Lindows antiWin col revenue sharing

Per attrarre l'interesse dei produttori di PC verso il proprio sistema operativo desktop, Lindows ha lanciato un programma di revenue sharing attraverso cui condividerà con i partner gli introiti provenienti dal software e dai servizi

San Diego (USA) - Condividere con i propri partner i guadagni provenienti dalla vendita di software e servizi. E' questa l'ultima iniziativa messa in campo da Lindows, la dinamica società capitanata dall'ex fondatore di MP3.com, Michael Robertson, per incentivare produttori e assemblatori di PC a preinstallare sui propri sistemi LindowsOS.

Il programma, chiamato RevShare, si rivolge in particolar modo ai produttori che operano con margini molto bassi, solitamente OEM di media o piccola dimensione che immettono sul mercato PC senza marca. Per sottolineare l'ampiezza di questo segmento del mercato, Lindows.com riporta, rifacendosi ad un'analisi di IDG, come oltre il 60% dei PC venduti nel mondo siano senza marca.

"Molta gente pensa che Dell e IBM producano la maggior parte dei computer venduti nel mondo, ma questo non è vero", ha detto Robertson. "Sono i più piccoli produttori di computer con i più piccoli budget che forniscono buona parte dell'hardware per le case e gli uffici. Il programma per i partner RevShare di Lindows.com rende davvero facile per i produttori, grandi o piccoli che siano, di beneficiare direttamente delle vendite di software e servizi generate attraverso i computer con LindowsOS che vengono immessi sul mercato".
Il funzionamento di RevShare è piuttosto semplice: quando l'utente di un PC con LindowsOS preinstallato acquista un servizio o degli aggiornamenti premium da Lindows.com, questa riconosce al produttore del PC (purché affiliato al Builder Program) il 20% dei profitti derivanti dall'affare.

La politica di Lindows.com appare piuttosto aggressiva: sacrificare parte dei propri introiti per spingere la diffusione del proprio sistema operativo Linux-based in un mercato, quello SOHO, dove è fortissima la concorrenza di Microsoft.

RevShare entra far parte del programma Builder lanciato da Lindows.com lo scorso giugno: attraverso di esso i produttori possono vendere una quantità illimitata di copie di LindowsOS dietro il pagamento di una tariffa flat mensile pari a 500$.
49 Commenti alla Notizia Lindows antiWin col revenue sharing
Ordina
  • piu in discesa.

    e per due buoni motivi:

    1) diminuzione sempre maggiore degli introiti, va be con tutti i barboni openari che lavorano a gratis ci si può anche credere.

    2) ma chi se lo compra un pc con sto clone winxp montato su, considerando poi che i pc su cui viene installato sono l'apoteosi del rottame.

    che dire passi linux sui server (anche se io preferisco onep BSD), ma sui desktop lasciamoci chi questo lavoro lo sa fare bene (in positivo o negativo).
    non+autenticato
  • Minchia
    Ma vi fanno proprio il lavaggio del cervello a voi utonti eh?
    E' peggio di una setta religiosa.
    Roba che per vedere le cose da un punto di vista piu' obiettivo ci vuole la pillola rossa di Morpheus ... e poi forse e' troppo tardi... il cervello si atrofizza presto se non lo usi ...
    Bah. Contenti voi!
    Io mi sono tolto le catene da poco e mi sento un'altro ...

