Alessandro Del Rosso

Universal (ri)lancia il Blu-ray ibrido

Universal sarÓ la prima, all'inizio del prossimo anno, a immettere sul mercato dischi ibridi con un lato Blu-ray e uno DVD. Ancora ignoto il prezzo

Roma - Riproponendo un'idea già accarezzata all'epoca della guerra tra Blu-ray e HD DVD, Universal Studios Home Entertainment ha annunciato l'introduzione di un disco ottico capace di contenere lo stesso film sia in versione Blu-ray che DVD.

Il disco ibrido di Universal, soprannominato flipper disc, ha due facce: una contenente due layer Blu-ray, per una capacità complessiva di 50 GB, e una contenente due layer DVD, per una capacità di circa 9 GB. Ciascun lato del disco contiene la versione integrale dello stesso film più eventuali contenuti bonus.

I flipper disc sono stati concepiti soprattutto per coloro che, pur non disponendo di un lettore a laser blu, ne hanno in programma l'acquisto, e desiderano poter disporre già ora di una versione hi-def dei propri film. Questa opzione potrebbe anche venire incontro a chi, pur disponendo di un lettore a laser blu, desidera poter riprodurre i propri film anche su computer dotati di drive DVD (ad esempio, su un portatile quando si è in viaggio).
L'adozione di un media ibrido BD/DVD era già stata annunciata un anno fa da PonyCanyon, una sussidiaria dell'emittente nipponica Fuji TV: l'azienda giapponese avrebbe dovuto lanciare i nuovi media double-face nel corso del 2009, ma non è noto se ciò sia effettivamente avvenuto. Ciò che si sa è che tali dischi sono tuttora pubblicizzati sul sito del loro produttore, Infinity Storage Media, e che rispetto a quelli adottati da Universal inglobano un solo layer Blu-ray.

A tal proposito va ricordato che i dischi Blu-ray ibridi sono stati formalizzati da Blu-ray Disc Association nella specifica Blu-ray Disc Hybrid Format, e fanno dunque ufficialmente parte dello standard di Sony.

L'idea di sposare sullo stesso media contenuti DVD e contenuti Blu-ray risale a prima della commercializzazione dei player HD, e annovera tra i suoi pionieri Toshiba e JVC: la prima, nel 2004, svelò la tecnologia DVD TWIN, che sposava il DVD con l'ormai defunto formato HD DVD; la seconda, all'inizio del 2005, mostrò il primo disco BD ibrido.

Sebbene i supporti BD/DVD siano concettualmente simili ai mai nati HD DVD/DVD, i loro costi di produzione sono potenzialmente più elevati, questo a causa delle maggiori differenze tecniche che sussistono tra DVD e Blu-ray. Universal non ha ancora comunicato il prezzo dei suoi flipper disc, ma certamente questo sarà più elevato rispetto a quello dei media a singolo formato.

I primi film distribuiti su media ibridi verranno commercializzati da Universal il prossimo 19 gennaio, e consisteranno nella trilogia composta da The Bourne Identity, The Bourne Supremacy e The Bourne Ultimatum. A contorno vi saranno diversi contenuti extra, quali animazioni 3D, interviste, approfondimenti, giochi, video musicali e contenuti picture in picture. Al momento non è dato sapere se questi media verranno introdotti anche sul mercato italiano.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaIl Blu-ray ibrido debutterà con l'anno nuovoAll'inizio del prossimo anno una sussidiaria di Fuji TV lancerÓ sul mercato giapponese il primo disco Blu-ray ibrido, riproducibile anche sui comuni lettori DVD. Altri content provider ne seguiranno le orme?
  • Attualità3X DVD, l'alta definizione a buon mercatoDue produttori americani hanno introdotto soluzioni che permettono all'industria cinematografica di stampare dischi in tutto simili ai normali DVD ma capaci di contenere video HD DVD con definizione 720p
  • AttualitàHD DVD e DVD su un disco a tre layerToshiba presenta un disco ibrido capace di contenere due layer DVD e un layer HD DVD o viceversa, per una capacitÓ totale di quasi 35 GB. Il nuovo supporto potrebbe stuzzicare l'interesse degli studios
17 Commenti alla Notizia Universal (ri)lancia il Blu-ray ibrido
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)