Giuseppe Cubasia

L'annuncio per il perfetto Analista

di Giuseppe Cubasia - Un vero annuncio con cui si ricerca un analista non meglio definito. Il requisito? Che specifichi le condizioni a cui Ŕ disposto a scendere

Roma - ╚ passato oltre un anno da quando ho scritto proprio su questa testata sul bravo Sistemista, ed ancora non mi è passata la passione di leggere gli spassosi annunci di lavoro che vedo comparire sui maggiori siti italiani di ricerca del personale.

Questo è un annuncio (vero) pubblicato da un'azienda italiana per un analista funzionale. La prima cosa che mi ha colpito dell'annuncio sono le competenze che questa persona deve possedere. Praticamente nessuna. Si richiede un diploma (di cosa non si sa), ma se volete potete anche avere una laurea, poi, pensando di aver chiesto troppo dalla vita, lo scrivente ha aggiunto, anche breve.
Ma laurea in cosa? Va bene in Egittologia, Botanica, in che cosa deve aver studiato e lavorato questa persona prima di buttare tutto alle ortiche e dedicarsi all'informatica? Mistero.

E che fine hanno fatto tutte le metodologie che esistono sul mercato, i sistemi operativi, i linguaggi di programmazione, i database, le certificazioni richieste che occupano mezza pagina degli annunci che appaiono all'estero? Mistero. Di esse nessuna traccia. Qui due sono le cose: o l'annuncio si pagava come i telegrammi un tanto a parola ed hanno pensato di risparmiare, oppure basterà essere passati per sbaglio da MediaWorld per improvvisarsi analista funzionale.
Un po' perplesso continuo nella lettura.

Un terzo dell'annuncio elogia in maniera faraonica la società che lo emette, sedi di qua, sedi di là, importantissimi e numerosissimi clienti, etc, etc. Va tutto bene, ma io comincio a domandarmi: dove andrò a lavorare? Per quale tra le 100 sedi che leggo qui state cercando una persona? Leggo e rileggo con attenzione ed anche qui non ne trovo traccia. Mistero. Solo in alto a destra si fa riferimento alla regione, sarà forse quella la sede? E quale tra i 300 comuni che compongono la regione sarà la mia sede? Mistero.

La faccenda è sempre più misteriosa e nebulosa, non ero neanche arrivato a metà dell'annuncio e mi stavo già preparando al peggio.

╚ con vero piacere che arrivo a leggere le mansioni. Si ricerca un analista (Ma dai?) per un prestigioso cliente (meno male, uno che paga bene) per un progetto già in corso (e va beh, non sempre si può avere tutto). QUINDI... Quindi cosa? Quale premessa avete messo nella frase precedente che ora ve ne uscite con un QUINDI?
Cominciavo a pensare che chi aveva messo quell'annuncio non fosse nel pieno delle sue facoltà quando ha iniziato a scrivere. Mentre leggevo mi ero accorto di provare un brivido perverso nell'incaponirmi nel capire il pensiero dello scrivente, speravo che arrivando alla fine dell'annuncio potessi capirci qualcosa di più di questo blob che da un mistero stava diventando un incubo.

Quindi i candidati devono aver maturato esperienze di analisti (meno male, pensavo cercaste idraulici) in ambiti progettuali anche complessi (e va bene, ma per quanto tempo e facente funzioni di cosa? Mistero!), conoscenza delle metodologie di analisi (quali tra le 100 metodologie di analisi adotta il cliente? Mistero!) ed essere in grado di effettuare l'attività di revisione della progettazione tecnica/applicativa. Forse qui lo scrivente intendeva la progettazione dell'architettura dei sistemi e dei moduli applicativi, ma temo che non lo sapremo mai, un altro mistero.
Altro elemento significativo (ah, perché fino ad adesso pensate di aver detto qualcosa di significativo?) è rappresentato dalla capacità di problem solving di tipo applicativo (meglio specificarlo, applicativo, non vorrei si presentasse l'idraulico di prima).
Poi, qualora non aveste capito bene che cosa è il problem solving applicativo, lo scrivente si lancia in un'azzardatissima definizione con doppio salto carpiato articolato all'indietro e capriola con avvitamento, mischiando la gestione dei requisiti utente con l'analisi dati e funzionale. "TRATTASI di ricerca, evidenziazione di requisiti non espressi dal cliente, analisi delle integrazioni applicative etc". ETC, cosa? Cosa? Mistero.

