Claudio Tamburrino

Foxconn blindata, segretezza garantita

Giornalista occidenteale, trovato a scattare foto di un impianto cinese fornitore di Cupertino, sostiene di essere stato malmenato dalla sicurezza. Il segreto industriale in Asia č una cosa seria

Roma - Un reporter di Reuters ha tentato di scardinare gli argini di sicurezza della Apple, la cortina di fumo che sembra circondare lo sviluppo dei suoi prodotti, svelati, una volta salita l'attesa, solo durante i keynote di Steve Jobs.

Č arrivato fino in Cina, lì infatti Cupertino commissiona molti dei componenti necessari a creare i suoi prodotti. Il reporter è arrivato quindi precisamente a Longhua in una provincia del Sud, dove ha uno stabilimento Foxconn International, uno dei maggiori fornitori di Apple. Tutta la città, ha avuto modo di notare, era dedicata alla sicurezza dell'azienda che vi operava: adibita ad ospitare quasi esclusivamente impiegati Foxconn, sembra quasi una città fortificata per numero di controlli e badge utilizzati dai lavoratori e agenti della security.

Non c'è d'altronde altro modo per garantire la sicurezza e la confidenzialità nell'assemblare i prodotti del cliente di Cupertino, che li ritiene assolutamente fondamentali. Tutta la gestione della catena informativa è organizzata in modo strettamente riservato e in modo tale da far arrivare le notizie solamente a coloro che devono riceverle. Solo lo stretto necessario. Nella cerchia più ristretta possibile.
Gli impiegati sospettati di passare informazioni possono essere indagati. E se si tratta del commercio di segreti, logicamente, si parla tranquillamente di cause legali. Pur essendo riuscito ad intervistare alcune persone coinvolte, solo in cambio del più assoluto anonimato, il giornalista ha potuto comprendere come si tratti di una fitta rete in cui solo Apple sa tutto.

Quando poi ha provato ad avvicinarsi ancora un po', a strappare un'immagine altrimenti preclusa, ha scoperto a sue spese quanto i fornitori di Apple tengano alla sicurezza delle informazioni: pizzicato dalle guardie a scattare foto dalla strada fuori dall'impianto, secondo la sua ricostruzione è stato rincorso, malmenato, cercato di trascinare prima all'interno dell'edificio, poi in una macchina di servizio. Infine, solo l'arrivo della polizia ha ristabilito la quiete. Gli agenti, tra l'altro, hanno chiesto al giornalista se avesse intenzione di sporgere denuncia, possibilità che era nei suoi diritti, ma anche sconsigliata: "Sa questa è la Foxconn e hanno uno status speciale qui. La preghiamo di comprendere".

Certamente il trattamento riservatogli non era previsto dai protocolli Apple, che anzi divulga un codice di condotta che impone - per esempio - un ambiente di lavoro senza maltrattamenti. Tuttavia la pressione per i fornitori è tanta. Basti pensare al ragazzo suicidatosi in seguito allo smarrimento di un prototipo di iPhone.

Il cliente è troppo importante e le sue necessità molte. Per la segretezza, la velocità e la natura stessa delle richieste: molto spesso pezzi unici personalizzati che quindi i fornitori non possono continuare a produrre per altri clienti. E il tutto con clausole di confidenzialità che non lasciano certo tranquilli chi le ha stipulate. Perdita di importanti contratti e richieste di danni le principali conseguenze.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
13 Commenti alla Notizia Foxconn blindata, segretezza garantita
Ordina
  • Curioso che questa situazione orwelliana sia creata da un'azienda che nel 1984 aveva mostrato un famoso spot in chiave anti-totalitaria...

    Certo, certo, Foxconn lavora anche per altri, ma la fissazione di Apple per la segretezza e la persecuzione delle fonti interne non è cosa solo di oggi...
    Funz
    12995
  • - Scritto da: Funz
    > Curioso che questa situazione orwelliana sia
    > creata da un'azienda che nel 1984 aveva mostrato
    > un famoso spot in chiave
    > anti-totalitaria...
    >
    > Certo, certo, Foxconn lavora anche per altri, ma
    > la fissazione di Apple per la segretezza e la
    > persecuzione delle fonti interne non è cosa solo
    > di
    > oggi...

    dove lavoro io se divughi qualcosa hai cazzi ben più amari: dipendevolamente da quello che combini può arrivare anche l'esercito a chiedere "spiegazioni".

    chi ha dei segreti, fa di tutto per tenerli tali, sempre.
  • - Scritto da: a n o n i m o
    > - Scritto da: Funz
    > > Curioso che questa situazione orwelliana sia
    > > creata da un'azienda che nel 1984 aveva mostrato
    > > un famoso spot in chiave
    > > anti-totalitaria...
    > >
    > > Certo, certo, Foxconn lavora anche per altri, ma
    > > la fissazione di Apple per la segretezza e la
    > > persecuzione delle fonti interne non è cosa solo
    > > di
    > > oggi...
    >
    > dove lavoro io se divughi qualcosa hai cazzi ben
    > più amari: dipendevolamente da quello che combini
    > può arrivare anche l'esercito a chiedere
    > "spiegazioni".
    >
    > chi ha dei segreti, fa di tutto per tenerli tali,
    > sempre.

