Speex, la voce ha il suo codec free

Speex, uno dei più promettenti codec audio open source per la compressione della voce, è stato rilasciato nella sua prima versione finale ed è pronto per essere impiegato in una vasta gamma di applicazioni su Internet

Roma - La comunità open source ha sfornato una nuova alternativa ai costosi codec audio proprietari: Speex. Dopo un anno di sviluppo questo formato di compressione ha infatti raggiunto, con il rilascio della versione 1.0, l'agognata maturità.

Speex è un codec aperto e libero da royalty che, a differenza del più celebre Ogg Vorbis, è stato specificamente progettato per comprimere la voce umana a bit-rate compresi fra 2 e 44 Kbps: questo tipo di codifica è particolarmente utile per le applicazioni vocali basate su Internet (VoIP e streaming on-line), voice mail e audio book. Speex viene già utilizzato in diversi progetti open source, fra cui LinPhone, OpenH323 e GnomeMeeting.

Speex implementa lo schema di codifica CELP (Code Excited Linear Prediction), uno standard federale americano basato su una forma di quantizzazione vettoriale che garantisce, a bit-rate intorno ai 4,8 Kbps, una qualità comparabile a quella fornita a 32 Kbps da un tradizionale codec ADPCM (Adaptive Differential Pulse Code Modulation): uno standard, quest'ultimo, utilizzato, per esempio, nei Mini Disc di Sony.
Gli autori di Speex sostengono che questo codec ha funzionalità che non si trovano in altri formati analoghi, come la capacità di migliorare la separazione dei canali stereo, cambiare il bit-rate dinamicamente e in qualsiasi momento, inglobare flussi audio narrowband in flussi wideband e codificare la voce con bit-rate variabile. Questo formato integra poi una robusta correzione degli errori a livello di bit e un algoritmo in grado di "dissimulare" i pacchetti persi.

Dallo scorso ottobre il progetto Speex è finito sotto l'ala protettrice dalla Xiph.org Foundation, la stessa organizzazione non-profit che porta avanti lo sviluppo di Ogg Vorbis e di altri progetti multimediali aperti, fra i quali Ogg Theora e FLAC.

La versione 1.0 di Speex può essere scaricata qui sia sotto forma di codice sorgente che sotto forma di binari per Linux e Windows. Il software fa parte del GNU Project ed è pubblicato sotto la stessa licenza utilizzata da Xiph.org: una variante di quella BSD. Qui è possibile scaricare anche i plug-in di Speex per WinAMP e XMMS e un filtro DirectShow.
6 Commenti alla Notizia Speex, la voce ha il suo codec free
Ordina
  • sarebbe interessare implementare una specifica per inserire brevi commenti audio (con questo codec) su files mp3 o ogg... riservando 4k max per un tale commento, si riescono a stipare 8 secondi a 4kbps, più che sufficienti per nome artista e titolo

    un mio piccolo sogno che non so se si avvererà mai

    avvelenato curioso di provare questo codec
    (tra pochi minuti lo provo e scrivo il mio parere)
  • tanto se non e' microsoft non lo usera' nessuno
    non+autenticato

  • - Scritto da: munehiro
    > tanto se non e' microsoft non lo usera'
    > nessuno

    Balle, che c'entra MS con la telefonia?
    MS in questo mercato non conta praticamente nulla.

    Il 99% delle applicazioni che beneficierà di speex non ha nulla a che vedere con MS, e comunque, visto che è software libero non copyleft, MS lo integrerà senza problemi tra i vari codec, e se anche MS non lo fa, si potrà comunque caricarlo aggiungendo una DLL del cavolo al sistema.

    Tristezza
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Balle, che c'entra MS con la telefonia?
    > MS in questo mercato non conta praticamente
    > nulla.

    aspetta aspetta...

    non+autenticato
  • Mi domando ke gusto ci trovi la gente a sparar cazzate.



    L' unico codec (fra l' altro video) decente realizzato da MS e' il WM9, scartato a priori dal DVD forum quando c' e' stato da scegliere l' erede dell' MPEG2 ke dovra' accompagnare il successore del DVD.
    Non mi pare ke stia riscuotendo risultati eccelsi in questo settore......

    A parte questo, le aziende tendono a scegliere il prodotto migliore al costo inferiore (si veda il supporto sempre maggiore di Linux).
    Se Speex otterra' buoni risultati, non vedo x' non dovrebbe venir usato.



    Al rogo i paranoici.
  • finora l'opinione di munehiro non mi è mai sembrata inappropriata, e temo che le sue paranoie non siano da sottovalutare:

    1) speex potrebbe avere un'utilizzo importante nei sistemi di telefonia via internet e videoconferenza: ad oggi se provate a chiedere in chat cosa viene usato per la videoconferenza rispondono tutti netmeeting -quando sanno cosa rispondere-

    e chi credete che andrà ad impostare il codec personalizzato? mah.

    2) un'altra funzione interessante potrebbe essere implementata nei registratori mp3, anzi questa la vedo una killer-application notevole (pensate che bello registrarsi le lezioni universitarie: 15 ore a 4,8kbps su 32mega di ram), e se il consumo cpu fosse relativamente esiguo potrebbe rendere Realmente utile la funzione appunti vocali presente su molti cellulari

    3) la diffusione di Ogg-vorbis è significativa per poter essere scettici nei confronti di questo codec; nonostante il codec sia ottimo (ancora migliorabile tuttavia, ad alti bitrates), gratuito, e perfettamente implementabile anche in soluzioni commerciali, ancora i players hw non sono molto diffusi, e neanche i codec sono molto semplici da installare per i cosiddetti utonti.


    ----------


    tuttavia è un ottimo prodotto il cui sviluppo è stato seguito da me con molto interesse, e non vedo l'ora che venghino fuori i drivers per aggiornare i firmware dei registratori mp3.. sarebbe un ottimo incentivo all'acquisto da parte mia.