Claudio Tamburrino

La ruota del MIT gira per l'ambiente

Parla anche italiano la Ruota di Copenhagen. Bluetooth e accumulatore di energia cinetica per rendere la vita più verde in città

Roma - I ricercatori del MIT hanno presentato a Copenaghen, in concomitanza con il COP 15 che avrebbe dovuto prendere importanti decisioni a favore dell'ambiente e della salute della Terra, una ruota per bicicletta che promette di far girare la vita di chi la utilizza nel verso giusto. Arricchendola di possibilità e opzioni tecnologiche utili nelle percorsi quotidiani.

La ruota permette innanzitutto di accumulare l'energia cinetica "in eccesso". Se tale funzione in sé non è nuova, essendo d'altronde molto simile al KERS (Kinetic Energy Recovery System) già utilizzato per esempio in Formula Uno, la nuova applicazione ne estende notevolmente il campo d'azione in un settore della vita di tutti i giorni e che promette di cambiare il modo di vivere la città.

Il funzionamento è semplice: recuperare l'energia della frenata e accumularla in batterie contenute nella ruota stessa per utilizzi futuri.
Grazie ad una serie di sensori integrati, inotre, la bici del MIT permette anche di tenere traccia degli amici, controllare il traffico e lo smog, nonché valutare il proprio esercizio fisico.

Ancora più interessante che la ruota sia stata sviluppata dal MIT in collaborazione con Ducati Energia e il Ministero dell'ambiente italiano. Sarà in produzione nel 2010.

Claudio Tamburrino

Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia La ruota del MIT gira per l'ambiente
Ordina
  • E passi che tra un po' l'iphone lo metteranno pure in qualche reclame televisiva poco aulica trasmessa in quarta e quinta serata, di qualche servizio telefonico a pagamento, a svolgere ruoli ben più fantasiosi che non di terminale di controllo per una bici intelligente... ma il software che si vede sulla mela mozzicata esiste anche per WinMo vero? Altrimenti è una presa in giro e l'idea merita di essere boicottata a prescindere...

    Edit: apparentemente sì, sentendolo meglio e controllando la pagina youtube dice "controlled through your smartphone". Poi che al MIT abbiano deciso di rappresentare il concetto di smartphone con una mela a tecnologie chiusissime, pazienza, scelta loro.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 dicembre 2009 10.10
    -----------------------------------------------------------
  • penso che l'abbiamo fatto perchè l'iPhone è lo smartphone più diffuso, o perchè più facile da programmare (ed essendo una versione dimostrativa hanno risparmiato lavoro).
  • diciamo che sì, l'iphone è il singolo telefono con la quota di mercato più ampia rispetto agli altri singoli telefoni... ma nella panoramica globale degli smartphone, i dispositivi symbian e blackberry sono in assoluto i più diffusiOcchiolino
    Comunque, riguardo alla facilità di programmazione su iphone, da non programmatore non mi pronuncio... però non vedo perché dovrebbe essere più facile che non con gli altri os...