Hate: accuse a Yahoo

La Anti Defamation League sostiene che Yahoo mantiene spazi e gruppi online utilizzati dai partecipanti per propagandare odio e razzismo. E ne chiede la rimozione

Web (internet) - White Pride and Racialism (Orgolio bianco e razza), questo uno dei nodi della denuncia pubblica della Anti Defamation League contro Yahoo.com. Secondo la ADL, Yahoo viola la propria policy ospitando siti che riprendono slogan razzisti e invitano all'odio contro le minoranze. E quindi il portale dovrebbe rimuovere questi spazi.

Negli spazi dedicati ai club, su Yahoo si possono trovare parecchi siti dedicati al razzismo, alla supremazia bianca e via orripilando. E alcuni di questi siti danno accesso a chat, gruppi di discussione online e calendari online per pianificare attività e via dicendo.

La reazione di Yahoo è quantomeno vaga: "in realtà non è vero. Noi effettivamente promuoviamo la libertà di espressione e di parola, ma se ci sono delle lamentele ne prendiamo atto, verifichiamo e se è il caso prendiamo provvedimenti".
E la ADL reagisce facendo notare come nei contratti che Yahoo fa firmare ai suoi club si afferma: "questo servizio non può essere utilizzato per trasmettere, pubblicare o inviare contenuti che siano di minaccia, di offesa, fuori legge, di abuso, diffamatori, volgari, razzisti eccetera."