Gaia Bottà

Mediaset: YouTube cerchi e distrugga

Il tribunale di Roma non accetta le ragioni di Google. Il Grande Fratello va rintracciato ed estirpato, sarà la Grande G a farlo: solo Cologno Monzese può spremere la trasmissione. Mediaset proclama l'inizio di una nuova era per gli editori

Roma - YouTube dovrà rimuovere le clip e le immagini statiche estratte dalla trasmissione Il Grande Fratello: poco importa che non abbia ricevuto segnalazioni circostanziate per ogni singola violazione, poco importa che la piattaforma non sia tenuta ad esercitare un controllo su quanto pubblicato dai propri utenti. RTI lo ha chiesto e ottenuto: Mediaset riporta che il Tribunale di Roma ha nelle scorse ore respinto il reclamo di YouTube, confermando così quanto stabilito nel mese di dicembre.

grande fratello su YouTubeSi tratta solo dell'ultimo capitolo del contenzioso in atto dal 2008 tra RTI e la piattaforma di sharing. Dal 2008 ad oggi YouTube ha tentato di proclamarsi neutro fornitore di spazio web, ha tentato di dimostrare l'impossibilità di sottoporre a controlli la mole di contenuti che viene caricata ogni minuto sui propri server, ha messo in campo degli strumenti come VideoID per agevolare i detentori dei diritti che non vogliano rimettersi alla vigilanza e alle buona maniere dei cittadini della rete, e per permettere loro di individuare le violazioni e di metterle eventualmente a frutto. Mediaset, dal 2008 ad oggi, si è dotata di una finestra online nella quale far scorrere contenuti proprietari, ha sostenuto la tesi della responsabilità pressoché editoriale di YouTube, che organizzerebbe e categorizzerebbe contenuti a favore delle platee connesse, e trarrebbe profitto dalle violazioni commesse dai suoi utenti, attorniandole di advertising e sottraendo investimenti che potrebbero riversarsi sui detentori dei diritti.

Sono "ampiamente in testa nelle classifiche dei video più cliccati", sono caricati da utenti che attingono alle trasmissioni televisive e ora anche alla piattaforma online con cui Mediaset diffonde i propri contenuti: gli stralci di Grande Fratello popolano tuttora YouTube, ma presto, annuncia Mediaset, il portale di video sharing dovrà "rimuovere dai server tutti i contenuti illecitamente caricati".
Nulla potrebbe il D.lgs 70/2003, recepimento italiano della direttiva europea sul commercio elettronico in cui si stabilisce sostanzialmente la non responsabilità degli intermediari: "anche i siti come YouTube - informa Mediaset - devono rispondere alle consuete regole commerciali: contrariamente a quanto avveniva finora, da oggi solo chi investe in contenuti ha il diritto di sfruttarli economicamente anche online attraverso la raccolta pubblicitaria o altre fonti di ricavo".

Compito di YouTube sarebbe ora quello di individuare tutti i frammenti della trasmissione, immagini fisse o in movimento che siano, e di procedere all'estirpazione: "gli oneri tecnologici per ottenere il rispetto di tale diritto - si spiega nel comunicato di Cologno Monzese - non possono essere a carico di chi ne è titolare".

La richiesta esemplare formalizzata da Mediaset al tribunale, circostanziata in questi ultimi mesi alla trasmissione "Il Grande Fratello", si sarebbe concretizzata così, a parere di RTI, in una esemplare lezione: l'ordinanza rappresenterebbe, nelle parole del comunicato del gruppo, di "un principio che finalmente diventa patrimonio di tutti gli editori e che potrà essere applicato nei confronti di ogni sito web che viola la proprietà dei diritti altrui".

Editori di carta, e detentori di diritti su contenuti di ogni foggia: tutti potranno godere del successo conseguito da Mediaset presso il Tribunale di Roma e del quadro legale e di mercato che si sarebbe configurato con la nuova ordinanza. "Da oggi si apre quindi una nuova era per tutti gli editori italiani - annuncia Mediaset - che potranno stringere rapporti economici con gli operatori internet, ognuno nel rispettivo ruolo, sulla base di un nuovo contesto di regole chiare e definite".

