Sequestrati due siti di dialer

Per la prima volta la Guardia di Finanza sequestra due spazi web che offrivano dialer per il download non autorizzato della musica di Sanremo. Ieri operazione anti-pirati anche a Milano, dove è stato scovato un laboratorio clandestino

Roma - Non era mai successo prima che dei siti nati per spingere gli utenti a scaricare dialer che connettono a servizi a pagamento venissero sequestrati dalla Guardia di Finanza. E' accaduto ieri, quando le Fiamme Gialle hanno comunicato il sequestro di due siti che spacciavano dialer per il download illegale di musica del Festival di Sanremo.

I due siti (www.festivalsanremo.net e www.moredesktop.it/mp3), la cui analisi è proceduta con la collaborazione della Federazione contro la pirateria musicale, proponevano dialer da 2,5 euro al minuto. "Consentivano - si legge in una nota - lo scaricamento di un software eseguibile per collegarsi a pagamento ai siti e procedere con il download dei brani".

Ma quella dei sequestri dei due siti, gestiti apparentemente da italiani, non è stata l'unica operazione anti-pirateria di cui è giunta notizia ieri.
A Cinisello Balsamo è stato individuato un carico di 40mila CD che si presume prodotti a Napoli e che sarebbero stati diffusi sul mercato nero del milanese da un'organizzazione gestita da tre rumeni, tutti denunciati.

A Palermo, inoltre, ieri la GdF ha scovato un laboratorio clandestino per la duplicazione abusiva di CD all'interno del quale sono stati individuati 23 masterizzatori capaci, secondo le stime degli inquirenti, di produrre fino a 1.300 CD al giorno. Anche in questo caso la musica duplicata era soprattutto quella del Festival di Sanremo.

Nel laboratorio-appartamento, oltre ai masterizzatori sono stati sequestrati diversi computer, migliaia di CD vergini e oltre 1.700 CD già incisi.
TAG: italia
47 Commenti alla Notizia Sequestrati due siti di dialer
Ordina
  • Suggerisco a tutti di andarsi a leggere il messaggio censurato dal moderatore per capire esattamente quale sia la natura dei dialer e di chi ci mangia sopra.
    Mi pare che risolva ogni dubbio.
    Saluti

  • francamente mi pare un delirio
    non+autenticato
  • Tu hai scritto :
    I dialer sono eticamente sempre una **truffa**, e, quasi sempre anche illegali.
    Comunque tra breve anche quelli legali saranno messi fuorilegge in Italia da apposita legge sulla quale già stanno lavorando, in sede di proposta, alcuni parlamentari con le associazioni di consumatori. ....


    Io sto organizzando una trasmissione radiofonica sull'argomento, mi dai informazioni mail yair31@yahoo.it
    non+autenticato
  • ...... ....... ......... ......
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 agosto 2008 01.56
    -----------------------------------------------------------
  • Vabbè tutto... ma con tutta la musica bella che c'è in giro, proprio quella schifezza di Sanremo vanno a distribuire??Occhiolino)))

    Ciao

    PS: tutti in galera, andrebbero!!!
    non+autenticato
  • In galera chi, quelli di Sanremo o quelli del sito?

    LOL
    non+autenticato
  • Un mio conoscente ha il computer dell'ufficio impestato dai dialer: ormai non è possibile lasciare il computer acceso che viene innescato un tentativo di connessione.

    L'installazione dei dialer è avvenuta perchè IE non era settato in maniera sicura (lasciava installare tutto....), la persona non ne sa nulla di computer e il venditore/installatore è stato "un pò" menefreghista.....

    Domanda: il mancato utilizzo del computer, il danno derivato, il costo dell'intervento, non potebbero essere fatti ricadere sui 'sti dialer (i titolari della linea cui si collegano, i titolari dei siti di riferimento, etc.)? Almeno a livello di principio?

    In fondo è vero, non proteggere adeguatamente il computer equivale a lasciare aperta la porta di casa, ma se in casa entra uno che mi distrugge i mobili, avrò anche il diritto di fargli un c*lo così, o no?

    In fondo, che differenza c'è tra un virus e un dialer che non si riesce a disinstallare come un normale programma?

    Nota: non rispondete che l'utente doveva usare *nix, o altro, che non c'entra un piffero.
    non+autenticato
  • > In fondo, che differenza c'è tra un virus e
    > un dialer che non si riesce a disinstallare
    > come un normale programma?
    Che un virus non ti propone prima le condizioni di utilizzo...
    Per il resto le tecniche utilizzate sono molto simili.

    > Nota: non rispondete che l'utente doveva
    > usare *nix, o altro, che non c'entra un
    > piffero.
    Però sarebbe un'ottima idea...
    E comunque usare Opera o Mozilla invece di Internet Explorer aiuterebbe.

