Alessandro Del Rosso

Plextor debutta sul mercato SSD

Il celebre produttore giapponese di drive ottici ha introdotto sul mercato la sua prima linea di dischi a stato solido. Sono stati concepiti soprattutto come dischi di boot da affiancare agli HDD magnetici

Roma - Ai business esplorati in questi ultimi anni dalla giapponese Plextor, un tempo considerata la Rolls-Royce dei drive ottici, si è appena aggiunto quello dei dischi a stato solido con interfaccia SATA II.

SSD PlextorGli SSD di Plextor, annunciati allo scorso CES di Las Vegas, entrano in punta di piedi nell'ormai affollatissimo settore dei dischi flash da 2,5 pollici, pensati per rimpiazzare o affiancare i tradizionali hard disk magnetici su notebook e PC desktop.

I drive di Plextor utilizzano un controller sviluppato dalla statunitense Marvell e memorie NAND flash di tipo MLC (Multi-Level Cell) prodotte dalla coreana Samsung. La cache integrata è di 64 MB, mentre il consumo tipico è di 0,25 watt.
Le velocità massime sequenziali riportate nelle specifiche degli SSD di Plextor sono tutt'altro che eclatanti, specie se paragonate a quelle degli SSD consumer appena annunciati da produttori come Corsair e Western Digital: si parla di 130 MB/s in lettura e di 70 MB/s in scrittura per il modello PX-128M1S da 128 GB e di 110 MB/s e in lettura e 65 MB/s in scrittura per il modello PX-64M1S da 64 GB. Per quanto riguarda il numero di operazioni di Input/Output al secondo (IOPS), Plextor dichiara 4300 IOPS causali in lettura e 1800 IOPS casuali in scrittura per il modello da 128 GB e qualcosa meno per la versione da 64 GB.

Nonostante questi modesti valori prestazionali, Plextor afferma che nei benchmark PC Mark, SYSMark e HD Benchmark i suoi drive hanno raggiunto punteggi elevati, "dimostrando, rispetto ad altri SSD, la loro capacità di prevenire la degradazione dei dati con il passare del tempo".

Dotati delle ormai immancabili tecnologie di wear-leveling e di correzione degli errori (nessuna menzione al comando TRIM di Windows 7), gli SSD di Plextor vengono garantiti per almeno 50mila cicli di riscrittura e 1,5 milioni di ore di MTBF. Insieme a queste unità viene ancora fornito il software di backup e ripristino Acronis True Image.

I due modelli di SSD sono già disponibili sul mercato ad un prezzo di 400 dollari per la versione da 128 GB e di 225 dollari per quella da 64 GB.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaPlextor si getta nel mercato SSDIl produttore giapponese di drive ottici ha presentato la sua prima linea di dischi a stato solido, puntando soprattutto su longevità e affidabilità. Svelato anche un masterizzatore DVD esterno con interfaccia eSATA
  • TecnologiaCorsair, SSD consumer supervelociIl noto produttore statunitense di memorie ha inaugurato una nuova serie di SSD consumer, la Force, che grazie ad un nuovo controller è in grado di raggiungere velocità massime vicine ai 300 MB/s
  • TecnologiaWD lancia i suoi primi SSD consumerUn anno dopo l'acquisizione di SiliconSystems e delle sue tecnologie di storage flash, Western Digital fa il suo ingresso nel segmento degli SSD mainstream, destinati a PC desktop e notebook
3 Commenti alla Notizia Plextor debutta sul mercato SSD
Ordina
  • Dipende dal costo, ma a me paiono delle porcherie.
    Sopratutto se si considera che appaiono ORA sul mercato , quando altri fornitori come OCZ , INTEL e CORSAIR mettono in campo prodotti ben piu' performanti.
    non+autenticato
  • Se con quei prezzi riescono a vendere quelle ciofeche di SSD (inteso in rapporto a quello che la concorrenza offre a prezzi uguali o minori, X25 in primis), temo che i tempi per l'instaurazione di competizione e coneguente calo dei prezzi siano molto lunghi.....
  • - Scritto da: rb1205
    > Se con quei prezzi riescono a vendere quelle
    > ciofeche di SSD (inteso in rapporto a quello che
    > la concorrenza offre a prezzi uguali o minori,
    > X25 in primis), temo che i tempi per
    > l'instaurazione di competizione e coneguente calo
    > dei prezzi siano molto
    > lunghi.....
    Ma in realtà più operatori fanno il loro ingresso sul mercato e più si innesca IMHO una reazione a fare prodotti sempre più performanti a parità di costo, soltanto che a mio avviso ci vorrà almeno ancora tutto il 2010 per avere dei prezzi un po più umani. e così nel frattempo risolvono tutti i possibili errori di gioventù dei prodotti stessi (sopratutto nei controlller a quello che vedo)
    lroby
    5311