Claudio Tamburrino

USA, Intel nella rete antitrust

La FTC avvia un procedimento contro il chipmaker di Santa Clara. Al centro dell'azione vi sono le GPU. Plauso da Nvidia, le perplessità di BigI

Roma - La Federal Trade Commission chiama in giudizio Intel. La nuova indagine condotta dall'agenzia federale che si occupa di antitrust negli States si è concentrata sulle azioni di Santa Clara lesive della competizione non solo per il mercato delle CPU, dove Intel mantiene già una posizione dominante, ma anche al mercato dei chip per le schede grafiche, mercato per il momento in equilibrio e in cui oltre a competere con lo storico nemico AMD si trova a fronteggiare anche Nvidia.

L'intenzione principale della FTC, che ha dichiarato di non prevedere multe o risarcimenti, è prevenire Intel dall'usare la posizione dominante tenuta nel mercato dei microprocessori per sbaragliare la concorrenza per le graphics processing units(GPU), e correggendone il comportamento concorrenziale in tempo per prevenire possibili danni alla dinamicità del settore e, di conseguenza, ai consumatori.

Nvidia, che sta lottando per cercare di assicurarsi la compatibilità del suo chipset Ion con gli Atom di Intel, e che nel frattempo ha interrotto la produzione del chipset nForce, in attesa della conclusione della causa che la vede contrapposta a Santa Clara, è un esempio delle possibili dinamiche del mercato e di come l'azione della commissione sia preventiva. Tanto che il CEO Nvidia Jen Hsun Huang ha dichiarato che l'azione della FTC potrebbe riuscire a rivoluzionare completamente il settore.
Secondo l'accusa, Intel starebbe sfruttando la sua posizione per bloccare gli avversari tagliandogli l'accesso alla piattaforma: "tenta di porre un fremo a prodotti competitivamente superiori che minacciano la sua quota di mercato". In particolare con le comuni pratiche commerciali fatte di premi e forme promozionali particolari (come sconti forfettari o accordi restrittivi) di fidelizzazione del cliente (in questo caso i produttori di PC Dell, Hewlett-Packard e IBM), pratiche che le sono già costate la condanna davanti alla Commissione europea. Inoltre starebbe segretamente programmando i proprio compiler per ridurre deliberatamente le performance dei chip degli avversari. Oltretutto mancando di divulgare tale informazione ai consumatori, peccando quindi anche di opacità.

L'apertura del procedimento, che segue un anno di indagine, coincide anche con l'accordo Intel - AMD da 1,25 miliardi di dollari con cui si è conclusa la decennale battaglia legale su questioni brevettuali e antitrust fra le due produttrici di chip. Anche con la FTC Intel ha cercato di raggiungere un accordo, ma sembra che sia stata la questione GPU, tirata fuori secondo Santa Clara all'ultimo momento, a non permettere il compromesso. Ora si dovrà attendere il procedimento davanti al giudice amministrativo della FTC, che dovrebbe iniziare in 9 mesi e concludersi entro 20.

Come già davanti alla Commissione Europea, Intel ha dichiarato che "quello dei microprocessori è un settore altamente competitivo che mantiene una forte innovazione e prezzi in continua discesa". Ma conclude stavolta che "la FTC sta cercando soluzioni senza precedenti che ci renderanno impossibile condurre il nostro business". E accusa la commissione di aprire un caso su argomenti finora non coperti dall'indagine preliminare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàIntel e AMD: amiche, per 1,25 miliardiLa guerra infinita tra i due chipmaker statunitensi sembra volgere al termine. Siglata una costosa pax che farà cadere ogni accusa precedente. Ma le autorità antitrust europee e statunitensi pare andranno avanti nelle indagini
  • AttualitàIntel, i processi non finiscono maiNuovo procedimento antitrust nei confronti di Intel. Stavolta è il procuratore generale di New York ad accusarla. E all'orizzonte anche l'azione della FTC
  • AttualitàUE, un miliardo di motivi per multare IntelLa Commissione Europea ha pubblicato un resoconto in cui sono state raccolte tutte le prove che hanno portato alla maxi-multa. Da Santa Clara continuano a difendere il proprio operato
  • BusinessIntel: siamo innocentiIl CEO Paul Otellini commenta per la prima volta la vicenda antitrust europea. E si dice ovviamente sicuro che la sua azienda ne uscirà pulita quanto prima
16 Commenti alla Notizia USA, Intel nella rete antitrust
Ordina
  • Se questa azienda del culo avesse un sistema operativo trasportabile su piattaforme diverse, come OS X, non ci sarebbe nessun pericolo di posizione dominante di Intel. Altri produttori potrebbero affacciarsi sul mercato, con piattaforme differenti.
    ruppolo
    33147
  • in parte è vero, cioè la colpa è stata in primo luogo di IBM che ha permesso ad Intel di diventare quello che è oggi