    - Scritto da: Anonimo
    > Un mio conoscente ha il computer
    > dell'ufficio impestato dai dialer: ormai non
    > è possibile lasciare il computer acceso che
    > viene innescato un tentativo di connessione.
    [...]
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Un mio conoscente ha il computer
    > dell'ufficio impestato dai dialer: ormai non
    > è possibile lasciare il computer acceso che
    > viene innescato un tentativo di connessione.
    >
    > L'installazione dei dialer è avvenuta perchè
    > IE non era settato in maniera sicura
    > (lasciava installare tutto....), la persona
    > non ne sa nulla di computer e il
    > venditore/installatore è stato "un pò"
    > menefreghista.....

    sarà pure vero, ma cosa c'entra il rivenditore? adesso oltre a venderti un computer deve pure configurarti le opzioni di sicurezza di IE? sono là, sono scritte in italiano, te le configuri da te. se non sai farlo non usarlo che è meglio.
    ma insomma... poi vi lamentate se l'utenza rimane ignorante!

    > Domanda: il mancato utilizzo del computer,
    > il danno derivato, il costo dell'intervento,
    > non potebbero essere fatti ricadere sui 'sti
    > dialer (i titolari della linea cui si
    > collegano, i titolari dei siti di
    > riferimento, etc.)? Almeno a livello di
    > principio?

    a livello di principio sì, innegabilmente. a livello legale lui ha accettato le condizioni quindi non credo che ci sia nulla da fare, purtroppo

    > In fondo è vero, non proteggere
    > adeguatamente il computer equivale a
    > lasciare aperta la porta di casa, ma se in
    > casa entra uno che mi distrugge i mobili,
    > avrò anche il diritto di fargli un c*lo
    > così, o no?

    sicuro. ma se uno ti chiede il permesso di entrare e spaccarti i mobili e tu glielo dai... ha pure il diritto di chiamare la polizia se gli alzi le mani!

    > In fondo, che differenza c'è tra un virus e
    > un dialer che non si riesce a disinstallare
    > come un normale programma?

    su questo ti do ragione. ho sbattuto un pomeriggo a levarne uno dal PC di un amico; per fortuna aveva l'adsl quindi non ha fatto altri danni ^_^

    > Nota: non rispondete che l'utente doveva
    > usare *nix, o altro, che non c'entra un
    > piffero.

    mah guarda uso sia linux che windows (xp e 2000). sotto linux sto ultrasicuro che non si installano e non si installeranno mai. sotto win mi basta stare attento... non me ne sono mai beccato uno, eppure il mio quoziente intellettivo è assolutamente nella norma.

    ripeto basta fare attenzione *prima*.

    saluti
    godzilla
  • Non appare nemmeno in accesso remoto?
    non+autenticato
  • - Scritto da: godzilla
    > sarà pure vero, ma cosa c'entra il
    > rivenditore? adesso oltre a venderti un
    > computer deve pure configurarti le opzioni
    > di sicurezza di IE? sono là, sono scritte in
    > italiano, te le configuri da te. se non sai
    > farlo non usarlo che è meglio.
    > ma insomma... poi vi lamentate se l'utenza
    > rimane ignorante!

    Concordo.
    Il problema e` che la maggior parte degli utenti e` o scansafatiche o intimorita` dall'uscire da quelli che SUPPONE siano i propri ranghi e spippolare un po', a scopo apprendimento. La frase chiave e` classica: "non ci capisco niente, ho paura di fare casino". E quando il casino succede proprio perche` NON FAI NULLA per evitarlo?

    Cazzo, ragazzi, io non so usare un cellulare, non ci capisco niente nei menu` tremendamente abbreviati e dei salti mortali che fanno coi displayini di 3 cemtimetri per 2 su cui a tanti piace vedere delle iconcine che il commodore vic-20 avrebbe visualizzato meglio. La verita` e` che se un po' d'impegno che si mette nell'esplorare le piu` recondite funzionalita` del cellulare lo si mettesse anche nel cercare di LEGGERE LE SCRITTE IN ITALIANO che ci sono nei menu` a tendina piu` semplici di quelli dei cellulari, certe cose non succederebbero tanto spesso. O no? Sono presuntuoso? Pedante? Mah... mica si pretende poi tanto... spuntare qualche opzioncina qua e la`...
    non+autenticato
  • non sono d'accordo. non mi sembra corretto il principio secondo cui un programma può essere paragonato ad un virus per il solo fatto che risulti difficile la sua disistallazione. allora dovremmo denunciare la microsoft ogni volta che si blocca il windows e l'office facendo perdere un file importante che è costato lavoro e quindi soldi Occhiolino. il problema deve essere affrontato diversamente: come esiste un firewall e un antivirus, è possibile installare software anti dialer, che per lo più sono gratuiti. E mi corre precisare che io non ho questo tipo di software e non sono un esperto, ma questi dialer non ne ho sul computer. Il software in questione quasi mai si installano da soli, almeno un banner lo devi clikkare... e quindi... per finire il tuo conoscente dovrebbe evitare di navigare dall'ufficio, e se lo fa per lavoro non c'è motivo di clikkare i banner... ciao.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non sono d'accordo. non mi sembra corretto
    > il principio secondo cui un programma può
    > essere paragonato ad un virus per il solo
    > fatto che risulti difficile la sua
    > disistallazione. allora dovremmo denunciare
    > la microsoft ogni volta che si blocca il
    > windows e l'office facendo perdere un file
    > importante che è costato lavoro e quindi
    > soldi Occhiolino. il problema deve essere
    > affrontato diversamente: come esiste un
    > firewall e un antivirus, è possibile
    > installare software anti dialer, che per lo
    > più sono gratuiti. E mi corre precisare che
    > io non ho questo tipo di software e non sono
    > un esperto, ma questi dialer non ne ho sul
    > computer. Il software in questione quasi mai
    > si installano da soli, almeno un banner lo
    > devi clikkare... e quindi... per finire il
    > tuo conoscente dovrebbe evitare di navigare
    > dall'ufficio, e se lo fa per lavoro non c'è
    > motivo di clikkare i banner... ciao.

