Alfonso Maruccia

YouTube, prossimamente a noleggio

Il più importante provider di contenuti video in Rete annuncia l'avvio della sua nuova fase a pagamento. Si inizia con le produzioni indipendenti e il cricket indiano: ma l'obiettivo è ovviamente Hollywood

Roma - Concretizzando una possibilità di cui si vocifera da mesi, YouTube ha annunciato la disponibilità (a partire da questo venerdì) di una opzione per il noleggio di taluni contenuti video. Il primo "lotto" è scarno e consta di cinque lungometraggi presentati nell'edizione di quest'anno del Sundance Film Festival, il prezzo è popolare (3,99 dollari per singolo video in streaming) e il termine dell'offerta è fissato al 31 gennaio.

Con la decisione di partire dal videonoleggio contenuti indie, Google ha scelto di tenere un profilo basso in quella che si prospetta come una lenta ma inesorabile transizione verso il Video-On-Demand a pagamento. Se ne parla già dallo scorso settembre, quando dettagli trapelati da segrete trattative parlavano del coinvolgimento di nomi di primo piano dell'industria multimediale inclusi Sony, Lions Gate, MGM e Warner Bros.

Sulle tempistiche di un eventuale sbarco di Hollywood sul Tubo non è ancora dato sapere nulla, e GoogleTube si limita a confermare di voler aprire gradualmente la sua funzionalità di videonoleggio ad altri fornitori di contenuti inclusi quelli che si occupano di "salute ed educazione". Di certo c'è la volontà di YouTube di continuare a essere il centro di gravità permanente del multimedia in Rete, come dimostra il nuovo accordo per la trasmissione live dei match di cricket della Indian Premier League.
A partire dal prossimo marzo, tutte e 60 le partite della IPL (su un totale di 45 giorni di torneo) saranno disponibili per la visione in tutto il mondo (Stati Uniti esclusi) sul canale apposito oltre che sul sito della lega indiana. L'accordo di esclusiva ha una validità di due anni e, oltre a generare profitti per la GoogleTube e IPL con l'advertising, permetterà (augurabilmente) a quest'ultima di evitare i disservizi sperimentati lo scorso anno con il broadcasting del sempre più popolare show sportivo sulla propria infrastruttura.

YouTube sperimenta con i contenuti a pagamento e gli accordi sportivi in esclusiva e dimostra di voler innovare anche sul piano meramente tecnologico: in questo caso le sperimentazioni riguardano un nuovo player video in puro codice HTML 5 attivabile via TestTube, una caratteristica che si sostituisce all'onnipresente plugin Flash di Adobe e che offre agli utenti dei browser compatibili (al momento Chrome o Safari) la possibilità di provare dal vivo (pur tra le tante limitazioni presenti) una delle funzionalità più chiacchierate della nuova versione dello standard web.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessHTML capitolo 5: la guerra dei codecLa nuova versione dello standard web per antonomasia dovrebbe servire a propagare un'autentica rivoluzione per i contenuti video e lo streaming multimediale. Ma prima occorrerà attendere la fine della contesa tra i formati
  • BusinessYouTube e Hollywood si studianoIl portale video più famoso del web potrebbe diventare l'avamposto delle major della celluloide. Noleggi in streaming in arrivo già dall'autunno? Le trattative vanno avanti