Appello contro l'Europa liberticida

Lo firmano quelli di Strano Network, ideatori del Netstrike, che documentano l'assedio alle libertÓ civili e ai diritti digitali, l'aggressione attraverso la EUCD e le altre forme di repressione

Un'Europa liberticida nell'indifferenza politica generale.
Lettera aperta del gruppo di lavoro sulla comunicazione Strano Network alle persone libertarie, a chi - individui e organizzazioni - si sente di sinistra, alla societÓ civile, al Senatore Cortiana, all'arcipelago hacker sull'esigenza di reagire politicamente contro i recenti orientamenti liberticidi dell'Europa in tema di comunicazione digitale.

http://wwww.ecn.org/sotto-accusa
Un progetto che favorisce i giganti del software e penalizza gli
"indipendenti"; un database per schedare i manifestanti; il progetto dell'Europol per un'intercettazione di massa; l'obbligo dei log per i provider; l'avanzata della famigerata direttiva EUCD volta ad azzerare i diritti dell'utenza finale dei prodotti multimediali; pene spropositate per atti interpretabili come reati informatici; infine manifestazioni virtuali equiparate in Europa ad atti di sabotaggio informatico e di terrorismo.

Queste sono solo alcune delle recenti iniziative delle istituzioni europee che hanno gettato nello sconcerto gli utenti di Internet.
Chiamati in prima persona in quanto ideatori della proposta di mobilitazione pacifica ma politicamente efficace del Netstrike lanciamo un appello a tutti coloro -individui, organizzazioni ed istituzioni - sensibili al mantenimento della libertÓ d'espressione in Rete (patrimonio culturale di tutta l'umanitÓ) a prendere in seria considerazione il pericolo di queste iniziative.

Il distacco fra istituzioni politiche europee - evidentemente soggiogate agli interessi insieme delle forze di polizia e delle multinazionali del digitale - e gli interessi dei cittadini che dovrebbero rappresentare pesa ora come un macigno sul futuro di Internet.

Prima che l'EUCD venga definitivamente approvata, prima che qualsiasi forma di protesta elettronica venga bandita per sempre dal territorio europeo, prima di subire un destino fatto di grandi fratelli sempre presenti nella nostra vita quotidiana lanciamo un appello alla mobilitazione politica di tutte le forze sensibili alla libertÓ d'espressione e se proprio dobbiamo perdere un patrimonio eccezionale di partecipazione e condivisione di saperi che tanto ha inciso culturalmente in questi anni, che almeno lo si subisca in coscienza sapendo chi si Ŕ mosso in quale direzione e chi Ŕ stato fermo a guardare.

gruppo di lavoro sulla comunicazione sTRANOnETWORK
TAG: censura
13 Commenti alla Notizia Appello contro l'Europa liberticida
Ordina

  • Ancora una volta un'argomento che potrebbe interessare tutte le persone (visti sia come consumatori ma anche cittadini) viene usato per fare propaganda politica (che ca@@o vuol dire appello "a chi si sente di sinistra" ?? io non mi sento di sinistra eppure mi fanno schifo i vari DMCA ed EUCD, posso ? o e' solo prerogativa dei compagni ? devo avere la tessera di Rifondazione per associarmi a una qualche azione dimostrativa ?)

    Premesso questo, il fatto di non essere di sinistra non implica che me lo devo far mettere il quel posto dalle multinazionali ne vedere il complesso media-entertainement come il mio Dio a cui devo obbedienza ed assenso eterno.

    La bilancia dei diritti e doveri deve essere paritaria.