    Io invece la penso diversamente. E alla grande.
    Un software in grado di danneggiare gravemente l'utente (direttamente nel portafoglio) e che si nasconde o rifiuta la disinstallazione è assolutamente paragonabile ad un virus.
    Il fatto che "almeno un banner lo devi cliccare" non modifica minimamente la natura maliziosa e virale (nel senso dei worm) di questo genere di prodotti.
    Aggiungo che il suo conoscente dovrebbe poter navigare dall'ufficio senza che nessun dialer gli finisca sul pc.
    Non è fesso chi si dimentica la porta aperta. E' un ladro chi ne approfitta per derubarlo.
    Non riesco davvero a capire perchè qui nei forum di Punto Informatico viga la legge non scritta che "l'utente sprovveduto debba essere punito". E' un atteggiamento davvero curioso.
    Saluti
  • SE QUELLO SCEMO HA IL PC PIENO DI DIALERS SI VEDE CHE QUANDO NON LAVORA SI FA UN MARE DI SEGHE DAVANTI AL PC!!! I DIALER NON ESCONO FUORI DAL NULLA! E SE GLI ITALIANI IMPARASSERO A USARE LA CARTA DI CREDITO NON CI SAREBBERO QUESTI PROBLEMI !!! IO HO 34 SITI PORNO CI VIVO E CI LAVORO QUATTRO SCEMOTTI COME VOI DI CERTO NON FERMERANNO IL NOSTRO MERCATO !!! E VI RICORDO CHE E' TUTTO LEGALE DATO CHE I PREZZI DELLA CONNESSIONE SONO AMPIAMENTE SPECIFICATI SUL KIT, QUINDI CHI SI COLLEGA E NON SA QUANTO PAGA E' UNO SPROVVEDUTO !!! ADDIO SFIGATI
    non+autenticato
  • La solerzia della Guardia di Finanza contro i dialer è selettiva. Migliaia di famiglie sono state derubate da Telecom con bollette astronomiche grazie ai dialer su numeri a pagamento su cui Telecom lucra molto. Questi vanno bene per la Finanza? E' tutto regolare?
    non+autenticato
  • Eh, già. Se si tratta di difendere i discografici la legge diventa subito più attenta. Invece dei cittadini... chissenefrega.

    non+autenticato
  • i dialer non sono illegali, se chi mette i dialer (i siti) spiega attentamente i costi e le modalità d'uso e l'utente decide di farlo allora l'operazione è pulita per tutti e perfettamente legale, se il sito invece non spiega i costi e l'utente vi accede senza sapere cosa gli costa allora è una truffa ma la commette il sito che ospita il dialer e non la telecom. Dire che in questo caso la telecom ruba non è corretto (se lo ha fatto in passato è un altro discorso e altre amministrazioni) ora dare dialer e lucrarci sopra non è reato, io vendo un servizio se tu lo accetti consapevolmente, io non rubo. Se i siti che utilizzano i dialer non sono corretti e fanno i furbi al responsabilità è loro
    non+autenticato
  • E no carissimo. Le cose stanno molto, ma molto diversamente. Può anche essere che sotto un profilo strettamente legale - in attesa di una legge diversa - i dialer che specificano con estrema chiarezza le caratteristiche del servizo siano leciti.
    Purtroppo però, anche un bambino capisce perfettamente, che i dialer sono *specificamente progettati* per imbrogliare l'utenza. Per arrivarci, basta pensare al fatto che **nessun** essere senziente, potendo ragionarci, sarebbe **mai** disposto a pagare la cifra in questione per ottenere il "servizio (???) offerto dal dialer. Il ciarpame che si ottiene via dialer ha valore nullo e viene venduto a cifre astronomiche, sfruttando la combinazione truffaldina banda stretta/tempo, e svincolano il valore dell'oggetto scaricato dal prezzo pagato dall'utente. A paragone le telefonate erotiche dei 166/144, e persino la vendita di numeri al lotto, sono di gran lunga eticamente più desiderabili e molto "più legali", se mi passi l'espressione. Peraltro eliminano anche quel minimo di controllo sull'accesso al porno da parte dei minori, costituito dall'uso della carta di credito.
    I dialer giocano comunque sulla "non consapevolezza" di chi li utilizza. E il fatto che gli utenti di dialer siano dei poveri pirla che non si rendono conto di quello che fanno, **non ti autorizza a spillargli i soldi**.
    I dialer sono eticamente sempre una **truffa**, e, quasi sempre anche illegali.
    Comunque tra breve anche quelli legali saranno messi fuorilegge in Italia da apposita legge sulla quale già stanno lavorando, in sede di proposta, alcuni parlamentari con le associazioni di consumatori.
    Per cui affrettatevi a rubare, perchè poi dovrete inventarvi qualche cosa d'altro...