    tanto per capire di cosa parliamo, basti pensare che Intel ai tempi in cui nasceva Apple arrancava di brutto, fu Markkula a dare impulso ad Intel

    poi IBM fece il resto e MS ha continuato
  • Devo resettare il mio iPod Nano una volta alla settimana: colpa di Microsoft.
    non+autenticato
  • Io arrivo sempre in ritardo: dev'essere per forza colpa di Microsoft
  • scusa ma non capisc, sei ironico?
    windows non lo puoi installare anche su amd senza problemi ?
    non+autenticato
  • e dove è che OS X è trasportabile su piattaforme diverse ? si puo' installare solo sui loro PC. inoltre qui si parla di nvidia ion e atom che apple neppure monta. e che cosa caspita c'entra microsoft ? cosa ?
    non dire ca**te dai !
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Se questa azienda del culo avesse un sistema
    > operativo trasportabile su piattaforme diverse,
    > come OS X, non ci sarebbe nessun pericolo di
    > posizione dominante di Intel. Altri produttori
    > potrebbero affacciarsi sul mercato, con
    > piattaforme
    > differenti.

    Ruppolo che ca@@o dici!!!!!!

    Io è almeno 15 anni che uso solo chip amd, anche quando scaldavano di brutto, erano comunque più performanti, poi da quando ha fatto il colpo gobbo ed ha comprato la grande ati ormai per me intel può anche implodere, comunque windows non c'entra una cippa.
    non+autenticato
  • che troll lol
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Se questa azienda del culo avesse un sistema
    > operativo trasportabile su piattaforme diverse,
    > come OS X, non ci sarebbe nessun pericolo di
    > posizione dominante di Intel. Altri produttori
    > potrebbero affacciarsi sul mercato, con
    > piattaforme
    > differenti.

    Ruppolo ma che stai dicendo?
    OSX trasportabile su piattaforme diverse? Quando osx OGGI funziona solo su processori Intel e solo sulle macchine apple?

    Certo che di ca**ate ne dici proprio a raffica...
  • - Scritto da: DarkOne
    > - Scritto da: ruppolo
    > > Se questa azienda del culo avesse un sistema
    > > operativo trasportabile su piattaforme diverse,
    > > come OS X, non ci sarebbe nessun pericolo di
    > > posizione dominante di Intel. Altri produttori
    > > potrebbero affacciarsi sul mercato, con
    > > piattaforme
    > > differenti.
    >
    > Ruppolo ma che stai dicendo?
    > OSX trasportabile su piattaforme diverse? Quando
    > osx OGGI funziona solo su processori Intel e solo
    > sulle macchine
    > apple?
    >
    > Certo che di ca**ate ne dici proprio a raffica...

    Vorrei ricordarti che OS X gira anche su piattaforma PowerPC, oltre che quella su iPhone/iPod Touch.
    (non è che "oggi" fa la differenza, se hanno strippato il codice PowerPC da Snow Leopard: se vogliono lo rimettono in 2 secondi).
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Vorrei ricordarti che OS X gira anche su
    > piattaforma PowerPC, oltre che quella su
    > iPhone/iPod
    > Touch.

    Vorrei ricordarti che windows gira su tutti i PC (o quasi) attualmente in giro, compresi netbook (opinabile quanto vuoi, ma ci gira).
    Se, invece, vogliamo parlare di gnu/linux allora è inutile proprio parlarne... (in quanto a piattaforme di utilizzo).

    > (non è che "oggi" fa la differenza, se hanno
    > strippato il codice PowerPC da Snow Leopard: se
    > vogliono lo rimettono in 2
    > secondi).

    Questo lo dici tu...accettando anche che possa essere vero, cosa che ritengo improbabile, resterebbe il fatto che osx gira solo sulle macchine apple. Quindi di che stiamo parlando?