Berlino censura videogame sull'Iraq

Electronic Arts accusa le autorità tedesche di discriminare il gioco a causa delle tensioni politiche tra Germania e Stati Uniti. Sotto accusa Command & Conquer Generals

Roma - Si combatte sul fronte dei videogiochi la battaglia della censura che vede questa volta di fronte le autorità tedesche e il maggiore produttore di videogiochi del mondo, Electronic Arts. Già, perché a Berlino il nuovo Command & Conquer Generals non va giù, al punto che si vuole renderne difficile la vendita.

La notizia è di questi giorni perché il governo tedesco ha appena reso pubblica la lista di una serie di giochi considerati violenti che sono soggetti a restrizioni nella distribuzione. In particolare il videogioco della EA non potrà essere pubblicizzato sui media né nei negozi, sebbene il titolo potrà essere messo a disposizione dei consumatori adulti che ne faranno richiesta.

Va detto che il game sotto accusa riprende da vicino gli eventi militari in Iraq, disegnando un teatro di guerra a Bagdad sul quale si fronteggiano l'Esercito di liberazione globale, un nucleo terrorista, e gli Stati Uniti. Il tutto condito da armi convenzionali e di distruzione di massa, compreso l'antrace e l'uccisione di militari e civili.
"Il gioco - ha dichiarato il direttore dell'ufficio del ministero degli Affari della famiglia, che ha revisionato il titolo - ritrae la guerra come l'unico modo per risolvere i conflitti. In linea generale difende la guerra e offre un appeal estetico alla forza militare".

Dura la reazione di Electronic Arts, secondo cui il prodotto cade vittima delle tensioni internazionali tra Berlino e Washington causate proprio dall'intervento militare in Iraq. EA fa notare come altri giochi, altrettanto "violenti", non siano stati sottoposti a censura.

"Fino a questo momento - dichiarano gli uomini della EA - i giochi censurati sono stati generalmente game più crudi nei quali combattono singoli individui, qualcuno viene ucciso e c'è sangue. Questo è invece un gioco di strategia militare".

Le autorità tedesche da parte loro confermano che i titoli censurati, una 20ina ogni anno, vengono colpiti soprattutto perché "contengono atti di violenza particolarmente brutali" ma che sono da bloccare anche i prodotti che "difendono" la guerra.
TAG: censura
30 Commenti alla Notizia Berlino censura videogame sull'Iraq
Ordina
  • "Il gioco - ha dichiarato il direttore dell'ufficio del ministero degli Affari della famiglia, che ha revisionato il titolo - ritrae la guerra come l'unico modo per risolvere i conflitti. In linea generale difende la guerra e offre un appeal estetico alla forza militare".

    Certo.

    Se ben ricordo Doom faceva sparare alla gente (quanta gente che ho ammazzato in quel periodo)

    Poi, Carmageddon incitava a mettere sotto i pedoni con l'auto (quanta gente ho stirato in quel periodo).

    Carmageddon l'aveva deplorato anche quel tizio della televisione, quello che pubblicizzava camicie dal collo improponibile... come si chiama, a si': Maurizio Costanzo.

    Detto questo detto tutto.

    Burp

    non+autenticato
  • ...che C&C Generals NON è stato programmato dai ragazzi di Westwood Studios, i quali hanno kiusi i battenti proprio questo mese.

    Per altro si nota anke nei titoli: una scritta avvisa che il gioco è ispirato alla serie C&C dei Westwood.

    Si chiama videogioco, non videorealtà: per quest'ultima abbiamo già la tv.
    non+autenticato
  • ***************************************
    Va detto che il game sotto accusa riprende da vicino gli eventi militari in Iraq, disegnando un teatro di guerra a Bagdad sul quale si fronteggiano l'Esercito di liberazione globale, un nucleo terrorista, e gli Stati Uniti. Il tutto condito da armi convenzionali e di distruzione di massa, compreso l'antrace e l'uccisione di militari e civili.
    *****************************************
    1 di fatto il videogioco commette un FALSO mettendo questa fantomatica organizzazione(che dal sito dembra un organizzazione islamica) come vicina a bagdad che invece il fondamentalismo lo combatte
    2 fa inoltre una becera propaganda imperialista chiamando "Esercito di Liberazione Globale" i terroristi islamici quando tradizionalmente gli eserciti e i fronti di liberazione (nazionale,patriottica)a cui fa il verso il nome (FSLN,EZLN,ELN,FLN) sono di matrice laica,socialista o al limite nazionalisti di sinistra ovvero si accosta la liberazione nazionale e di classe, la lotta imperialista all'integralismo islamico