    Saluti

    - Scritto da: Anonimo
    > i dialer non sono illegali, se chi mette i
    > dialer (i siti) spiega attentamente i costi
    > e le modalità d'uso e l'utente decide di
    > farlo allora l'operazione è pulita per tutti
    > e perfettamente legale, se il sito invece
    > non spiega i costi e l'utente vi accede
    > senza sapere cosa gli costa allora è una
    > truffa ma la commette il sito che ospita il
    > dialer e non la telecom. Dire che in questo
    > caso la telecom ruba non è corretto (se lo
    > ha fatto in passato è un altro discorso e
    > altre amministrazioni) ora dare dialer e
    > lucrarci sopra non è reato, io vendo un
    > servizio se tu lo accetti consapevolmente,
    > io non rubo. Se i siti che utilizzano i
    > dialer non sono corretti e fanno i furbi al
    > responsabilità è loro

  • - Scritto da: andymase
    > E no carissimo. Le cose stanno molto, ma
    > molto diversamente. Può anche essere che
    > sotto un profilo strettamente legale - in
    > attesa di una legge diversa - i dialer che
    > specificano con estrema chiarezza le
    > caratteristiche del servizo siano leciti.
    > Purtroppo però, anche un bambino capisce
    > perfettamente, che i dialer sono
    > *specificamente progettati* per imbrogliare
    > l'utenza. Per arrivarci, basta pensare al
    > fatto che **nessun** essere senziente,
    > potendo ragionarci, sarebbe **mai** disposto
    > a pagare la cifra in questione per ottenere
    > il "servizio (???) offerto dal dialer. Il
    > ciarpame che si ottiene via dialer ha valore
    > nullo e viene venduto a cifre astronomiche,
    > sfruttando la combinazione truffaldina banda
    > stretta/tempo, e svincolano il valore
    > dell'oggetto scaricato dal prezzo pagato
    > dall'utente. A paragone le telefonate
    > erotiche dei 166/144, e persino la vendita
    > di numeri al lotto, sono di gran lunga
    > eticamente più desiderabili e molto "più
    > legali", se mi passi l'espressione. Peraltro
    > eliminano anche quel minimo di controllo
    > sull'accesso al porno da parte dei minori,
    > costituito dall'uso della carta di credito.
    > I dialer giocano comunque sulla "non
    > consapevolezza" di chi li utilizza. E il
    > fatto che gli utenti di dialer siano dei
    > poveri pirla che non si rendono conto di
    > quello che fanno, **non ti autorizza a
    > spillargli i soldi**.
    > I dialer sono eticamente sempre una
    > **truffa**, e, quasi sempre anche illegali.
    > Comunque tra breve anche quelli legali
    > saranno messi fuorilegge in Italia da
    > apposita legge sulla quale già stanno
    > lavorando, in sede di proposta, alcuni
    > parlamentari con le associazioni di
    > consumatori.
    > Per cui affrettatevi a rubare, perchè poi
    > dovrete inventarvi qualche cosa d'altro...
    >
    > Saluti
    >
    belle parole ,i fatti?
  • I fatti di che scusa? Quali fatti ti mancano? Il fatto di dare la colpa delle truffe alla stupidità delle persone è , da sempre, l'ultima spiaggia della difesa dei truffatori.
    Purtroppo per loro, però, i truffatori rimangono tali indipendetemente dalla stupidità dei truffati.
    Per me, questi sono fatti.