Gaia Bottà
Notizie collegate
  • AttualitàYouTube e Google, pirati della Rete?A ritenerlo è il coordinatore del centro studi per la protezione dei diritti degli autori e della libertà d'informazione. La condivisione non autorizzata degli utenti del Tubo renderebbe Mountain View più ricca. Mentre Mediaset pensa a mettere a frutto la propria esclusiva
  • Diritto & InternetIntermediari in cerca d'autoredi G. Scorza - Il fornitore di servizi viene caricato di inaspettate responsabilità: lo ha fatto la Cassazione per The Pirate Bay, lo ha fatto il Tribunale di Roma per Google. A rischio c'è la libertà di espressione
  • AttualitàDecreto Romani, approvato il liftingPresentato in Senato un testo di nove pagine contenente alcune modifiche. Si torna sulla definizione di medium audiovisivo, sulla responsabilità degli operatori e sul ruolo di Agcom. La partita comunque resta aperta
  • Diritto & InternetSi scrive AGCOM, si pronuncia sceriffo della Rete?di Guido Scorza - Il decreto Romani, nella sua attuale formulazione, consegna all'Autorità poteri sproporzionati. All'AGCOM si affidano anche armi in materia di diritto d'autore, disconnessioni comprese
  • Diritto & InternetSia FAPAV la sua volontà?di G. Scorza - La Federazione contro la pirateria audiovisiva ha rastrellato indirizzi IP. Chiede a Telecom di oscurare siti e accusa l'operatore di complicità nella violazione del diritto d'autore. Il caso Peppermint è passato remoto?
  • Diritto & InternetSgarbi: YouTube deve tacereIl noto critico d'arte punta il dito contro la piattaforma di video sharing. Far riprendere ai netizen i suoi diverbi in RAI sarebbe stata una mossa azzardata. Lederebbe il diritto all'immagine. Calcolati 10mila euro di danni al minuto
652 Commenti alla Notizia Mediaset: YouTube cerchi e distrugga
Ordina
  • Premetto che, personalmente, mi sembra quasi comico il fatto che si stiano ammazzando come cani per una cosa ridicola come i filmati del Grande Fratello, fatto sta che sono tra i più cliccati, è triste ma è un dato di fatto. Se li togliessero a me proprio non farebbe ne caldo ne freddo, però teniamo sempre presente alcune cose:

    1) Mediaset è produttrice e detiene i diritti di questa roba, per cui ha tutto il diritto di difenderne la proprietà e lo sfruttamento commerciale.

    2) Youtube non è, a mio avviso, colpevole di alcunchè, non è un unico soggetto che ha preso i filmati e li ha messi nel proprio sito, youtube fornisce un servizio a terzi, gli utenti, che sono responsabili di ciò che mettono online. Quindi, più che altro, mediaset dovrebbe colpire quegli scellerati che hanno messo i filmati, non youtube che li ospita.

    3) Chiedere a youtube di fare da controllore è pura follia. Ci sono milioni di filmati su youtube, migliaia ne vengono aggiunti ogni giorno, anche volendo tracciarli tutti sarebbe un'impresa impossibile. Potrebbero, al massimo, inserire delle logiche che filtrino e impediscano l'upload nel caso vengano riconosciuti certi pattern nel nome o nei tag, ma sarebbero sempre cose facilmente aggirabili. In ogni caso, youtube fornisce da tempo gli strumenti necessari per segnalare un video come violatore di copyright, quindi da parte sua sta agendo in buona fede.

    Ma la cosa più pericolosa che immagino è una possibilità che è stata già perfettamente citata da The Real Gordon in un post precedente: le darknet. Ci sono sempre state, così come ci sono migliaia di proxy in tutto il mondo, ma finora sono sempre stati strumenti utilizzabili solo da utenti un minimo smaliziati. Se davvero riuscissero a fermare yt o il p2p come vorrebbero le darknet finirebbero nelle mani di tutti. Appena esce il primo client con quattro pulsantoni a prova di ragazzina avremmo milioni di utenti che si scambiano dati con crittografia forte, in modo totalmente anonimo e irrintracciabile. Così per fermare i ragazzini che si scambiano l'album di Ligabue rendiamo impossibili le indagini per reati ben più gravi.

