Giorgio Pontico

Sony annuncia lo store totale

L'obiettivo riunire tutto il materiale digitale creato e distribuito dal colosso nipponico. Nella speranza di tornare a volare in alto sul mercato

Roma - Nel corso di una riunione tenutasi a Tokio, Sony ha annunciato la prossima apertura di uno store totale, ovviamente online, in cui racchiudere tutti i contenuti digitali di proprietà dell'azienda giapponese. Nel negozio, provvisoriamente denominato Sony Online Service, dovrebbero confluire film, musica, ebook e materiale per Playstation 3, eliminando così i vari SonyMusicPass, sBook Store, Crackle e Playstation Network.

Tuttavia proprio la struttura di quest'ultimo dovrebbe essere la base su cui sorgerà Sony Online Service: il vicepresidente di Sony Kazuo Hirai ha dichiarato di non essere convinto che gli attuali 33 milioni di utenti di Playstation Network sarebbero disposti a migrare su una nuova piattaforma.

Il rischio, evidentemente non sottostimato dai piani alti del colosso nipponico, è quello di ripetere gli stessi errori che hanno portato alla prematura scomparsa di Sony Connect, il servizio creato nel 2005 come alter ego di iTunes pensato per gli utenti dei player musicali made in Japan.
Howard Stringer, presidente e CEO di Sony, ha manifestato la volontà di creare un meccanismo aziendale che possa offrire un solido sostegno al nascituro Sony Online Service, evitando di innescare le stesse micce che avevano portato nel 2008 alla chiusura di Sony Connect e segnando finalmente una svolta che riporti l'azienda ai fasti di un tempo.

Sono ormai diverse le trimestrali in rosso presentate dal consiglio di amministrazione di Sony, che sembra avere ormai perso quell'aura che per anni ha trasudato innovazione. L'anno fiscale 2009 è costato circa 1,3 miliardi di perdite totali nonostante i continui interventi. Anche gli ultimi dati di Sony Ericsson, joint venture orientata sulla telefonia mobile, non fanno pensare ad un futuro roseo per la multinazionale basata a Tokio se questo trend negativo dovesse proseguire.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • BusinessSony vede rosso Una perdita sontuosa, aggravata da previsioni fosche. Il CEO mantiene viva l'iniziativa, ma secondo gli analisti l'azienda nipponica alle corde
  • AttualitàGiocano tutti, giocano di piùSi confermano le tendenze positive per il mercato dei videogiochi: pi vendite, pi pubblico, pi differenziazione nei consumi. Mentre la televisione insidiata nel prime time
  • BusinessAMD e IBM, l'altalena del Q3C' chi sale, c' chi scende e c' chi galleggia. In attesa di Apple e Microsoft il profilo del mercato appare tutto meno che a senso unico
13 Commenti alla Notizia Sony annuncia lo store totale
Ordina
  • perdite - contrazioni delle quote di mercato - perdite - ancora riduzione quete di mercato - 15000 licenziamenti - 3 o 4 trimestri in rosso - ancora contrazioni di mercato - altri 7000 licenziamenti - perdite ancora. Alla fine sony viene assorbita da - che so - una Apple, o Nokia o quello che e', ed i suoi manager cazzoni vengono - finalmente - sparati via a pedate nel culo.
    non+autenticato
  • E' finita l'era dove la gente campa sulle spalle d'altri...
    Qui in Italia c'è bisogno di persone che si sporcano le mani.
    Si, si chiama lavoro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ilpiccolo
    > E' finita l'era dove la gente campa sulle spalle
    > d'altri...
    > Qui in Italia c'è bisogno di persone che si
    > sporcano le
    > mani.
    > Si, si chiama lavoro.