    - Scritto da: vegeta
    >
    > - Scritto da: andymase
    > > E no carissimo. Le cose stanno molto, ma
    > > molto diversamente. Può anche essere che
    > > sotto un profilo strettamente legale - in
    > > attesa di una legge diversa - i dialer che
    > > specificano con estrema chiarezza le
    > > caratteristiche del servizo siano leciti.
    > > Purtroppo però, anche un bambino capisce
    > > perfettamente, che i dialer sono
    > > *specificamente progettati* per
    > imbrogliare
    > > l'utenza. Per arrivarci, basta pensare al
    > > fatto che **nessun** essere senziente,
    > > potendo ragionarci, sarebbe **mai**
    > disposto
    > > a pagare la cifra in questione per
    > ottenere
    > > il "servizio (???) offerto dal dialer. Il
    > > ciarpame che si ottiene via dialer ha
    > valore
    > > nullo e viene venduto a cifre
    > astronomiche,
    > > sfruttando la combinazione truffaldina
    > banda
    > > stretta/tempo, e svincolano il valore
    > > dell'oggetto scaricato dal prezzo pagato
    > > dall'utente. A paragone le telefonate
    > > erotiche dei 166/144, e persino la vendita
    > > di numeri al lotto, sono di gran lunga
    > > eticamente più desiderabili e molto "più
    > > legali", se mi passi l'espressione.
    > Peraltro
    > > eliminano anche quel minimo di controllo
    > > sull'accesso al porno da parte dei minori,
    > > costituito dall'uso della carta di
    > credito.
    > > I dialer giocano comunque sulla "non
    > > consapevolezza" di chi li utilizza. E il
    > > fatto che gli utenti di dialer siano dei
    > > poveri pirla che non si rendono conto di
    > > quello che fanno, **non ti autorizza a
    > > spillargli i soldi**.
    > > I dialer sono eticamente sempre una
    > > **truffa**, e, quasi sempre anche
    > illegali.
    > > Comunque tra breve anche quelli legali
    > > saranno messi fuorilegge in Italia da
    > > apposita legge sulla quale già stanno
    > > lavorando, in sede di proposta, alcuni
    > > parlamentari con le associazioni di
    > > consumatori.
    > > Per cui affrettatevi a rubare, perchè poi
    > > dovrete inventarvi qualche cosa d'altro...
    > >
    > > Saluti
    > >
    > belle parole ,i fatti?

  • - Scritto da: andymase
    > I fatti di che scusa? Quali fatti ti
    > mancano? Il fatto di dare la colpa delle
    > truffe alla stupidità delle persone è , da
    > sempre, l'ultima spiaggia della difesa dei
    > truffatori.
    > Purtroppo per loro, però, i truffatori
    > rimangono tali indipendetemente dalla
    > stupidità dei truffati.
    > Per me, questi sono fatti.
    >
    >

    Ma che discorsi fai? E xke' secondo te non e' stupido spendere 100 ? per dei pantaloni firmati? Secondo il discorso che fate, allora anche quella di spendere 100 ? per dei pantaloni firmati e' una truffa. Cavolo, con 100 ? me ne compro 5 di pantaloni.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: andymase
    > > I fatti di che scusa? Quali fatti ti
    > > mancano? Il fatto di dare la colpa delle
    > > truffe alla stupidità delle persone è , da
    > > sempre, l'ultima spiaggia della difesa dei
    > > truffatori.
    > > Purtroppo per loro, però, i truffatori
    > > rimangono tali indipendetemente dalla
    > > stupidità dei truffati.
    > > Per me, questi sono fatti.
    > >
    > >
    >
    > Ma che discorsi fai? E xke' secondo te non
    > e' stupido spendere 100 ? per dei pantaloni
    > firmati? Secondo il discorso che fate,
    > allora anche quella di spendere 100 ? per
    > dei pantaloni firmati e' una truffa. Cavolo,
    > con 100 ? me ne compro 5 di pantaloni.