Cavolo, ho pensato, era andato cosi bene, poi ha voluto strafare. ╚ proprio vero che "il di più viene dal maligno".

Conclude l'annuncio la disponibilità immediata. Per forza, penso, essendo il progetto già iniziato è evidente che stanno già nella...

La ricerca è per ambo i sessi, e non una menzione sull'età, e questo devo dire che non è poco per un annuncio del genere.

Ho dovuto rileggere per bene l'annuncio, almeno tre o quattro volte per capire davvero che cosa volesse dire. Sono arrivato alla conclusione che si ricerchi una persona di cultura universitaria, una qualsiasi, non sono razzisti, anche se abitate vicino all'università va bene lo stesso, vi credono sulla parola, però dovete avere una preparazione paurosa in ambiti complessi su tutto di tutto e qualcosa di più perché in quell'etc etc credo si nascondano degli ortaggi mica male.

La legge dell'informatica dice anche che se ricercano personale a progetto già avanzato e con una certa qualifica è sintomo certo che vi sarà da sgobbare sodo.

Sgobbare non è qualcosa che può intimidire un informatico professionista, specie se la paga è buona, ma di che paga stiamo parlando?

Un ultimo paragrafo conclude l'annuncio ed inizia con un trionfante ed ottimista Offriamo. "Contratto a progetto o partita iva. Prego specificare l'attuale paga base o retribuzione".
Ma questi ci sono o ci fanno? Stanno cercando un professionista che lavori per loro in qualità di consulente e pretendono di sapere quanto è la paga base? Parliamo prima di che tipo di lavoro vuoi e quale servizio ti occorre e poi ti dico quanto costa.
╚ come andare dal macellaio: "Prego, mi dia un chilo di fettine, quanto costano?" E sentirsi dire: "quanti soldi ha in tasca lei?" Ma siamo impazziti?!

Annunci simili cercano solo carne da macello, ragazzi da sfruttare oppure professionisti in difficoltà data la crisi, specie dopo il fallimento (o quasi) di grosse aziende IT. ╚ il mercato del lavoro che non c'è, la fine per tutti e le vicende degli ultimi giorni su Eutelia ce lo hanno dimostrato.

In questo mercato del lavoro l'IT occupa un posto rilevante, circa un milione di addetti, ma nessuna rappresentanza perché manca del tutto un'unione d'intenti.

Beh, vi informo che un sindacato è il quinto in Italia e fa valere il suo punto di vista e mette in mostra i suoi rappresentanti.
╚ chiaro che chi mette questi annunci ha solo interesse a far più profitto possibile, senza alcun rispetto né per la professionalità della persona, né per il cliente, come è altrettanto chiaro che finché le cose staranno cosi non ci sarà alcun modo di pretendere il giusto per il nostro lavoro.

Quanti annunci di contratti a progetto come questo occorrerà vedere prima che lo capiscano gli altri?
Mistero.

Giuseppe Cubasia
Cubasia blog

I precedenti interventi di G.C. sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • AttualitàLavoro IT/ Programmatore da fast fooddi Giuseppe Cubasia - Essere un ingranaggio facilmente sostituibile e sperare nel futuro non Ŕ l'unica via. E' possibile guardare oltre, sapendo ci˛ che si desidera
  • AttualitàLavoro IT/ Il paradiso dei programmatoridi Giuseppe Cubasia - Programmatori superstar, valorizzati, coccolati e parte dell'organismo-azienda. Succede negli States, nella software house di Joe Spolsky
  • AttualitàChi ha paura dell'IT?di Giuseppe Cubasia - Se l'Italia fosse un paese informatizzato rischierebbe di essere tutto pi¨ efficiente e tutto pi¨ trasparente. Per ora, nessuna apprensione: le prioritÓ sono altre
59 Commenti alla Notizia L'annuncio per il perfetto Analista
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)