Claudio Tamburrino

Caro amico ti scrivo, a soli 13 centesimi

Agcom abbassa le tariffe degli SMS in Italia a 11 centesimi più Iva. In linea con la direttiva UE sul roaming ma ancora superiore ai 7 centesimi della media europea

Roma - L'anno che sta arrivando porta tante novità per il settore della telefonia mobile: le tariffe per gli SMS dovranno adeguarsi a quelle previste nel Regolamento comunitario (al massimo 11 centesimi più IVA, per un totale di circa 13,2 centesimi) e, per chi ne farà richiesta, gli operatori dovranno prevedere la tariffazione al secondo, al posto di quella a blocchi di 30 secondi o di un minuto pagati in anticipo durante la telefonata.

Per gli SMS si tratta di circa 4 centesimi in meno rispetto agli attuali 15 centesimi più IVA (a meno di piani tariffari e offerte specifiche, spesso previste durante le festività natalizie o le vacanze estive): un prezzo che in controtendenza rispetto all'evoluzione della tecnologia e ai costi inferiori delle compagnie e dei gestori dei servizi era rimasto immutato dal 2000.

È stata l'Autorità garante della comunicazione a stabilire le nuove disposizioni che si adeguano al Regolamento dell'Unione Europea sul roaming. "Oggi è una giornata positiva per i consumatori italiani" ha commentato il presidente Agcom Corrado Calabrò.
Per raggiungere questo risultato di massima, adeguamento che dovrà essere messo in pratica entro il gennaio 2010, vi è stato bisogno della collaborazione di tutti gli operatori del settore, che hanno fornito all'autorità in maniera autonoma le proprie proposte e modalità attuative, differenziandosi l'una dall'altra: alcuni adegueranno i piani tariffari, altri offriranno la migrazione gratuita a nuovi piani tariffari coerenti con il regolamento europeo. L'autorità ha affermato che vigilerà sul rispetto dei principi generali di trasparenza e di tutela dell'utenza e sull'osservanza degli impegni assunti. Tuttavia l'atteggiamento collaborativo e indipendente assunto finora da TIM, Vodafone, H3G e Wind ha fatto ritenere al presidente Calabrò che sarà un'occasione per testare efficacemente la competizione del mercato.

Nell'occasione, inoltre, l'Agcom si è impegnata a controllare l'effettiva trasparenza delle condizioni di offerta dei servizi dati in mobilità (smartphone e chiavette) al fine di evitare brutte sorprese sulla bolletta dei consumatori. L'ottica è quella di una strategia di ampio respiro che incanali il settore della telefonia mobile dentro le linee guida concordate con l'Autorità.

Quando raggiunto ha accolto il plauso anche di Mr. Prezzi che parla di "rilevante risultato ottenuto da Agcom". Delusione, invece, da parte delle associazioni dei consumatori. "Il prezzo medio effettivo nell'UE è di circa 7-8 centesimi, in Danimarca l'invio di un messaggino costa appena 3 centesimi di euro!" ha affermato in particolare Codacons, che si sta muovendo per impugnare il provvedimento davanti al TAR del Lazio. Adoc parla addirittura di "una grave gaffe di Agcom", secondo il sindacato dei consumatori infatti "è più conveniente mandare un SMS da Roma a Helsinki che da Roma a Ostia. È assurdo. Soprattutto in considerazione del fatto che per loro (gli operatori, ndr) l'SMS è una tecnologia a costo zero."

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàWiFi, Cassinelli libera tutti?Il deputato ha presentato una proposta di legge per modificare il decreto Pisanu. Nessuna identificazione per gli utenti italiani, al massimo un sistema tramite SMS
  • AttualitàViaggio in Italia col WiFiPer il ministro del Turismo bisognerebbe smetterla di penalizzare la navigazione di chi visita il Belpaese. Dopo l'articolo 1 Bis del Decreto Pisanu, sarebbe giunto il tempo di semplificare l'accesso a Internet point e hot spot
  • AttualitàL'UE ha ragione sul roamingLa Corte di Giustizia si è pronunciata sul ricorso delle telco: giusta la decisione della Commissione di fissare tetti tariffari per i servizi mobili
44 Commenti alla Notizia Caro amico ti scrivo, a soli 13 centesimi
Ordina
  • http://www.telefonino.net/Curiosit/Notizie/n22921/...

    Vi invito a leggere questa notizia, soprattutto la parte finale con l'elenco a punti.......
    non+autenticato
  • - Scritto da: Elvandar
    > http://www.telefonino.net/Curiosit/Notizie/n22921/
    >
    > Vi invito a leggere questa notizia, soprattutto
    > la parte finale con l'elenco a
    > punti.......

    La stavo per postare anche io...sono rimasto senza parole.
  • Alcuni tipi di sms possono essere "spediti" da speciali cell. 13 centesimi per questo tipo di sms sono veramente pochi.Si è vero che non avrà la portata di un qualsiasi cell, ma quando arriva un sms da questo non solo lo leggi ma lo senti.
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Piu seriamente direi che quando ad un umano vai a "curiosare" nei suoi affari e/o nel suo portafoglio, pensando o cercando di allegerirglielo, quell'umano si inalbera non poco e se proprio deve perchè costretto ti da gli spiccioli (....pochi centesimi).
    Quelli di cui si parla, non sono scemi,sono ancora più attaccati al portafoglio e quando si riuniscono(spa o srl)in gruppo, fanno e disfano.L'evidente scopo di questi gruppi di "umani" è quello di arricchirsi sapendo di essere privilegiati e facilitati da una situazione politica sostanzialmente immutata da molto-troppo tempo, perche' gestita sempre e cmq da vecchi(..non anagraficamente)politici incapaci di creare leggi e qauntaltro al passo coi tempi.
    In aggiunta,se poi ci mettiamo del nostro, dimostrandogli con i fatti che senza il cell ultima generazione non si vive e spendiamo per esso (sempre cmq e nonostante)più di altri beni.......sai come dormono male da oggi in poiA bocca aperta

    ...La Benzina insegna Occhiolino
    non+autenticato
  • Ci vogliono operatori mobili che operano con una licenza valida in tutta l'UE , questi faranno accordi con gli operatori di infrastruttura che potrebbero operare sia a livello nazionale ma anche solo regionale o comunale.

    Ocorre attivare un prefisso EU con la possibilità di portare il proprio numero verso qualsiasi operatore mobile UE, in questo modo la tariffazione non può discriminare i diversi prefissi e quindi non c'è differenza tra costo nazionale e UE.
    non+autenticato
  • Avevamo un'alternativa, si. E si chiamava "i-mode" (forse qualcuno ne ha sentito parlare). Una tecnologia "simil wap2" che permetteva di ricevere l'email sul telefonino ma non via internet, ma attraverso il normale traffico gsm.

    E parlo di email con tutte le peculiarità dell'email (niente limite a 160 caratteri, allegati, testo formattato e quant'altro).

    Peccato che la compagnia telefonica che l'aveva in esclusiva non l'abbia saputo commercializzare a dovere, o forse che il "popolo degli SMS" non abbia colto l'occasione! Adesso ci tocca pagare a "messaggino", nonostante il fatto che tecnicamente l'SMS sia la trasmissione dati più a basso costo per una telco.

    Ma vabbé....
  • Questo deve essere il costo del SMS. Qualsiasi importo diverso è una truffa. Gli SMS condividono i canali di controllo, quindi non consumano alcuna risorsa.
    ruppolo
    32150
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)