McNealy allo scontro sul fronte indiano

Il capo di Sun visiterà il cuore pulsante dell'hi-tech indiano per spingere gli sviluppatori verso la piattaforma SunOne alternativa a Microsoft.NET. L'India sempre più centrale per il software

Roma - Entro quattro anni si prevede che gli sviluppatori indiani cresceranno dall'attuale mezzo milione a oltre 1,3 milioni di unità: la centralità dell'industria del software indiana nelle strategie delle multinazionali del settore è conseguentemente in forte ascesa. In questo quadro va inserito il "tour" che sta organizzando il capo di Sun Microsystems, Scott McNealy, che segue quello del chairman Microsoft Bill Gates.

McNealy a partire dal 20 marzo toccherà Nuova Delhi, Bombay e soprattutto Bangalore, dove si trova una parte consistente delle imprese e degli sviluppatori indiani. Lo scopo è convincerli della bontà della piattaforma SunOne, quell'insieme di tecnologie per i web service che Sun ha realizzato con i propri partner per contrastare i progetti di Microsoft.NET.

Appare evidente che la direzione in cui si muoveranno gli sviluppatori sarà decisiva tanto per Sun quanto per Microsoft. "Da un punto di vista business - si è infatti lasciato sfuggire il capo della divisione marketing di Sun in India - la grande forza principale dei nostri sviluppatori si trova in India".
Gates, da parte sua, in India ha sostenuto la "causa" della propria azienda promettendo investimenti per 400 milioni di dollari, una cifra notevolissima a cui si sono poi peraltro aggiunte altre chicche destinate a far presa sull'India, come il sostegno ai programmi anti-AIDS del paese.

Il governo indiano sta lavorando attivamente per attirare ulteriori investimenti occidentali ed è probabile che gli argomenti di McNealy avranno buona presa su molti. "Abbiamo - ha spiegato ancora McNealy - centinaia di programmatori indiani e questo numero potrebbe crescere nell'ordine delle migliaia". Al momento i dipendenti indiani di Sun sono circa 650.
TAG: mercato
3 Commenti alla Notizia McNealy allo scontro sul fronte indiano
Ordina
  • Ormai se ne vedono parecchi, d'altra parte sono tendenzialmente piu' preparati degli italiani e costano meno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ormai se ne vedono parecchi, d'altra parte
    > sono tendenzialmente piu' preparati degli
    > italiani e costano meno.

    gia un team di indiani di 4-5 persone super esperte ti costano
    500$ al mese
    molte software house italiane vanno in india bangalore comprano
    i cosidetti offshore programmers gli fanno fare il progetto;
    l'azienda via satellite risputa tutto in italia e caricano i brevetti.
    impacchettano e vendonoSorride
    Altro che formazione le grandi ditte se ne sbattono dei programmatori
    italiani.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ormai se ne vedono parecchi, d'altra parte
    > > sono tendenzialmente piu' preparati degli
    > > italiani e costano meno.
    >
    > gia un team di indiani di 4-5 persone super
    > esperte ti costano
    > 500$ al mese
    > molte software house italiane vanno in india
    > bangalore comprano
    > i cosidetti offshore programmers gli fanno
    > fare il progetto;
    > l'azienda via satellite risputa tutto in
    > italia e caricano i brevetti.
    > impacchettano e vendonoSorride
    > Altro che formazione le grandi ditte se ne
    > sbattono dei programmatori
    > italiani.

    Mi sa che sarà sempre più così, inoltre grazie alle nuove tecnologie che consentono di lavorare a distanza sarà sempre più diffuso l'outsourcing dello sviluppo, mentre al massimo quà in Italia si farà l'analisi del progetto.

    Infatti già all'università un pezzo grosso della Sun ci disse che gli sviluppatori hanno poco da lamentarsi della paga perché tanto ci sono gli indiani (mediamente molto preparati) che fanno quello che facciamo noi per molto meno.
    Specifico che questo tizio della Sun non era un "commerciale" bensì uno che ci preparava a riguardo della tecnologia Java, praticamente uno "dalla parte" degli sviluppatori!

    Poveri noi....
    non+autenticato