    Ma che cavolo c'entra l'italia con sony?
  • - Scritto da: non mi va di dirlo
    > perdite - contrazioni delle quote di mercato -
    > perdite - ancora riduzione quete di mercato -
    > 15000 licenziamenti - 3 o 4 trimestri in rosso -
    > ancora contrazioni di mercato - altri 7000
    > licenziamenti - perdite ancora. Alla fine sony
    > viene assorbita da - che so - una Apple, o Nokia
    > o quello che e', ed i suoi manager cazzoni
    > vengono - finalmente - sparati via a pedate nel
    > culo.
    certo certo Sorride
  • IMHO la parola d'ordine in questi tempi è, appunto, convergenza.
    Secondo me Sony dovrebbe creare una piattaforma che permetta la valorizzazione del suo vastistissimo parco macchine (TV, Hi-Fi, PS3, ecc...) con l'altra sua anima, ossia quella dei contenuti (film e musica).
    In pratica ha tutto in casa, e dovrebbe solo cercare di alimentare il catalogo contenuti stringendo accordi con le altre major.
    Da vecchio utente affezionato Sony, mi piacerebbe veramente poter prendere la mia PSP, scaricarci su il film per vederlo in strada, poi se mi piace, organizzare una serata a casa con gli amici e rivederlo attraverso la PS3 su un bel Bravia 52"!
    Poi, dalla PS3 mi sfoglio il catalogo musica e le canzoni belle me li invio sul mio Experia.
    Son pazzo?
    non+autenticato
  • originale come impianto di business... hemmmm
    bibop
    3451
  • - Scritto da: bibop
    > originale come impianto di business... hemmmm

    COn la differenza che sony ha sia i contenuti (propri), sia i contenitori, con un varietà di dispositivi tale da coprire tutto il settore multimediale,
    TV, telefoni, console, player, Hi-Fi.
    Apple (a cui ti riferisci) ha mostrato che il modello di business funziona, e sempre Apple ha dimostrato che non conta chi inventa per primo, ma chi per primo rende realmente fruibile una tecnologia/modello.
    Sony avrebbe la possibilità di far meglio di Apple potendo coprire un target ben più vasto.
  • e con lo storico di tecnoputtanate (dai rootkit ai formati/supporti proprietari) uno va ad auspicare una cosa del genere??

    tanto vale dire... ho spazio in salotto per 2 televisori... uno per la roba sony l'altro per il resto del mondo...

    senza considerare il fatto che sarebbe un suicidio per le altre produttrici di contenuti...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 24 novembre 2009 11.59
    -----------------------------------------------------------
    bibop
    3451
  • - Scritto da: bibop
    > e con lo storico di tecnoputtanate (dai rootkit
    > ai formati/supporti proprietari) uno va ad
    > auspicare una cosa del
    > genere??
    >
    > tanto vale dire... ho spazio in salotto per 2
    > televisori... uno per la roba sony l'altro per il
    > resto del
    > mondo...
    >
    > senza considerare il fatto che sarebbe un
    > suicidio per le altre produttrici di
    > contenuti...

    Appunto conta il come lo realizzi, la base tecnologica ce l'ha, se vuole proseguire sulla strada dei formati proprietari (Betamax, Mini Disk, MemoryStick Pro, UMD, rootkit e DRM invasivi) sarà un suicidio. Proporre uno store che sia solo un catalogo di tutta la lineUp Sony sarbbe solo una goccia in mezzo al mare di tutti gli store che ogni produttore ha sul suo sito. Se vuole distinguersi deve proporre qualcosa di diverso e funzionale, con un servizio (quale la convergenza) interessante. Diveramente avere un sito store.sony.com invece di store.sonytv.com, store.playstation.com e via dicendo non fa molta differenza.
  • che abbia la base tecnologica e' pacifico:)
    che abbiano i mezzi/soldi e la vision per realizzare qualcosa di simile e' altrettanto pacifico...

