Giorgio Pontico

Apple, garanzia in fumo

Se l'utente è un tabagista il computer è da ritenersi contaminato e pertanto non riparabile. Sul contratto di garanzia Apple Care non viene specificata questa eventualità

Roma - La garanzia dei prodotti Apple non vale nel caso in cui gli utilizzatori siano fumatori incalliti. Consumerist ha pubblicato due segnalazioni provenienti dagli Stati Uniti.

Nel primo caso ad un utente di Des Moines, in Iowa, a cui è stata negata l'assistenza a causa delle tracce di elementi presenti nelle sigarette sull'esoscheletro del suo MacBook nero. Secondo quanto stabilito dalla Occupation Safety and Healt Administration (OSHA) i tecnici del Genius Bar sarebbero stati esposti ai residui del fumo, nocivi quanto se non più dei materiali inalati dagli stessi fumatori.

Per ottenere l'aiuto promesso da Apple Care è stato quindi necessario smontare il laptop ed eliminare i residui tossici con aria compressa, rendendo la macchina nuovamente conforme alla legge. Tuttavia, come fa giustamente notare CrunchGear, nel contratto di garanzia non viene specificata questa eventualità e la lista di sostanze dannose stilata da OSHA include prodotti chimici presenti in quasi tutte le abitazioni.
Rimane assai poco probabile che un qualsiasi prodotto portato in assistenza sia nelle stesse condizioni, anche igieniche, di quando lo si era acquistato. Chi ne fa un uso intensivo poi ha molte più probabilità di sporcarlo, oltre che di danneggiarlo. Per fare un esempio pratico basta osservare con attenzione quanta sporcizia si annidi nelle tastiere per desktop: è facile immaginare che, oltre a briciole e altre sostanze non meglio precisate, le varie componenti possano ricoprirsi con il tempo di una patina di nicotina dovuta al fumo.

Un caso simile è avvenuto ad una madre che aveva comprato per il proprio figlio un iMac da 3mila dollari, assieme all'estensione di garanzia Apple Care. Una volta portato in assistenza per problemi tecnici, quest'ultima gli è stata però negata a causa del fumo di cui sarebbe stato impregnato lo chassis del computer. Anche in quel caso nessun documento ufficiale Apple riportava le eccezioni dovute alla regolamentazione OSHA.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • Diritto & InternetHardware, il sogno dell'assistenzaBreve inchiesta di Punto Informatico sul fronte più debole del mercato dell'hardware in Italia. Assistenza negata, garanzie non garantite, riparazioni inutili e costose. Cosa c'è dietro l'acquisto di certe nuove tecnologie?
  • AttualitàApple sistema i MacBook bianchi I crack dello châssis sarebbero un problema noto, e da Cupertino suggeriscono agli store di non sottovalutare il problema. Per molti potrebbe scattare la riparazione anche fuori dalla garanzia
384 Commenti alla Notizia Apple, garanzia in fumo
Ordina
  • La differenza su un pc non la fa tanto il pc in sé quanto la garanzia che ti fanno... e a quel che vedo fanno tutte abbastanza schifo... fatte salve qualche rara eccezione...
    non+autenticato
  • Quando vai a letto le lenzuola prima o poi le lavi? Spererei di si...
    Perchè non deve essere lo stesso col pc? Ogni tanto pulisci il monitor, la tastiera... magari non ci mangi sopra... sono norme ELEMENTARI per avere un po' più cura dei nostri apparecchi elettronici...
    non+autenticato
  • Conosco il problema di apple!
    Non so se i melacottari hanno proprio il cervello slavato o vengano pagati per spargere pensieri divini che manco il più santo tra i santi si può permettere...

    Però c'è da dire (e chi lo sa lo sa) che apple farebbe qualunkue cosa userebbe qualunkue scusa per evitare di assistere i propri clienti... di rispettare le leggi in fatto di garanzia... di tirar fuori mezzo euro quando sono loro a sbagliare...

    Sn tutti bravi di far fare i pc in cina a costo quasi zero... ma poi si accollano la più alta percentuale di difetti e li sistemano senza far storie e abbassano i prezzi...