    Mi spiace, ma è una critica che non regge, e anche questa è un'argomentazione abusata dai difensori del circuito dei dialer.
    L'acquisto di un oggetto è un'attività che, anche sotto il profilo giuridico, richiede "un fare" sufficientemente complesso ed articolato da consentire la presunzione del consenso dell'interessato. Questo anche in quelle situazioni di transazione impersonale, ossia quando l'acquisto avviene on-line e a distanza.
    L'acquisto di un paio di pantaloni molto costosi è una scelta basata sul fatto che l'acquirente, consapevolmente, attribuisce per esempio alla "griffe" un valore per il quale è disposto a pagare una certa quantità di denaro in più.
    Il dialer è un meccanismo che invece fa pagare una spropositata quantità di denaro in più ***indipendentemente*** dalle qualità dell'oggetto acquistato. In sostanza è una chiamata internazionale (ossia un servizio a tempo) camuffato (e, sottolineo, camuffato) da "vendita di beni". Ciò significa che, sebbene venga pubblicizzato come il modo per ottenere determinati oggetti (suonerie, foto porno, soluzioni di videogiochi o oroscopi), è in realtà un meccanismo che nasce con il preciso intento di non far capire all'utente che il prezzo da lui pagato è del tutto svincolato dal valore degli oggetti prelevati.
    In altre parole, se il dialer chiedesse all'utente "vuoi prelevare 4 suonerie per 50euro?"... e l'utente rispondesse "sì", si potrebbe ragionevolmente dire (ma si protrebbe ancora discutere sul valore legale di una transazione talmente rapida) che questi ha espresso una scelta consapevole, pur attribuendo alle suonerie un valore che altri riterrebbero spropositato e assurdo.
    Ma il dialer si guarda bene dal fare una simile proposta, per il semplice fatto che l'utente medio (ma anche quello minorato), risponderebbero a questa offerta con una sonora pernacchia.
    Cosa che invece non fanno quando l'offerta viene dissimulata dietro ad un "servizio a tempo".
    La differenza è netta persino che con i servizi di "hot line erotica" telefonica, che sono decisamente leciti a confronto. In quei casi non c'è la vendita di beni, bensì un servizio a tempo addebitato in bolletta. In quel caso gli euro al minuto corrispondono direttamente e univocamente al tempo trascorso a chiacchierare amabilmente con la signorina, e come tale vengono addebitati all'utente. Ciò che viene pagato corrisponde cioè al valore del servizio. Cosa che ***non è vera*** nel caso del dialer dove può volerci più di un quarto d'ora per scaricare un singolo file MP3, configurando un costo superiore a quello dell'intero CD "fisico" acquistabile nel negozio di musica.
    E qui - le parole stanno a zero - ci sono tutti gli estremi necessari per una condanna, perlomeno in sede civilistica, per "pubblicità ingannevole". E non ci sono dubbi anche sul fatto che i consumatori presi per i fondelli - quelli che qui qualcuno dileggia come "imbecilli che si meritano di essere truffati" - nel volgere di qualche mese prenderanno la via dei tribunali, supportati dalle associazioni di consumatori che sono in fermento sul tema. Già oggi, chiunque sia incappato in questa disavventura può coinvolgere il Giudice di Pace nella vicenda, e le probabilità di vedersi restituire il maltolto sono ottime. Le prime cause sono in corso, sapremo presto cosa ci attende,, ma, soprattutto cosa ***li**** attende.
    Si rassegnino i gestori dei dialer. E' tempo di trovarsi un lavoro vero.

  • - Scritto da: andymase
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: andymase
    > > > I fatti di che scusa? Quali fatti ti
    > > > mancano? Il fatto di dare la colpa
    > delle
    > > > truffe alla stupidità delle persone è
    > , da
    > > > sempre, l'ultima spiaggia della difesa
    > dei
    > > > truffatori.
    > > > Purtroppo per loro, però, i truffatori
    > > > rimangono tali indipendetemente dalla
    > > > stupidità dei truffati.
    > > > Per me, questi sono fatti.
    > > >
    > > >
    > >
    > > Ma che discorsi fai? E xke' secondo te non
    > > e' stupido spendere 100 ? per dei
    > pantaloni