    non+autenticato

  • in primis gli insulti li dici a tuo padre e a tuo fratello, io uso e amministro indifferentemente so win e *nix (sun, linux, bsd).
    Per alcune applicazioni di calcolo parallelo ecc... linuz va benissimo, purche sia ben isolato dalla rete internet visti i suoi innumerevoli buchi e buffer overflow.
    Per applicazioni sulla rete a basso badget un bsd va bene se ovviamente si è fatto un buon controllo di tutti i settaggi di sicurezza, vista la grande facilità nel commettere un errore e permettere l'ingresso a chiunque.
    per applicazioni su cui devi far soldi (e spenderne) SUN non ha paragoni.
    Ovviamente tranne per applicazioni di calcolo parallelo win nelle sue varie incarnazioni e la scelta ottima, sia dal punto della facilita di gestione (purchè l'installazione sia stata fatta a dovere insieme alla manutenzione(patch)) che della sicurezza, oltre alla facilita con cui eseguire integrazioni con fari altri ambienti operativi, SAP 3090 unix ecc...
    Ovviamente il miglior campo per i sistemi win e l'ambiente desktop, sia casalingo che aziendale.

    > Bah. Contenti voi!
    > Io mi sono tolto le catene da poco e mi
    > sento un'altro ...
    >
    amico e inutile togliersi le catene se ti trovi in una prigione.

    bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > indifferentemente so win e *nix (sun, linux,
    > bsd).

    Una persona competenteSorride
    Non ce ne sono molti che passano da un so all'altro "indifferentemente" visto che amministrare un server on e' che richieda 5 minuti (soprattutto quando succedono i casiniOcchiolino

    > Per alcune applicazioni di calcolo parallelo
    > ecc... linuz va benissimo, purche sia ben
    > isolato dalla rete internet visti i suoi
    > innumerevoli buchi e buffer overflow.

    Questa mi sa tanto di cazzata, soprattutto se detta da un amministratore.
    Buffer overflow ne esistono a bizzeffe su tutti i so.
    Se eviti i software piu' datati hai gia' ridimensionato il problema.

    > Per applicazioni sulla rete a basso badget
    > un bsd va bene se ovviamente si è fatto un
    > buon controllo di tutti i settaggi di
    > sicurezza, vista la grande facilità nel
    > commettere un errore e permettere l'ingresso
    > a chiunque.

    ???
    Installa openbsd e lascialo cosi' come' (o anche freebsd o netbsd), non fare nessun settaggio.
    Scommettiamo che non entra (quasiSorride nessuno?


    > Ovviamente il miglior campo per i sistemi
    > win e l'ambiente desktop, sia casalingo che
    > aziendale.

    L'unica cosa sensata del postSorride

    Anonymous

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Per applicazioni sulla rete a basso badget

    Magari scriviamo: budget, eh?

    Non vogliamo dare il cattivo esempio ai poveri lettori che già ignoranti sono, come quelli che commentano il tuo post.Occhiolino

  • - Scritto da: Anonimo
    > piu in discesa.
    >
    > e per due buoni motivi:
    >
    > 1) diminuzione sempre maggiore degli
    > introiti, va be con tutti i barboni openari
    > che lavorano a gratis ci si può anche
    > credere.

    Appunto... vediamo un po'. Il solo fatto che tanta gente si preoccupi di denigrare il free software e/o l'open source significa che il modello funziona bastardamente beneSorride

    Se fa paura, c'è una ragione.

    Notte...
    non+autenticato
  • e paga meglio
    perche' dovrei scegliere lindows e guadagnare due lire quando posso vendere windows e guadagnare _di sicuro_???
    non e' certo cosi' che si puo' combattere lo strapotere MS...
    non+autenticato
  • Che cavolo spari "amico"?
    non+autenticato

  • > Che cavolo spari "amico"?

    vorresti dire che chi vende prodotti MS non ha diritto a una percentuale degli introiti?
    fatti i debiti conti della lavandaia, un rivenditore ha piu' probabilita' di vendere copie di MS windows + MS Office o di Lindows + Star office?
    non+autenticato
  • Beh senti me.
    Io Windows XP Home lo pago e poi lo installo sul PC del cliente e lo vendo assieme a quello. Se voglio riuscire a vendere quel PC nel 90% dei casi (non ho clienti gonzi, solo quelli informati e che chiedono 150 preventivi prima di decidere) sul PC finisco per ricaricare il dal 15 a mai più del 20% del costo dell'hardware e il SO (windows) è a prezzo di costo, cioè quanto lo pago io. Questo se vuoi battere la concorrenza, se no ciccia.
    non+autenticato
  • mah. Pare proprio che il peggiore debba sempre vincere, nel campo dell'informatica.

    ms-dos vinse sui sistemi concorrenti che già allora giravano su intel.

    win3.1 vinse su os2

    win98/me/2000 hanno vinto su linux.