    Sn tutti bravi di vendere senza rispettare le regole (durata della garanzia in Unione Europea)

    Di rifutare la sostituzione di un pezzo rotto o di temporeggiare fino alla scadenza della garanzia...


    Ma poi...


    (aspetto ankora la pioggia id insulti dei melacottari... la manna per i liberi di pensiero...)

    think different... lol...
    non+autenticato
  • Hai ragione. I macachi hanno la "faccia da chutzpah" di Steve Jobs: difendono l'indifendibile come al solito. Però non si aspettino di convincerci, visto che di una sola cosa ci stanno convincendo: di essere un bluff!
    non+autenticato
  • Curioso questo articolo, anche perche come utilizzatore Apple, tra una sigaretta e MacOsX preferisco di gran lunga una sigaretta. Se la notizia è vera credo che sia il momento giusto, Steve! vattene in pensione cosi eviti figuraccie da mezzo rincoglionito. Da notare che nella garanzia non dice nulla di tutto cio'. Nero su bianco. La nicotina tra l'altro è una sostanza "legale". Oltre a cio', nell'accaduto scade la garanzia; quindi si paga la riparazione. In questo caso i tecnici non sono esposti dai danni della nicotina? Poi Apple come tante aziende ha la memoria corta. Nella componentistica interna dei suoi computer altro che nicotina. Negli precedenti i tecnici era in formato kamikaze? Una cosa è certa, il prossimo computer Apple che acquistero' mi assicuro che siano assicurati anche i fumatori come me. Sono ciao ciao ... del resto adoro fumare e preferisco poterlo fare anche riducendomi farlo davanti a windows 8.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano
    > Nella componentistica interna
    > dei suoi computer altro che nicotina.

    Cosa vuol dire questa frase ?

    > Negli
    > precedenti i tecnici era in formato kamikaze?

    E questa ?

    > Sono ciao ciao ... del
    > resto adoro fumare e preferisco poterlo fare
    > anche riducendomi farlo davanti a windows
    > 8.

    Assicurati un buon correttore prima di esserti assicurato di essere assicurato.
    non+autenticato
  • scherzi a parte io per farmi cambiare batteria ho davvero chiesto aiuto al mio legale e dopo un pò ha funzionato... senza mi sarei dovuto pagare la batteria io non'ostante fosse sulla lista di quelle diffettose pubblicate da apple stessa e fosse in garanzia... e cmq nn è stato facile... considerando il costo aggiuntivo del pc uno si aspetterebbe quanto meno una professionalità non inferiore
    non+autenticato
  • - Scritto da: Stefano
    > Curioso questo articolo, anche perche come
    > utilizzatore Apple, tra una sigaretta e MacOsX
    > preferisco di gran lunga una sigaretta. Se la
    > notizia è vera credo che sia il momento giusto,
    > Steve! vattene in pensione cosi eviti figuraccie
    > da mezzo rincoglionito. Da notare che nella
    > garanzia non dice nulla di tutto cio'. Nero su
    > bianco. La nicotina tra l'altro è una sostanza
    > "legale".

    Anche la benzina è legale, e pure gli accendini con la marca del monopolio di stato appiccicata.
    Quindi ne versi un po' nel computer, accendi e torni il giorno dopo. Prendi e porta in garanzia, e gli dici che hai usato solo sostanze legali. Vedi cosa ti rispondono.
    ruppolo
    33147
  • bell' esempio sissì calza a pennello, mr ssd a 100 mega al secondo!
    non+autenticato
  • si sì le matt
    non+autenticato
  • poi apple ha appena fatto i computer nuovi più "verdi" per poterli vendere in europa !!!! Perchè sennò coi l'arretratezza salutistica che si trovava finiva fermato nelle dogane dal primo gennaio 2010 insieme alle cinesate elettrotossiche cn saldature al piombo stagno cadmio mercurio belle si ma che da noi nn si fanno più da vent'anni !!!

    p.s. nn c'è bisogno di infliggersi una tale punizione... windows... meglio ubuntu e una sana cannetta a locarno... che windows e una sigaretta a roma...
    non+autenticato
  • A Locarno ? E che ci fai a Locarno ?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)