Mauro Vecchio

USA, una Rete neutrale Ŕ una Rete ricca

Lo rivela uno studio: qualora gli ISP si arricchissero con canali preferenziali d'accesso, i content provider non paganti si ritirerebbero dalla piazza online. Con conseguenze disastrose

Roma - I principi proposti dalla Federal Communications Commission (FCC) costituirebbero delle chiavi di volta per la salvaguardia degli investimenti nei contenuti online. Qualora i provider si facessero pagare per garantire dei privilegi in termini di connettività ai produttori di contenuti, la ricchezza da loro accumulata diventerebbe un ostacolo agli sviluppi futuri delle infrastrutture di Rete. ╚ quanto spiegato, in estrema sintesi, da un recente studio statunitense dal titolo Liberi di investire: i benefici economici del preservare la neutralità della Rete.

L'analisi è stata pubblicata dall'Institute for Policy Integrity, speciale think tank istituito presso la New York University School of Law. A firmarla, i due accademici Inimai M. Chettiar e J. Scott Holladay. Secondo i due studiosi, le regole a preservare la neutralità della Rete non costituirebbero soltanto la maniera più giusta di organizzare il vasto universo di Internet, ma anche un sistema efficace da un punto di vista economico, il miglior modo di incentivare gli investimenti nei servizi e nei contenuti online.

Senza le regole proposte da FCC - hanno spiegato i due accademici statunitensi nel loro studio - le nuove tecnologie potrebbero portare a dinamiche di prezzo che andrebbero a trasferire la ricchezza dalle mani dei content provider a quelle degli ISP. Questo farebbe sviluppare discriminazioni sostanziali che convincerebbero blogger, quotidiani online e aziende ad investire di meno all'interno dei propri servizi e applicazioni.
E questo porterebbe ad un futuro parecchio traballante per l'intero ecosistema economico di Internet. In altre parole, bisognerebbe mettere i creatori di contenuti nelle condizioni di mercato più trasparenti possibile, affinché non decidano di ritirare dalla piazza del web le proprie bancarelle di contenuti.

"Internet - come illustrato dallo studio - produce miliardi di dollari di valore free per il pubblico statunitense. L'informazione viene condivisa, riutilizzata e riconfigurata senza oboli o penalità. Se gli ISP creassero canali di priorità o più veloci dietro pagamento di una cifra, gli utenti si sentirebbero profondamente discriminati. Ma anche tutti quei servizi online che non hanno pagato, che verrebbero danneggiati. E questo porterebbe ad una flessione del valore globale della Rete".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAT&T scrive a FCCVorrebbe preservare il carattere aperto della Rete, ma allo stesso tempo evitare che i principi sulla neutralitÓ vadano a limitare la capacitÓ degli operatori di gestire i propri network
  • AttualitàNeutrality, gli ISP statunitensi dicono noL'associazione USA che raccoglie gli operatori del cavo ha puntato il dito contro la FCC. I principi della neutralitÓ della Rete violerebbero il Primo Emendamento e la libertÓ d'espressione dei provider
  • AttualitàIdee riunite per la neutralityUn contest europeo riunisce artisti e semplici cittadini della Rete intorno al fuoco del dibattito sul Pacchetto Telecom. Per partecipare, basta inviare lavori creativi da diffondere in Creative Commons
  • AttualitàSkype: l'Europa legiferi la neutralitàQuello sul diritto di accesso alla Rete non Ŕ un dibattito solo statunitense. L'operatore ricorda all'UE quello che ha fatto finora la FCC e spinge per una regolamentazione che non discrimini VoIP e P2P
  • AttualitàFCC: neutralità, luce sia fattaUn corposo documento di 107 pagine per sei principi a guida del diritto d'accesso alla Rete. Un disegno di legge da discutere in due mesi, per arrivare ad una regolamentazione chiara ed efficace. Il fuoco delle polemiche divampa