    Ora arriva la popolarità di linux e chi è che attacca con le solite vecchie tecniche monopolistiche? La peggior distribuzione, lindows!
    non+autenticato

  • > win3.1 vinse su os2

    OS2 non era certo user friendly e cmq sulla confezione erano indicati dei requisiti minimi di sistema fasulli. Per far girare decentemente OS2 al posto di win 3.1 dovevi avere molta più ram che non costava proprio 2 lire.

    >
    > win98/me/2000 hanno vinto su linux.
    >

    La diffusione di linux è ancora in fase ascendente quindi non si può parlare di vittoria di windows, anzi nel mondo server linux ha tolto una bella fetta di mercato a windows. Per quanto riguarda i desktop bisognerà aspettare ancora qualche anno per fare un confronto.
    non+autenticato

  • > La diffusione di linux è ancora in fase
    > ascendente quindi non si può parlare di
    > vittoria di windows, anzi nel mondo server
    > linux ha tolto una bella fetta di mercato a
    > windows. Per quanto riguarda i desktop
    > bisognerà aspettare ancora qualche anno per
    > fare un confronto.

    per stessa ammissione di IBM AIX sparira' per linux...
    fa un po' te...
    chi ruba spazio a cosa?
    non+autenticato

  • > win98/me/2000 hanno vinto su linux.

    Falso.
    E' semplicemente presto per giudicare.

    > Ora arriva la popolarità di linux e chi è
    > che attacca con le solite vecchie tecniche
    > monopolistiche? La peggior distribuzione,
    > lindows!

    Linux è OBIETTIVAMENTE un sistema non alla portata della gente comune.O scendete dal piedistallo e lo concepite per chi non vuole imparare diecimila comandi ed essere costretti a lavorare da shell, oppure windows rimarrà quel che è:
    un colorato, antialiasato OS che pure un lattante saprebbe usare.
    Si chiama compromesso: Vuoi la celebrità?Allora scendi al livello del più pippa incapace.
    Altrimenti restate dove siete a godervi il vostro output mentre il resto del mondo continuerà a cliccare su una iconcina, per installare e far partire un programma, senza necessità di risolvere tar,caz e dipendenze.
    Saluti.
    Faggiano ha detto.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > Linux è OBIETTIVAMENTE un sistema non alla
    > portata della gente comune.O scendete dal
    > piedistallo e lo concepite per chi non vuole
    > imparare diecimila comandi ed essere
    > costretti a lavorare da shell, oppure
    > windows rimarrà quel che è:
    > un colorato, antialiasato OS che pure un
    > lattante saprebbe usare.

    Usare e non configurare, installare.
    Per questo bisogna restringere ancora l' insieme degli utenti. E questo vale ancora di piu' se ci riferiamo a sistemi server (ma anche il 2000pro e' gia' molto piu' complesso di win98)
    Ho visto e toccato con mano i disastri provocati da "utenti comuni".
    Infine:
    un sistema come Linux NON HA SENSO paragonarlo a sistemi come win9x ma a NT e Win2000 server che alla portata di utenti comuni proprio non mi sembrano.

    Sembrera' pretenzioso ma utte le considerazioni fatte fino ad ora andrebbero un po' riviste...

  • - Scritto da: Alessandrox

    > Sembrera' pretenzioso ma utte le
    > considerazioni fatte fino ad ora andrebbero
    > un po' riviste...