    > > firmati? Secondo il discorso che fate,
    > > allora anche quella di spendere 100 ? per
    > > dei pantaloni firmati e' una truffa.
    > Cavolo,
    > > con 100 ? me ne compro 5 di pantaloni.
    >
    > Mi spiace, ma è una critica che non regge, e
    > anche questa è un'argomentazione abusata dai
    > difensori del circuito dei dialer.
    > L'acquisto di un oggetto è un'attività che,
    > anche sotto il profilo giuridico, richiede
    > "un fare" sufficientemente complesso ed
    > articolato da consentire la presunzione del
    > consenso dell'interessato. Questo anche in
    > quelle situazioni di transazione
    > impersonale, ossia quando l'acquisto avviene
    > on-line e a distanza.
    > L'acquisto di un paio di pantaloni molto
    > costosi è una scelta basata sul fatto che
    > l'acquirente, consapevolmente, attribuisce
    > per esempio alla "griffe" un valore per il
    > quale è disposto a pagare una certa quantità
    > di denaro in più.
    > Il dialer è un meccanismo che invece fa
    > pagare una spropositata quantità di denaro
    > in più ***indipendentemente*** dalle qualità
    > dell'oggetto acquistato. In sostanza è una
    > chiamata internazionale (ossia un servizio a
    > tempo) camuffato (e, sottolineo, camuffato)
    > da "vendita di beni". Ciò significa che,
    > sebbene venga pubblicizzato come il modo per
    > ottenere determinati oggetti (suonerie, foto
    > porno, soluzioni di videogiochi o oroscopi),
    > è in realtà un meccanismo che nasce con il
    > preciso intento di non far capire all'utente
    > che il prezzo da lui pagato è del tutto
    > svincolato dal valore degli oggetti
    > prelevati.
    > In altre parole, se il dialer chiedesse
    > all'utente "vuoi prelevare 4 suonerie per
    > 50euro?"... e l'utente rispondesse "sì", si
    > potrebbe ragionevolmente dire (ma si
    > protrebbe ancora discutere sul valore legale
    > di una transazione talmente rapida) che
    > questi ha espresso una scelta consapevole,
    > pur attribuendo alle suonerie un valore che
    > altri riterrebbero spropositato e assurdo.
    > Ma il dialer si guarda bene dal fare una
    > simile proposta, per il semplice fatto che
    > l'utente medio (ma anche quello minorato),
    > risponderebbero a questa offerta con una
    > sonora pernacchia.
    > Cosa che invece non fanno quando l'offerta
    > viene dissimulata dietro ad un "servizio a
    > tempo".
    > La differenza è netta persino che con i
    > servizi di "hot line erotica" telefonica,
    > che sono decisamente leciti a confronto. In
    > quei casi non c'è la vendita di beni, bensì
    > un servizio a tempo addebitato in bolletta.
    > In quel caso gli euro al minuto
    > corrispondono direttamente e univocamente al
    > tempo trascorso a chiacchierare amabilmente
    > con la signorina, e come tale vengono
    > addebitati all'utente. Ciò che viene pagato
    > corrisponde cioè al valore del servizio.
    > Cosa che ***non è vera*** nel caso del
    > dialer dove può volerci più di un quarto
    > d'ora per scaricare un singolo file MP3,
    > configurando un costo superiore a quello
    > dell'intero CD "fisico" acquistabile nel
    > negozio di musica.
    > E qui - le parole stanno a zero - ci sono
    > tutti gli estremi necessari per una
    > condanna, perlomeno in sede civilistica, per
    > "pubblicità ingannevole". E non ci sono
    > dubbi anche sul fatto che i consumatori
    > presi per i fondelli - quelli che qui
    > qualcuno dileggia come "imbecilli che si
    > meritano di essere truffati" - nel volgere
    > di qualche mese prenderanno la via dei
    > tribunali, supportati dalle associazioni di
    > consumatori che sono in fermento sul tema.
    > Già oggi, chiunque sia incappato in questa
    > disavventura può coinvolgere il Giudice di
    > Pace nella vicenda, e le probabilità di
    > vedersi restituire il maltolto sono ottime.
    > Le prime cause sono in corso, sapremo presto
    > cosa ci attende,, ma, soprattutto cosa
    > ***li**** attende.
    > Si rassegnino i gestori dei dialer. E' tempo
    > di trovarsi un lavoro vero.

