Mauro Vecchio

Rickrolling, la resurrezione

La rimozione di Rick Astley e della sua Never Gonna Give You Up č stata il frutto di un errore. Come spiegato da YouTube, le segnalazioni di violazione vengono fatte dagli utenti

Roma - La sua improvvisa scomparsa dai meandri di YouTube ha gettato nella disperazione gran parte della comunità online. Il video originale di uno dei più frizzanti tormentoni anni '80 - la canzone Never Gonna Give You Up - era stato rimosso dalla piattaforma di video sharing a causa di una violazione dei termini e delle condizioni d'uso.

Sparito dunque il video musicale che era stato all'origine del cosiddetto fenomeno del rickrolling, uno dei più diffusi meme della Rete. La Rete si è infiammata, dopo la rimozione da parte della piattaforma di Google di un filmato che aveva raggiunto un numero più che consistente di 30 milioni di visite. Sonori cinguettii di protesta sono stati proferiti dai migliaia di becchi social del tecno-fringuello, Twitter.

Ma poi, altrettanto improvvisamente, gli animi si sono placati: il video originale del rickrolling, con le mosse suadenti del romantico crooner pel di carota Rick Astley, è tornato ad allietare le genti online su YouTube.
La rimozione del video è stata frutto di un errore, di una svista da parte della piattaforma di video sharing. In una dichiarazione ufficiale, YouTube ha innanzitutto sottolineato come faccia affidamento sulla sua comunità di utenti per gestire un flusso di caricamento video che sfiora attualmente le venti ore al giorno. Utenti che devono aiutare YouTube a capire quali filmati vadano a violare i termini e le condizioni d'uso del sito.

"Rivediamo velocemente tutto il materiale segnalato - ha spiegato il comunicato di YouTube - e, in caso di avvenuta violazione, lo rimuoviamo nel giro di un'ora. Abbiamo una squadra che ad esempio lavora assiduamente sullo spamming. Ma, occasionalmente, un video può essere rimosso per errore. E se questo ci viene notificato, provvediamo a risolvere il problema ripristinando il filmato in precedenza rimosso".

C'è chi ha ipotizzato che non pochi netizen avessero segnalato il video come spam, dal momento che la pratica del rickrolling consiste nell'indicare un link apparentemente serio, salvo poi indirizzare il lettore verso Rick Astley e le sue irresistibili movenze danzerine. Il video di Never Gonna Give You Up è quindi risorto dalle sue ceneri elettroniche, pronto a tormentare (nel senso di tormentone) la comunità del Tubo. Per la gioia delle orecchie di chi sa ancora apprezzare la buona musica di una volta. Altro che Lady Gaga.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
18 Commenti alla Notizia Rickrolling, la resurrezione
Ordina