    Già le varie polizie si sono strappate i capelli perché Skype è teoricamente invulnerabile alle intercettazioni (a meno di un improbabile malware da installare, non si sa come, sul pc dell'indagato). A quel punto che facciamo? Blocchiamo tutte le porte di tutti gli isp, lasciando solo la 80 per collegarci a facebook?
  • ...come se la Beretta dovesse sorbirsi l'onere di controllare che tutti i suoi clienti non usino le armi per scopi illegali...
    Follia.
    YouTube è uno strumento informatico e come tale può essere usato nel rispetto della legge oppure no, ma questo dipende dall'utente. E' ora di finirla di addossare le colpe "agli altri": il vero problema è che mancano i più elementari valori di legalità, pudore e buon senso nelle giovani generazioni.. per colpa dei genitori debosciati che non sono riusciti a trasmetterli. Non è giusto usare videogiochi non regolarmente acquistati, non è giusto divulgare contenuto protetto da copyright. Ma non è neppure giusto pretendere che l'educazione venga insegnata ora da YouTube, domani da Google e via dicendo.
    non+autenticato
  • Come se la tim fosse responsabile della strage di capaci perche' i mafiosi hanno usato il telefonino per compiere un reato. Tim in galera, multa e onere di filtrare le conversazioni.. ah ah ah ah ah Occhiolino folia pura galoppante.
    non+autenticato
  • Beretta non guadagna un tanto ad omicidio commesso con le sue pistole, cosi' come Tim non guadagna un tanto a strage!
    non+autenticato
  • Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in proiettili ecc.)
    Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare (in ricariche Tim ecc.)
    Youtube guadagna perchè visualizza un video (un qualsiasi video)

    - Scritto da: mr_caos
    > Beretta non guadagna un tanto ad omicidio
    > commesso con le sue pistole, cosi' come Tim non
    > guadagna un tanto a
    > strage!

    sta nella testa dell'utente non mettere un video coperto da copyright in un servizio che presuppone che il video sia "tuo", idem per cellulare e arma, io ti do la possibilità di usarli, ma sei tu che devi saperti limitare e a quale scopo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in
    > proiettili
    > ecc.)
    > Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare (in
    > ricariche Tim
    > ecc.)
    > Youtube guadagna perchè visualizza un video (un
    > qualsiasi
    > video
    Google ricava (non guadagna ancora nulla per YT) perché raccoglie video illegali trasmessi dai suoi utenti e li ridistribuisce ad altri utenti.
    Questa attività è illegale.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Matt
    > - Scritto da: ...
    > > Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in
    > > proiettili ecc.)
    > > Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare (in
    > > ricariche Tim ecc.)
    > > Youtube guadagna perchè visualizza un video (un
    > > qualsiasi video
    > Google ricava (non guadagna ancora nulla per YT)
    > perché raccoglie video illegali trasmessi dai
    > suoi utenti e li ridistribuisce ad altri
    > utenti.
    > Questa attività è illegale.

    Quindi allo stesso modo se in una piazza spacciano bisogna denunciare il comune e non gli spacciatori...
    krane
    21454
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: Matt
    > > - Scritto da: ...
    > > > Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in
    > > > proiettili ecc.)
    > > > Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare (in
    > > > ricariche Tim ecc.)
    > > > Youtube guadagna perchè visualizza un video
    > (un
    > > > qualsiasi video
    > > Google ricava (non guadagna ancora nulla per YT)
    > > perché raccoglie video illegali trasmessi dai
    > > suoi utenti e li ridistribuisce ad altri
    > > utenti.
    > > Questa attività è illegale.
    >
    > Quindi allo stesso modo se in una piazza
    > spacciano bisogna denunciare il comune e non gli
    > spacciatori...
    Non mi sembra che il comune raccolga materiale illegale dagli spacciatori e poi lo ridistribuisca ad altri cittadini per ottenerne degli introiti...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Matt
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Matt
    > > > - Scritto da: ...
    > > > > Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in
    > > > > proiettili ecc.)
    > > > > Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare
    > (in
    > > > > ricariche Tim ecc.)
    > > > > Youtube guadagna perchè visualizza un video
    > > (un
    > > > > qualsiasi video
    > > > Google ricava (non guadagna ancora nulla per
    > > > YT) perché raccoglie video illegali trasmessi
    > > > dai suoi utenti e li ridistribuisce ad altri
    > > > utenti.
    > > > Questa attività è illegale.

    > > Quindi allo stesso modo se in una piazza
    > > spacciano bisogna denunciare il comune e non gli
    > > spacciatori...
    > Non mi sembra che il comune raccolga materiale
    > illegale dagli spacciatori e poi lo
    > ridistribuisca ad altri cittadini per ottenerne
    > degli introiti...