    No,non rivedo nulla perché non sono io che voglio imporre Linux come Os per desktop di gente comune.
    Ho semplicemente affermato un concetto ovvio:
    Se (e sottolineo se) si vuole Linux per la gente comune, va profondamente rivisto e riorganizzato.
    Se lo si vuole per il mondo professionale allora rimarrà nella sua nicchia come tanti altri (che non è comunque un male).
    Faggiano ha detto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Alessandrox
    >
    > > Sembrera' pretenzioso ma utte le
    > > considerazioni fatte fino ad ora
    > andrebbero
    > > un po' riviste...
    >
    > No,non rivedo nulla perché non sono io che
    > voglio imporre Linux come Os per desktop di
    > gente comune.
    > Ho semplicemente affermato un concetto ovvio:
    > Se (e sottolineo se) si vuole Linux per la
    > gente comune, va profondamente rivisto e
    > riorganizzato.

    Ma lindows NON lo fa. Però ha un nome altisonante, e i fessi abboccano. Le uniche due cose che di lindows sono simili a windows (98) è che

    1. paghi per il software (vedi anche click & run)

    2. ti logghi come root.

    Non ha senso.

    Knoppix è PIU' facile da installare di lindows.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > win98/me/2000 hanno vinto su linux.
    >
    > Falso.
    > E' semplicemente presto per giudicare.
    >    
    > > Ora arriva la popolarità di linux e chi è
    > > che attacca con le solite vecchie tecniche
    > > monopolistiche? La peggior distribuzione,
    > > lindows!
    >
    > Linux è OBIETTIVAMENTE un sistema non alla
    > portata della gente comune.

    QUANTO SIETE CREDULONI! Ma lo volete capire che lindows non ha NULLA di più di mandrake, suse, knoppix e redhat?

    Dimmi, sinceramente, non ti rendi conto di essere un credulone a pensare che lindows abbia qualcosa di più?
    non+autenticato
  • certo che ha qualcosa in più è più vicino a windows nelle funzioni e quindi più facile da usare per gli utenti. ma comunque red hat, mandrake e suse mica sonog ratis hanno costi anche superiori a lindows non capisco tutto sto attaccamento anti lindows, di fatto è sempre linux e di fatto sis ta concentrando in un settore che le altre distribuzioni curano meno. Linux cresce e diventa un reale pericolo per windows, lo diventa nel momento che attacca il settore dei computer desktop, che entra nelgi uffici non solo sui server e nelle case. a questo contribuisce pure lindows. forse avrà più difetti di altre distribuzioni che sono però ormai più vecchie e collaudate ma con il tempo perfezionerà pure lei intanto la concorrenza tra i produttori di distribuzioni lunux fa bene a linux e la maggiore pentetrazione sui pc porterà microsoft a dover reagire e non è escluso che con l'aumento del business su altri settori (office per es.) anche microsoft non arrivi alla fine a mettere windows a prezzi più accessibili o pure gratis e a migliore i contenuti. microsoft ora ha paura di linux, fino a poco tempo fa no
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > certo che ha qualcosa in più è più vicino a
    > windows nelle funzioni

    Ma chi te lo ha detto? Il nome forse? Dimmi un po', come si configurano le frequenze di refresh del monitor in lindows? E in suse? Mi sa che è più facile da usare la seconda.

    > e quindi più facile
    > da usare per gli utenti. ma comunque red
    > hat, mandrake e suse mica sonog ratis hanno
    > costi anche superiori a lindows

    E chi ti dice nulla. Io dico solo che il peggiore vince sempre, e non capisco perchè.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > QUANTO SIETE CREDULONI! Ma lo volete capire
    > che lindows non ha NULLA di più di mandrake,
    > suse, knoppix e redhat?

    E chi l'ha mai detto?
    Rileggersi il post,please...
    Ad ogni modo, IMHO, Lindows sarebbe una buona idea se funzionasse.MA visti i risultati forse è meglio quel progetto di desktop clone di WinXp che stanno provando...
    Faggiano ha detto.
    non+autenticato