Giorgio Pontico

Domini, numeri e proposte

Il registrar statunitense Verisign snocciola cifre per gli ultimi mesi del 2009. Mentre torna bollente il dibattito sui domini .xxx

Roma - Registrare un dominio è un'operazione decisamente semplice che negli ultimi tre mesi del 2009 è stata effettuata 11 milioni di volte, portando il conto totale dei domini Internet a circa 200 milioni e facendo registrare un tasso di crescita di circa 3,7 milioni di nuove richieste al mese, specialmente per .com e .net.

Lo ha riferito il registrar Verisign, che snocciola anche dati positivi anche per quello che riguarda le richieste di rinnovo per la concessione dei domini: rispetto al 2008 si è registrato un aumento dello 0,5 per cento. Ciò significa che è stato mantenuto il 71 per cento dei siti che affollavano il Web nei precedenti periodi.

Tra i TLD (Top Level Domain) più in crescita spiccano .cn e .de, riferiti rispettivamente a Cina e Germania, mentre qualcuno, per punzecchiare ICANN, getta benzina sul fuoco dei domini .xxx, da tempo al centro dell'attenzione per via dell'atteggiamento tenuto dall'organo regolatore del Web, da poco tempo indipendente dagli USA.
Secondo un gruppo di esperti la decisione presa tre anni fa da ICANN, con l'appoggio di alcune frange dello stesso settore a luci rosse e da organizzazioni religiose, dovrebbe essere rivista adesso che i vertici dell'organizzazione sono cambiati.

D'altronde, è noto, quello della pornografia è uno dei settori più redditizi della Rete come dimostra l'acquisto tre anni fa di porn.com per 10 milioni di dollari e la base di un milione di verdoni per l'asta di sex.com, che si terrà a marzo.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàUSA, ICANN ora è di tuttiL'organo che gestisce i domini Internet d'ora in avanti sarà controllato da un consiglio internazionale. Per stare al passo con i tempi della Rete e guidarne l'evoluzione
  • AttualitàPornografi e religiosi contro i domini .xxxICANN lavora sulla creazione di un ghetto specifico per il pornoweb. L'industria non lo vuole, gli attivisti religiosi temono il riconoscimento del diritto ad esistere del porno. In gioco c'è una paccata di denari
  • AttualitàPorn.com comprato per 10 milioni di dollariCifra da capogiro per quella che i protagonisti definiscono come la transazione finanziaria in contanti più costosa della storia dei domini. Nelle stesse ore Google la spunta in tribunale sulle immagini a luci rosse
2 Commenti alla Notizia Domini, numeri e proposte
Ordina