    A meno che l'esercito USA non intenda equipaggiare i suoi marines con l'ipad, non vedo cosa c'entri Apple con l'ambito militareCon la lingua fuori
    Funz
    12995
  • Dal tono dell'articolo sembra che Foxconn sia un fornitore qualunque, una fabbrichetta cinese che lavora alle dipendenze dirette di Apple, mentre si tratta, a tutti gli effetti, del più grande produttore di elettronica di consumo al mondo, che fabbrica componenti in varia misura anche per Dell, HP, Motorola, Cisco, Intel, Amazon (tanto per fare qualche nome) nonché TUTTE le console attualmente presenti sul mercato. E scusate se è poco.
    Non che nell'articolo ci siano imprecisioni, sia chiaro... è il tono che mi pare un po' riduttivo per questo gigante cinese, per il quale Apple sarà pure un cliente importante, ma non è certo l'unico e non può essere certo comandato a bacchetta.
    non+autenticato
  • Ignoro chi costruisca Xbox...ma la PS3 è fatta da Sony e il Wii è fatto da Hosiden e Mitsumi nei loro impianti in giappone e in cina

    Che Foxconn sia enorme e importantissimo ok,però diciamo le cose come stannoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lybra
    > Ignoro chi costruisca Xbox...ma la PS3 è fatta da
    > Sony e il Wii è fatto da Hosiden e Mitsumi nei
    > loro impianti in giappone e in
    > cina
    >
    > Che Foxconn sia enorme e importantissimo ok,però
    > diciamo le cose come stanno
    >Occhiolino

    Secondo Wikipedia no:
    http://en.wikipedia.org/wiki/Foxconn
    Tra le fonti citate ci sono WSJ e Washington Post.
    non+autenticato
  • ragazzi io non so esattamente cosa faccia FoxConn, ma vi posso solo dire che lo stabilimento che hanno in Cina a Shenzhen (un altro rispetto a quello di cui si parla in quest'articolo) è una vera e propria città. C'è persino l'uscita dell'autostrada a suo nome.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lallo
    > ragazzi io non so esattamente cosa faccia
    > FoxConn, ma vi posso solo dire che lo
    > stabilimento che hanno in Cina a Shenzhen (un
    > altro rispetto a quello di cui si parla in
    > quest'articolo) è una vera e propria città. C'è
    > persino l'uscita dell'autostrada a suo
    > nome.

    Da wikipedia e cnn:
    Employees     550,000 (2008 [1])
    http://money.cnn.com/magazines/fortune/global500/2...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lybra
    > Ignoro chi costruisca Xbox...ma la PS3 è fatta da
    > Sony e il Wii è fatto da Hosiden e Mitsumi nei
    > loro impianti in giappone e in
    > cina
    >
    > Che Foxconn sia enorme e importantissimo ok,però
    > diciamo le cose come stanno
    >Occhiolino

    Diciamolo allora! Secono alcune fonti la penuria di Wii nel 2007 è da addebitarsi al fatto che la Foxconn aveva dovuto spostare ingenti risorse sulla produzione di Playstation 3...
    http://www.joystiq.com/2007/04/11/foxconn-producti.../

    Playstation 3 che sono prodotte anche in stabilimenti Asustek, qui la notizia dell'inzio della produzione e l'anticipazione del coinvolgimento di Foxconn:
    http://www.xbitlabs.com/news/multimedia/display/20...
  • Arrivare ad usare la violenza nel migliore dei casi e all'omicidio diretto o indiretto nel peggiore in nome di pezzi di silicio e plastica,che vergogna.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario mario
    > Arrivare ad usare la violenza nel migliore dei
    > casi e all'omicidio diretto o indiretto nel
    > peggiore in nome di pezzi di silicio e
    > plastica,che
    > vergogna.

    AAAA!!!
    Ma allora non capite!!!
    Non sono pezzi di silicio: c'e' la Mela sopra!!!!
    Vi porterà salvezza e redenzione!!!
    Vi porterà la via zen all'informatica!!!
    Vi porterà lo stile piu' cool di tutto il mondo!!
    Vi porterà femmine/uomini a pacchi!!!
    Se per farlo deve morire un essere umano o si devono violare i diritti umani, che ce ne frega!!!

    A Cupertino c'e' il sole quasi tutto l'anno...
    non+autenticato
  • Un altro troll-anti-apple-rigorosamente-non-registrato(TM).
  • - Scritto da: logicaMente
    > Un altro
    > troll-anti-apple-rigorosamente-non-registrato(TM).

    Mi spiace ma qui il troll più grosso mi sembra proprio il nostro caro Tamburrino, che da una notizia, il cronista malmenato, ha voluto creare una war, citando Apple, quando è solo uno e sicuramente non il più importante cliente di Foxconn!
    non+autenticato