    *****************************************
    "Il gioco - ha dichiarato il direttore dell'ufficio del ministero degli Affari della famiglia, che ha revisionato il titolo - ritrae la guerra come l'unico modo per risolvere i conflitti. In linea generale difende la guerra e offre un appeal estetico alla forza militare".
    **************************************
    il motivo della censura e' che il gioco fa PROPAGANDA alla guerra come mezzo per risolvere i conflitti cosa innegabile, la propaganda guerrafondaia potrebbe prender ben piede per la somiglianza del gioco con le cronache di guerra angloamericane

    **************************
    Dura la reazione di Electronic Arts, secondo cui il prodotto cade vittima delle tensioni internazionali tra Berlino e Washington causate proprio dall'intervento militare in Iraq. EA fa notare come altri giochi, altrettanto "violenti", non siano stati sottoposti a censura.
    "Fino a questo momento - dichiarano gli uomini della EA - i giochi censurati sono stati generalmente game più crudi nei quali combattono singoli individui, qualcuno viene ucciso e c'è sangue. Questo è invece un gioco di strategia militare".
    *************************
    non capiscono, o non vogliono capire che questo gioco e' piu diseducativo di quake o doom proprio per la questione che ripetero all'infinito
    "il pianeta dove c'e' sempre la guerra"


    OpenCurcio
    *** voi signori, traditori,ufficiali che la guerra l'avete voluta scannatori di carne venduta e rovina della gioventu ***
  • - Scritto da: OpenCurcio
    >
    > il motivo della censura e' che il gioco fa
    > PROPAGANDA alla guerra come mezzo per
    > risolvere i conflitti cosa innegabile, la
    > propaganda guerrafondaia potrebbe prender
    > ben piede per la somiglianza del gioco con
    > le cronache di guerra angloamericane

    Hai ragione, purtroppo... ehi non nel senso che mi spiace che tu abbia ragione, ma nel senso che è la triste verità, e lo si evince già dall'introduzione:

    Nel mondo moderno, i grandi leaders risolvono i conflitti con le parole.

    Parole come:

    Lanciamissili Scud!
    Bombardamento a tappeto!
    Missili Tomahawk!

    Bah... scelta di pessimo gusto, EA.

  • - Scritto da: Locke
    >
    > Hai ragione, purtroppo... ehi non nel senso
    > che mi spiace che tu abbia ragione, ma nel
    > senso che è la triste verità, e lo si evince
    > già dall'introduzione:
    >
    > Nel mondo moderno, i grandi leaders
    > risolvono i conflitti con le parole.
    >
    > Parole come:
    >
    > Lanciamissili Scud!
    > Bombardamento a tappeto!
    > Missili Tomahawk!
    >
    > Bah... scelta di pessimo gusto, EA.

    boh, interpretala come vuoi.. a me fa tanto venire in mente un tentativo di parodizzazione mal riuscito di un certo comportamento dei Grandi Liders


    insomma poi le parodie bisogna saperle fare, altrimenti molti prendono sul serio ciò che non è...

    avvelenato che ha amato Duke Nukem3d
  • come ho già detto, si presume che quando una persona acquista un certo tipo di prodotto, ad una certa età, abbia già le basi per poter esprimere un'opinione personale.

    il videogioco serve a far divertire, il resto è fuffa.

    lasciatelo comprare, non cambieranno certo idea a chi sulla guerra, quella vera, ha già opinioni forti a riguardo.

    io per esempio non escluderei un acquisto simile, ma rimango pacifista convinto.


    (cmq alcuni dicono il gioco in questione sia brutto...)


  • I governanti fanno un sacco di confusione tra realta' e fantasia cosi' ci troviamo invischiati in guerre vere con veri morti e ci vietano di giocare quelle fasulle.

    E' come se ad un bambino togli i fucile giocattolo dicendo che la guerra e' un cosa ignobile e poi gli consegni un fucile vero e gli dici di andare ad ammazzare il "nemico".

    Oltre al danno anche la beffa. Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I governanti fanno un sacco di confusione
    > tra realta' e fantasia cosi' ci troviamo
    > invischiati in guerre vere con veri morti e
    > ci vietano di giocare quelle fasulle.
    >
    > E' come se ad un bambino togli i fucile
    > giocattolo dicendo che la guerra e' un cosa
    > ignobile e poi gli consegni un fucile vero e
    > gli dici di andare ad ammazzare il "nemico".
    >
    > Oltre al danno anche la beffa. Triste

    educhiamo i figli alla diserzione insegnamoli che la guerra
    fa male e non e' bella anche talvolta serve a cacciare chi ci opprime : un tiranno una nazione che occupa
    ma questa e' gia DISERZIONE
    non+autenticato
  • A proposito di censure e discriminazioni, lo sapete che il gioco Shadowbane, un MMORPG da giocare online, uscito giusto oggi, potrà essere giocato solo dagli americani ?
    Già, perchè ogni tentativo di entrare in gioco utilizzando carte di credito non americane verrà bloccato.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)