Claudio Tamburrino

Batterie di carta, Stanford ci mette la firma

I ricercatori hanno sviluppato accumulatori di energia basati sulla carta e su uno speciale inchiostro costituito da nanotubi di carbonio e nanowire d'argento

Roma - La corsa sui nanotubi si fa serrata: a seguire il MIT che mesi fa ha annunciato (e brevettato) una batteria costituita di nanotubi in carbonio in grado di non perdere energia col passare del tempo, o ad alte temperature, e il Technion Institute of Technology di Haifa che sta lavorando ad un accumulatore ecologico, è ora Stanford a cercare nuove vie per le pile.



I ricercatori dell'Università statunitense hanno sperimentato l'utilizzo di batterie di carta e inchiostro: carta immersa in una soluzione contenente litio e elettrodi che interagisce chimicamente con l'"inchiostro" costituito da nanotubi di carbonio e nanowire d'argento.
Idee simili si erano già viste, ma l'approccio tenuto dai ricercatori di Stanford ha privilegiato il ruolo della carta: soluzione che permetterebbe di ridurre notevolmente sia le dimensioni che il costo degli accumulatori di energia così sviluppati, aprendo a infinite possibilità di evoluzione.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
4 Commenti alla Notizia Batterie di carta, Stanford ci mette la firma
Ordina