    E se vogliamo dirla tutta, un conto e' una certa destra ed un conto e' un certo centro-destra capitalistico. La destra propriamente intesa ha un anima sociale tale che ficcherebbe il DMCA in c**o a chi l'ha inventato (purtroppo pero' poi non si fermerebbe a quello...)
  • allora formattiamo la partizione windows e lasciamo solo Linux
    non+autenticato
  • > allora formattiamo la partizione windows e
    > lasciamo solo Linux

    E per Map Point come facciamo poi?
    non+autenticato
  • I vostri diritti, sono indicati nel contratto di licenza che accettate. Se non accettate il contratto di licenza, non avete alcun diritto di utilizzare il contenuto. Se lo usate ugualmente commettete un reato. Questo reato è gravissimo, ancor più del furto o dell'omicidio, perché colpisce al cuore del sistema di incentivi naturali che è alla base della nostra libera economia. Quaalsiasi "diritto" che il produttore sceglie di concedervi è una donazione, pura e semplice, e voi certamente non ve la siete guadagnata. Questo produttore ha investito milioni di euro di capitale nello sviluppo del prodotto, ed ha tutto il diritto di aspettarsi un ritorno su questo investimento, ed il fatti che vi stanno generosamente permettendo di usare il contenuto è più di quello che probabilmente meritate. Il vostro ruolo in questa cultura è pagarli per il lavoro compiuto dai loro dipendenti, che sono veramente fortunati ad avere un lavoro (e quasi certamente non lo apprezzano). Pagate e state zitti.

    Questi "diritti" del "consumatore" sono come i "diritti" delle donne o degli animali; una pura assurdità. PI non dovrebbe sprecare il nostro tempo con questa spazzatura di sinistra. I lettori di questo sito sono persone competenti, che per definizione sono liberali conservatori, per due motivi: Per prima cosa, sono individui produttivi, e il principio dell'auto-interesse razionale dimostra che non possono sostenere i socialisti. Inoltre, sono per definizione persone intelligenti e logiuche (lavorano con la logica tutto il giorno, no?) e per questo non possono farsi ingannare da miti e sciocchezze della sinistra come la cosiddetta "cosmologia eliocentrica", l'"evoluzionismo" o la redistribuzione della richhezza (parassitismo coercitivo organizzato). Un informatico di sinistra è una contraddizione in termini, e perciò non può esistere.
    non+autenticato
  • Innanzitutto spero che tu abbia voluto solo flammare un po'; se non è questa la tua intenzione e parli seriamente, devo dirti che io sono fondalmente di destra e trovo che tu abbia inanellato una sequela di ******** inenarrabili.
    non+autenticato
  • Al di là del titolo provocatorio che in sintesi dice che
    l'idiozia è un mal comune per niente gaudioso. Qui si tratta
    di difendere i TUOI diritti ad utilizzare software/video/cd/libri che hai regolarmente comprato. Cazzu! Se io compro un libro posso leggerlo, prestarlo, usarlo come carta da cesso e quant'altro. Idem coi CD e con tutto il resto. Nessuna casa discografica delle balle può venire a rompermi se io decido di fare una copia del mio cd perchè voglio che duri a lungo o se decido di scambiarlo, barattarlo, prestarlo, farlo ascoltare ad amici e parenti senza che nelle mie mani finisca vil denaro.
    L'EUCD vuole limitare tutto questo e limitare la fruizione dei beni che compri nel tempo e nello spazio. Se non ci fosse stata la copia non sarebbero arrivati a noi neanche la bibbia o le opere di Galileo Galilei.
    non+autenticato
  • Questa Europa mi fa veramente schifo!! Sono diventanto un accesissimo antieuropeista proprio a causa dell'evidenza del fatto che l'Europa politica e' soltanto lo strumento in mano agli euroburocrati iperpoliticizzati per portare avanti e sulla nostra pelle la piu' ignobile mondializzazione e globalizzazione fatta di superstati (UE, ONU... ), immigrazione selvaggia e distruzione delle identita' locali. Il loro piano e' che tutto cio' che e' locale debba sparire in favore di un omogeneizzazione etno-culturale. Il solo pensiero mi da' il voltastomaco!

    Mai piu' Europa politica! Viva le Nazioni (che non sono gli stati i cui confini sono stati decisi dai fucili e dai cannoni ma le regioni di comune popolo, cultura, lingua, tradizioni)!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)