Claudio Tamburrino

Contenuti, il NYT sceglie la via del dollaro

Il più celebre quotidiano online si prepara a diventare, in parte, a pagamento. Intanto Amazon taglia le sue royalty per contenere i prezzi degli ebook

Roma - Il New York Times ha deciso di abbandonare online il modello gratuito e adottare un metodo metered di pagamento: basato, per l'appunto, su un metro che permette l'accesso a tutti, in modo da rendere accessibile la pubblicità insieme ai contenuti ai visitatori sporadici, ma individuando gli utenti più frequenti a cui, dopo un numero definito di visite, è chiesto un corrispettivo.

Le misure entreranno in vigore solo nel gennaio del 2011: in pratica vi sarà un certo numero di articoli gratuiti ogni mese, oltre il quale sarà necessario sottoscrivere un abbonamento per garantirsi un accesso illimitato ai contenuti (e di cui gli abbonati all'edizione cartacea godranno automaticamente). Mancano tuttavia ancora elementi fondamentali della nuova via: nello specifico quanti articoli saranno gratuiti e quanto costerà l'abbonamento.

Il metodo, a tal proposito, garantirebbe una certa flessibilità all'editore: i numeri che definirebbero frequente un visitatore potranno essere aggiustati con l'esperienza, cercando di non intaccare nel contempo eccessivamente i free reading, utenti occasionali comunque utili grazie agli advertising, ma che dopo un certo numero di visite rischiano di diventare veri e propri free rider, i così detti usufruitori di servizi di cui non hanno pagato il costo dovuto.
Il rischio di non calibrare la misura è d'altra parte quello di colpire (e conseguentemente diminuire) il numero dei così detti lettori fidelizzati, che hanno una grande importanza per le quote pubblicitarie online: permettono infatti di ottenere maggiori informazioni da utilizzare per fini commerciali. "Se conosci maggiori cose sul tuo lettore medio, puoi naturalmente servirlo meglio con messaggi pubblicitari mirati" ha osservato Ken Doctor, della società di analisi Outsell.

Per questo il Times ha deciso di prendersi tutto il tempo necessario per organizzare bene tutti i dettagli della nuova struttura. "Aver finalmente preso questa decisione - ha dichiarato l'editore Arthur Sulzberger Jr - ci permetterà di concentrarci sul processo di riflessione per rispondere a tutte le domande del caso". Si tratta d'altra parte di un progetto di ampio respiro, spiega Sulzberg, che non sarebbe conseguenza diretta del calo delle entrate pubblicitarie, ma un ragionamento più profondo su dove andrà il Web e su nuovi percorsi finanziari. Cose, in ogni caso, che non si cambiano dall'oggi al domani.

Il Times, oltretutto, sembra decisa a non utilizzare i meccanismi di pagamento già esistenti, ma punta a crearne uno suo, per cui "c'è bisogno - come ha affermato Martin A. Ninsenholtz, vicepresidente delle operazioni digitali - di molto lavoro tecnico" per rivedere del tutto l'infrastruttura online del giornale in modo tale da non rallentare la navigazione degli utenti.

Nel frattempo Amazon, a differenza di quanto deciso per esempio da Apple per iTunes, sembra decisa a offrire una nuova opzione di royalty ai detentori dei contenuti che rivede la fetta destinata alla stessa Amazon. Scopo evidente è quello di contenere il prezzo degli ebook offerti nella sua libreria digitale.

Il nuovo piano tariffario, attivo da giugno, si affiancherà a quello finora offerto e necessiterà che l'editore e l'autore rispettino una stretta serie di requisiti: innanzitutto il prezzo di listino dell'ebook dovrà essere compreso tra i 2,99 e i 9,90 dollari e in ogni caso inferiore almeno del 20 per cento al prezzo della versione cartacea. Oltretutto tali condizioni devono essere garantite in ogni Paese dove essi hanno diritti e non vi devono essere offerte inferiori a quelle proposte da Amazon in altri negozi, che riguardino la versione cartacea o quella elettronica. Condizioni molto rigide, ma a cui editori e autori dovranno sottostare se vogliono il 70 per cento del prezzo di listino dell'opera in vendita nei scaffali di Amazon, al netto dei costi.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàNew York Times, per qualche dollaro in piùFonti interne al quotidiano statunitense hanno svelato un piano relativo al prossimo modello pay per la lettura di news online. L'annuncio previsto per il 27 gennaio, in concomitanza con la presunta presentazione del tablet di Apple
  • AttualitàMurdoch: tanti saluti, GoogleNews Corp annuncia che entro pochi mesi i suoi contenuti usciranno dalle indicizzazioni del search engine di Mountain View. Per alcuni, si scatenerà l'effetto domino. Con Bing appostato dietro l'angolo
  • BusinessEditori, l'abbonamento non è tuttoIl giornalismo online è geloso dei suoi contenuti e vuole farli pagare. Google risponde: senza link non si vive
  • BusinessEbook, oltre la frontiera USAKindle DX sbarca in più di cento paesi ma con alcune limitazioni. Il fermento del settore ereader alimenta le speranze degli editori. Che non intendono rinunciare ai sistemi DRM
  • Business2010, destinazione ereaderEditori e produttori affilano le armi in attesa che i lettori di ebook diventino popolari. In ballo c'è la salvezza delle notizie. E dell'editoria tradizionale
8 Commenti alla Notizia Contenuti, il NYT sceglie la via del dollaro
Ordina
  • "Se conosci maggiori cose sul tuo lettore medio, puoi naturalmente servirlo meglio con messaggi pubblicitari mirati"