    Ne' lo fa youtube, mette solo a disposizione un luogo, peraltro con regole che avvertono che alcuni comportamenti sono illegali.
    krane
    21454
  • - Scritto da: Matt
    > - Scritto da: krane
    > > - Scritto da: Matt
    > > > - Scritto da: ...
    > > > > Beretta guadagna perchè usi la sua arma (in
    > > > > proiettili ecc.)
    > > > > Tim guadagna perchè ricarichi il cellulare
    > (in
    > > > > ricariche Tim ecc.)
    > > > > Youtube guadagna perchè visualizza un video
    > > (un
    > > > > qualsiasi video
    > > > Google ricava (non guadagna ancora nulla per
    > YT)
    > > > perché raccoglie video illegali trasmessi dai
    > > > suoi utenti e li ridistribuisce ad altri
    > > > utenti.
    > > > Questa attività è illegale.
    > >
    > > Quindi allo stesso modo se in una piazza
    > > spacciano bisogna denunciare il comune e non gli
    > > spacciatori...
    > Non mi sembra che il comune raccolga materiale
    > illegale dagli spacciatori e poi lo
    > ridistribuisca ad altri cittadini per ottenerne
    > degli introiti...

    Perche' youtube ha forse degli uffici apposti per farlo ?
    Il comune si fa i soldi con i posteggi in zona blu quando la gente va dagli spacciatori.
    krane
    21454
  • Perche' ?

    1-un utente che posta un video per scopi di critica in bassa qualita' e a titolo gratuito commette un reato ? NO a termini di legge puo' farlo. Questo e' appurato e normato chiaramente dalla legge italiana (e di altre nazioni).

    2-Invece un utente che col telefonino e linea tim fa scoppiare una bomba radiocontrollata commette eccome un reato.

    Pero' secondo l'articolo youtube verrebbe perseguito per "presunto illecito" di suo utente, mentre tim non viene perseguita per "acclarato illecito" di suo utente.. per questo tutta la storia e' solo una bolla di sapone.
    non+autenticato
  • se un utente carica un video contenente immagini prese da programmmi rai,dato che la rai è un servizio pubblico e paghiamo pure il canone, è da considerarsi lecito?
    non+autenticato
  • Del GF non mi frega , lo cancellino pure, come dicono altri però oggi si decide di cancellare questo, domani altre cose, la perdita di libertà si porta avanti goccia a goccia.
    Se fossi in YT ci proverei a levare tutto mediaset.... una volta fuori da YT ci metterebbero poco a capire l'errore e tornare sui propri passi.
    Il fenomeno mediatico di alcuni programmi è proprio dovuto alla immensa cassa di risonanza data ai medesimi dallo sharing.
    Se il grande fratello potesse essere seguito solo "in diretta" dalla tele, senza il passaparola e senza le continue citazioni su internet, il grande fratello sarebbe già chiuso da tempo....IMHO.
    non+autenticato
  • Grande Fratello e Uomini e Donne stanno saturando YouTube. Tra i video più visti e votati ci sono sempre. Spero proprio che vengano eliminati. Entrambi.
    non+autenticato
  • La prossima volta che qualche cretino urlerà questa frase ricordatevi di questo articolo.
    non+autenticato
  • Dicono bene quelli di Mediaset: rimuovete il Grande Fratello. Estirpatelo. Cancellatelo senza possibilità di undelete. Spazzatelo via dalla faccia della terra. Una trasmissione che ormai è degenerata ad un modello che esprime il più infimo livello intellettuale che il popolino è ispirato a raggiungere, in modo da essere sempre più bue e più ebete, e rassegnarsi a qualsiasi cosa. Una massa di dementi, fenomeni da baraccone per stupidità e ignoranza, che vengono proposti come esempio di individui di successo. In un Paese dove i ricercatori scappano e i giovani laureati non riescono a trovare un lavoro fisso decente, la cultura e l'intelligenza sono un optional, anzi, una colpa, perchè chi pensa rischia di trasformarsi in un "sovversivo". Quindi intoniamo una lode all'idiozia, ai cinque minuti di popolarità quale massimo traguardo raggiungibile nella vita, avendo tacitamente accantonato i banali, stantii e direi sinistorsi scopi esistenziali precedenti quali il superato posto fisso e il lusso sfrenato della casa di proprietà.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Precedente | ... | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | Successiva
(pagina 10/13 - 63 discussioni)