    il problema grosso per loro e' che i mercati "importanti" e tecnologicamente semiavanzati (italia esclusa, qua siamo solo dei cellularedipendenti) sono capillarmente inquadrati da altra situazione parallela... itunes+ipod/iphone e il giochino di casa appletv... che fanno? ritiro del catalogo da itunes? non possono per ragioni di visibilita' e commerciali "spicciole"... creano un ecosistema parallelo... buona fortuna
    bibop
    3451
  • - Scritto da: bibop
    > che abbia la base tecnologica e' pacifico:)
    > che abbiano i mezzi/soldi e la vision per
    > realizzare qualcosa di simile e' altrettanto
    > pacifico...
    >
    > il problema grosso per loro e' che i mercati
    > "importanti" e tecnologicamente semiavanzati
    > (italia esclusa, qua siamo solo dei
    > cellularedipendenti) sono capillarmente
    > inquadrati da altra situazione parallela...
    > itunes+ipod/iphone e il giochino di casa
    > appletv... che fanno? ritiro del catalogo da
    > itunes? non possono per ragioni di visibilita' e
    > commerciali "spicciole"... creano un ecosistema
    > parallelo... buona
    > fortuna

    Beh! Se i formati fossero condivisi (ed mp3, aac, h.264 con container mp4 lo sono) non ci sarebbe bisogno di ritirare alcunchè. Sarebbero solo canali di distribuzione diversi per uno stesso contenuto. I dispositivi Apple comprerbbero tramite iTunes, quelli sony tramite PSN. Sarebbe un male avere più canali di distribuzione in concorrenza? Sarebbe ovviamente fondamentale assicurare la poratbilità dei contenuti acquistati da una piattaforma all'altra (da qui i formati condivisi), si renderebbe necessario un DRM (orrore) standard o meglio ancora un semplice sistema di Watermark. Il catalogo Sony sarebbe probabilmente più conveniente presso il canale Sony, altre major potrebbero ritenere più conveniente stipulare accordi con Apple (o chi per lei) piuttosto che creare un proprio store. Alla fine non ci sarebeb nulla di diveso da quanto già avviene. Ci sono diverse catene di videonoleggio, i dischi dell Virgin non li compri solo nei Virgin store, puoi acquistare un DVD in un qualunque negozio.
    E' troppo semplicistica la mia visione?
  • no sarebbe quasi perfetta... ma sono le stesse major che impediscono la masterizzazione dei contenuti video acquistati da itunes... se sony e le altre dovessero prendere in mano il "sistema" altro che drm condiviso...

    intanto le canzoni su itunes sono andate a costare anche 1.29 grazie alle richieste delle case discografiche... un esempio su tutti vai a conprarti billie jean di jackson oggi... 1.29... nn so se faccio peccato ma a pensar male si sbaglia di rado...prima della sua morte il catalogo jackson se tanto mi da tanto costava a brano i classico 0.99...

    ricordiamoci sempre che negli anni 80 le case discografiche davano la colpa alle radio per il declino delle vendite... poi ai masterizzatori cd... poi ad internet... da "gente" con quella lungimiranza che ti aspetti??
    bibop
    3451
  • - Scritto da: nOra
    > IMHO la parola d'ordine in questi tempi è,
    > appunto,
    > convergenza.
    > Secondo me Sony dovrebbe creare una piattaforma
    > che permetta la valorizzazione del suo
    > vastistissimo parco macchine (TV, Hi-Fi, PS3,
    > ecc...) con l'altra sua anima, ossia quella dei
    > contenuti (film e
    > musica).
    Per es. Vidzone su ps3 come contenuti videomusicali?

    > In pratica ha tutto in casa, e dovrebbe solo
    > cercare di alimentare il catalogo contenuti
    > stringendo accordi con le altre
    > major.
    > Da vecchio utente affezionato Sony, mi piacerebbe
    > veramente poter prendere la mia PSP, scaricarci
    > su il film per vederlo in strada, poi se mi
    > piace, organizzare una serata a casa con gli
    > amici e rivederlo attraverso la PS3 su un bel
    > Bravia
    > 52"!
    Gia oggi con la tua psp se hai internet a disposizione accendi la tua ps3 a casa e ti vedi i film li residenti/qlche gioco altro...

    > Poi, dalla PS3 mi sfoglio il catalogo musica e le
    > canzoni belle me roli invio sul mio
    > Experia.
    > Son pazzo?
    Se ho capito cio che scrivi media go gia lo fa..
    non+autenticato