    Schifosi: il mostrarci la pubblicità non è un "servizio" che fate a noi lettori.
    E' un servizio che fate agli inserzionisti, sarebbe ora di finirla con certe ipocrisie.
    Funz
    12980
  • Se la pubblicità mirata ti permette di pagarti il sito e mantenerlo in funzione (e quindi permette agli utenti di consultarlo gratis), per gli utenti può essere un servizio (quanti dei siti che visitiamo ogni giorno campano grazie ad AdSense? Senza di esso, probabilmente avremmo banner pià invasivi, dialer e altre schifezze simili). Ma se il sito è a pagamento, la pubblicità diventa un fastidio, non un servizio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Se la pubblicità mirata ti permette di pagarti il
    > sito e mantenerlo in funzione (e quindi permette
    > agli utenti di consultarlo gratis), per gli
    > utenti può essere un servizio (quanti dei siti
    > che visitiamo ogni giorno campano grazie ad
    > AdSense? Senza di esso, probabilmente avremmo
    > banner pià invasivi, dialer e altre schifezze
    > simili). Ma se il sito è a pagamento, la
    > pubblicità diventa un fastidio, non un
    > servizio.

    No, tu non sei un cliente a cui vendere un servizio: sei un portatore di un paio di bulbi oculari da rivendere agli inserzionisti.
    E' alquanto diverso.
    Funz
    12980
  • Allora mettiamola così: la pubblicità è un modo per pagare il conto. Per te è un danno esattamente come è un danno dover sborsare dei soldi), ma se il sito ti piace, il guadagno che hai dalla visione del sito è superiore al danno dato dalla pubblicità.

    Sinceramente... tu preferisci Punto Informatico come è adesso (gratuito, ma con la pubblicità), o lo preferiresti con accesso a pagamento, ma senza pubblicità? A queste condizioni, la pubblicità non mi dà fastidio.

    Di sicuro non la accetterei mai su un sito a pagamento, perchè vorrebbe dire che il gestore cerca di farsi pagare due volte; comunque, visto che per principio non uso nesun servizio internet a pagamento, il problema per me non si pone.
    non+autenticato
  • Se mettono i cookies, cancellarli è facile (e quindi posso rimettere a zero il conteggio delle mie visite mensili); se si basano sull' IP, basta spegnere e riaccendere il modem per cambiarlo. E se intendono richiedere la registrazione (il che già farebbe perdere loro alcuni utenti), come contano di fare per impedire che un utente si registri più volte, ad esempio?
    non+autenticato
  • semplice: ti chiedono un appoggio su carta di credito per accedere (vedi iTunes, con il quale potrebbero integrarsi, a sentire qualche rumor), fino a un tot di accessi non paghi, poi cominciano gil addebiti...
  • I primi siti a luci rosse facevano una cosa del genere... ti chiedevano il numero di carta di credito per provare che eri maggiorenne, dicendoti che non c'era da pagare nulla, poi ogni mese ti addebitavano piccole cifre sul conto, finchè non te ne accorgevi e riuscivi a bloccarli (questa truffa è stata poi sostituita da quella con i dialer)

    Il settore "a luci rosse" è sempre stato all'avanguardia, per certe cose (è stato il primo ad usare il videonoleggio e la vendita di cassette, poi ad usare la formula dell'abbonamento mensile con accesso illimitato, e nel frattempo ha sperimentato altri sistemi, come i dialer)
    non+autenticato
  • concordo che ci sia un elemento di rischio, ma in questo caso si tratta del NYT, non della "Mega Txtte e Cxli LTD"... un po' più affidabile...
    la stessa Apple ti chiede un appoggio su carta di credito per creare un account iTunes, ma non ha mai addebitato nulla a nessuno in assenza di acquisti.