    Ti sbagli di grosso e ti contraddici in modo pauroso, se fosse come dici tu non esisterebbe la tariffa telefonica a tempo. Ed allora tu quando fai una chiamata al tua amico non 'e la stessa cosa utilizzando un servizio a tempo facendo ad esempio una chimata da cellulare satellitare? Se ti colleghi ad internet con tariffa a tempo non e' la stessa cosa? Che grande boiata che hai detto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: andymase
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > >
    > > > - Scritto da: andymase
    > > > > I fatti di che scusa? Quali fatti ti
    > > > > mancano? Il fatto di dare la colpa
    > > delle
    > > > > truffe alla stupidità delle persone
    > è
    > > , da
    > > > > sempre, l'ultima spiaggia della
    > difesa
    > > dei
    > > > > truffatori.
    > > > > Purtroppo per loro, però, i
    > truffatori
    > > > > rimangono tali indipendetemente
    > dalla
    > > > > stupidità dei truffati.
    > > > > Per me, questi sono fatti.
    > > > >
    > > > >
    > > >
    > > > Ma che discorsi fai? E xke' secondo te
    > non
    > > > e' stupido spendere 100 ? per dei
    > > pantaloni
    > > > firmati? Secondo il discorso che fate,
    > > > allora anche quella di spendere 100 ?
    > per
    > > > dei pantaloni firmati e' una truffa.
    > > Cavolo,
    > > > con 100 ? me ne compro 5 di pantaloni.
    > >
    > > Mi spiace, ma è una critica che non
    > regge, e
    > > anche questa è un'argomentazione abusata
    > dai
    > > difensori del circuito dei dialer.
    > > L'acquisto di un oggetto è un'attività
    > che,
    > > anche sotto il profilo giuridico, richiede
    > > "un fare" sufficientemente complesso ed
    > > articolato da consentire la presunzione
    > del
    > > consenso dell'interessato. Questo anche in
    > > quelle situazioni di transazione
    > > impersonale, ossia quando l'acquisto
    > avviene
    > > on-line e a distanza.
    > > L'acquisto di un paio di pantaloni molto
    > > costosi è una scelta basata sul fatto che
    > > l'acquirente, consapevolmente, attribuisce
    > > per esempio alla "griffe" un valore per il
    > > quale è disposto a pagare una certa
    > quantità
    > > di denaro in più.
    > > Il dialer è un meccanismo che invece fa
    > > pagare una spropositata quantità di denaro
    > > in più ***indipendentemente*** dalle
    > qualità
    > > dell'oggetto acquistato. In sostanza è una
    > > chiamata internazionale (ossia un
    > servizio a
    > > tempo) camuffato (e, sottolineo,
    > camuffato)
    > > da "vendita di beni". Ciò significa che,
    > > sebbene venga pubblicizzato come il modo
    > per
    > > ottenere determinati oggetti (suonerie,
    > foto
    > > porno, soluzioni di videogiochi o
    > oroscopi),
    > > è in realtà un meccanismo che nasce con il
    > > preciso intento di non far capire
    > all'utente
    > > che il prezzo da lui pagato è del tutto
    > > svincolato dal valore degli oggetti
    > > prelevati.
    > > In altre parole, se il dialer chiedesse
    > > all'utente "vuoi prelevare 4 suonerie per
    > > 50euro?"... e l'utente rispondesse "sì",
    > si
    > > potrebbe ragionevolmente dire (ma si
    > > protrebbe ancora discutere sul valore
    > legale
    > > di una transazione talmente rapida) che
    > > questi ha espresso una scelta consapevole,
    > > pur attribuendo alle suonerie un valore
    > che
    > > altri riterrebbero spropositato e assurdo.
    > > Ma il dialer si guarda bene dal fare una
    > > simile proposta, per il semplice fatto che
    > > l'utente medio (ma anche quello minorato),
    > > risponderebbero a questa offerta con una
    > > sonora pernacchia.
    > > Cosa che invece non fanno quando l'offerta
    > > viene dissimulata dietro ad un "servizio a
    > > tempo".
    > > La differenza è netta persino che con i
    > > servizi di "hot line erotica" telefonica,
    > > che sono decisamente leciti a confronto.
    > In
    > > quei casi non c'è la vendita di beni,
    > bensì
    > > un servizio a tempo addebitato in
    > bolletta.
    > > In quel caso gli euro al minuto
    > > corrispondono direttamente e univocamente
    > al
    > > tempo trascorso a chiacchierare
    > amabilmente
    > > con la signorina, e come tale vengono
    > > addebitati all'utente. Ciò che viene
    > pagato
    > > corrisponde cioè al valore del servizio.
    > > Cosa che ***non è vera*** nel caso del
    > > dialer dove può volerci più di un quarto
    > > d'ora per scaricare un singolo file MP3,
    > > configurando un costo superiore a quello
    > > dell'intero CD "fisico" acquistabile nel
    > > negozio di musica.
    > > E qui - le parole stanno a zero - ci sono
    > > tutti gli estremi necessari per una
    > > condanna, perlomeno in sede civilistica,
    > per
    > > "pubblicità ingannevole". E non ci sono
    > > dubbi anche sul fatto che i consumatori
    > > presi per i fondelli - quelli che qui
    > > qualcuno dileggia come "imbecilli che si
    > > meritano di essere truffati" - nel volgere
    > > di qualche mese prenderanno la via dei
    > > tribunali, supportati dalle associazioni
    > di
    > > consumatori che sono in fermento sul tema.
    > > Già oggi, chiunque sia incappato in questa
    > > disavventura può coinvolgere il Giudice di
    > > Pace nella vicenda, e le probabilità di
    > > vedersi restituire il maltolto sono
    > ottime.
    > > Le prime cause sono in corso, sapremo
    > presto
    > > cosa ci attende,, ma, soprattutto cosa
    > > ***li**** attende.
    > > Si rassegnino i gestori dei dialer. E'
    > tempo
    > > di trovarsi un lavoro vero.
    >
    > Ti sbagli di grosso e ti contraddici in modo
    > pauroso, se fosse come dici tu non
    > esisterebbe la tariffa telefonica a tempo.
    > Ed allora tu quando fai una chiamata al tua
    > amico non 'e la stessa cosa utilizzando un
    > servizio a tempo facendo ad esempio una
    > chimata da cellulare satellitare? Se ti
    > colleghi ad internet con tariffa a tempo non
    > e' la stessa cosa? Che grande boiata che hai
    > detto.

    Va beh ma allora ci fai!
    La tariffa a tempo di una telefonata, fa pagare il costo legato al fatto di ***telefonare*** a qualcuno che sta in un determinato posto. Ed è commisurato alla durata del servizio: più parli più paghi.

    Il dialer ***non è un SERVIZIO a tempo***: corrisponde a un sistema di vendita di beni. Anzichè pagare il prodotto che scarico (es. suoneria) io pago il tempo necessario a scaricarlo. E qui sta la truffa, perchè svincola il costo del prodotto dal prodotto stesso. E' una vendita di beni che vorrebbe applicare una tariffa a tempo! Non riesci a vedere l'imbroglio?
    Qualcosa mi dice che lo vedi benissimo e ti piace tanto.
  • Ma se tu vai allo stadio e paghi 100 ?, stipuli un contratto con la squadra ad esempio vuoi vedere almeno 4 o 5 goal? Se ne segnano di meno ti fai restituire i soldi?
    Come vedi se sono illegali i dialer, molte cose lo sarebbero anche.
    Ma non mi sorprende che facciano una legge di questo tipo, perche' l'italia e' il paese per eccellenza delle contraddizioni .
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)