statistica e non sul Fatto, già l'elettrone che può
    essere ovunque è un "appiattimento di comodo" della
    realtà che non capiamo perchè ci manca la formula
    efettiva.
    non+autenticato
  • lo so che non si dovrebbe correggere ma cavolo tu scrivi di bestemmie e poi continui a scrivere scienza senza la i!!! hai scritto anche cose giuste ma fai cadere le braccia..

    S C I E N Z A

    http://it.wiktionary.org/wiki/scienza
    non+autenticato
  • si ma anche te mica ti limiti tanto...
    con la meccanica quantistica non puoi predirre la traiettoria di un bel niente, quello che predici con la teoria dei campi quantistici sono le probabilità che si formino determinate particelle con un valore dell'impulso ed eventualmente con lo spin orientato in un certo modo, dopo un evento di collisione, quello che succede prima, dopo e durante alle particelle, non potrai mai saperlo, quindi non puoi ricostruire la traiettoria, anche perché col formalismo di Feynman hai gia sommato su tutte le traiettorie (che sono infinite)
    la fisica non così semplice come vuole farla sembrare wikipedia eh...
    non+autenticato
  • ma in realtà siamo "prigionieri" in una gabbia fatta di spazio e tempo incommensurabili che ci separa da questi possibili pianeti abitabili da forme di vita.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Silvan
    > ma in realtà siamo "prigionieri" in una gabbia
    > fatta di spazio e tempo incommensurabili che ci
    > separa da questi possibili pianeti abitabili da
    > forme di vita.

    Dici un po' come quando non si sapeva dell'esistenza delle americhe ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Silvan
    > > ma in realtà siamo "prigionieri" in una gabbia
    > > fatta di spazio e tempo incommensurabili che ci
    > > separa da questi possibili pianeti abitabili da
    > > forme di vita.
    >
    > Dici un po' come quando non si sapeva
    > dell'esistenza delle americhe
    > ?

    Eh, e' un pelino diverso...
    non+autenticato
  • - Scritto da: misto
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Silvan
    > > > ma in realtà siamo "prigionieri" in una gabbia
    > > > fatta di spazio e tempo incommensurabili che
    > > > ci separa da questi possibili pianeti abitabili
    > > > da forme di vita.

    > > Dici un po' come quando non si sapeva
    > > dell'esistenza delle americhe ?

    > Eh, e' un pelino diverso...

    Ma anche no...
    krane
    22544
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)