Mauro Vecchio

UK, tutti a scuola di IT

Il Segretario di Stato Lord Mandelson oltre ad accarezzare le disconnessioni chiede alle università britanniche di far fiorire tra gli studenti capacità ad alto profilo tecnologico. Ne beneficeranno l'economia, il mercato, l'innovazione

Roma - Dovrebbe esserci una maggiore competizione tra le università del Regno Unito, soprattutto se legata a programmi specificamente orientati verso le scienze, la tecnologia, l'ingegneria. Si tratta soltanto della prima di una serie di misure chiave invocate dal Segretario di Stato britannico Lord Mandelson, durante un recente discorso tenutosi alla House of Lords. Una strategia di ampio respiro, annunciata da Mandelson perché il governo di Londra si assicuri che le università forniscano agli studenti quelle competenze di alto profilo richieste da aziende, datori di lavoro e settori avanzati della ricerca.

Stando alla visione illustrata da Lord Mandelson, le stesse aziende dovrebbero contribuire alla causa sbandierata, investendo di più nella programmazione didattica universitaria oltre che nella sponsorizzazione degli studenti più brillanti e dotati. L'università dovrebbe, cioè, fare meglio da ponte tra lo studente ancora virgulto e la piattaforma degli sbocchi professionali. "Il governo - ha spiegato Mandelson - vuole che le università contribuiscano di più al processo di guarigione della nostra economia, per alimentare una crescita futura".

Perché ciò avvenga nel migliore dei modi, il Segretario di Stato britannico ha illustrato uno scenario in cui venga data una maggiore priorità al bisogno di figure di alto livello tecnologico, nel campo della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica. Un'altra delle misure invocate da Mandelson rappresenta il tentativo di creazione di un sistema universitario part-time, che dia allo studente la possibilità di portarla a termine anche con un'esperienza lavorativa parallela.
Questa certo ambiziosa strategia è stata accolta con particolare entusiasmo da alcuni che vi hanno visto un potenziale beneficio per il business e l'innovazione legata all'information technology. Mandelson sembra aver dunque indossato la toga da rettore per dettare precise indicazioni al sistema-università, dopo aver lanciato in patria la patata bollente delle disconnessioni dei file sharer con il sistema detto dei tre colpi. Qualcuno ha consigliato a Mandelson di approfittare in prima persona delle future lezioni universitarie: per capire meglio come funzionano realmente un indirizzo IP o un tracker torrent.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, provider anti-disconnessioniTalkTalk contro la cura Mandelson al file sharing illecito: violerebbe i diritti umani perché non assicura la presunzione di innocenza. E anche British Telecom si preoccupa per le ghigliottine pronte nel Regno Unito
  • Digital LifeSempre meno donne nelle Scienze InformaticheNell'IT statunitense l'universo femminile latita. Lo confermano i nuovi studi che segnalano una tendenza allarmante: anziché ridursi nel tempo, il gap di genere non fa che allargarsi. L'IT attrae le donne sempre meno. Perché?
  • AttualitàScuola, quando il digitale è economiaGli studenti italiani studieranno mai su testi e materiali digitali? Non ci sono motivi per opporsi alla transizione, le idee proliferano. Manca solo il pungolo dello stato