Mauro Vecchio

Videogame, il regalo di Natale

Lo rivela un'analisi di NPD Group: più 4 per cento rispetto alle festività del 2008. A vincere la classifica delle console più vendute in USA, Nintendo Wii. Ma il 2009 non è stato un anno così idilliaco per l'industria dei videogame

Roma - L'ombra della crisi non sembra aver spaventato il popolo dei gamer statunitensi, specie nel corso delle ultime festività natalizie. Stando ai recenti risultati pubblicati dalla società di ricerca NPD Group, l'industria dei videogiochi a stelle e strisce ha superato del 4 per cento la quota di vendite globali registrata nel dicembre 2008.

Le vendite complessive delle console hanno così permesso all'industria statunitense del gaming di guadagnare la cifra di 5,53 miliardi di dollari (meno di 4 miliardi di euro). Si tratta di una cifra record relativa ad un solo mese - quello di dicembre 2009 - che ha battuto proprio quella delle precedenti festività, in cui le vendite avevano generato guadagni totali per 5,32 miliardi di dollari.

Piuttosto a sorpresa, a vincere la classifica delle console più vendute è stata Nintendo Wii che da sola ha garantito vendite per 3,81 milioni di esemplari in territorio statunitense. Si tratta di una quantità che ha superato quella relativa allo scorso anno: più 1,66 milioni di dispositivi venduti per l'azienda nipponica. E anche qui c'è un record, precisamente quello per il maggior numero di console vendute in un solo mese.
Nintendo si è aggiudicata anche il secondo posto della redditizia classifica legata all'hardware per gamer a stelle e strisce. DS si è assestata sui 3,31 milioni di esemplari venduti, lasciando un certo gap prima di arrivare agli 1,36 milioni di PlayStation 3 vendute. Battuta di poco Xbox 360 che si è fermata a quota 1,31 milioni di apparecchi.

Stando sempre ai dati di NPD Group, i guadagni squillanti relativi al mese di dicembre non si sono perfettamente allineati con quelli relativi a tutto il 2009 appena trascorso. Le vendite globali di console sono cadute dell'8 per cento rispetto all'intero anno precedente, che era stato il migliore in assoluto per l'industria dei videogame. Dai 21,4 miliardi di dollari del 2008 si è così passati ai 19,66 (quasi 14 miliardi di euro) del 2009. Forse solo babbo natale riesce a scacciare le ombre della crisi economica.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessVideogame musicali, crisi in chiave di ReGli analisti sono pessimisti: i profitti generati dall'industria dei game in sette note si dimezzeranno. Troppi titoli e troppa musica hanno inondato le tasche dei gamer. Per qualcuno è colpa di editori troppo avidi
  • BusinessWii, giochi da femminucceUno studio prevede una flessione nelle vendite dei game per Wii. Ma la bianca di Nintendo ha conquistato l'80 per cento delle donne che giocano con una console
  • AttualitàElectronic Arts licenzia, ma investe nel social gamingLa multinazionale dei videogame registra consistenti perdite e margini di guadagno ridotti. Per uscire dalla crisi propone due soluzioni complementari: via 1.500 lavoratori, dentro i cuccioli virtuali via Facebook di Playfish