Intel spinge Celeron a 2,4 GHz

La famiglia di CPU a basso costo di Intel accoglie due nuovi e più veloci modelli di Celeron. Intel spera di risollevare la domanda di CPU e contrastare, almeno in parte, gli effetti negativi della guerra, soprattutto in USA

Santa Clara (USA) - Intel ha introdotto sul mercato due nuovi modelli di Celeron con frequenza di clock pari a 2,3 GHz e 2,4 GHz. Entrambi i processori arrivano con un certo anticipo rispetto ai piani iniziali, questo a conferma di come Intel, in un periodo particolarmente letargico per il mercato dei PC, voglia risollevare la domanda di CPU low-end.

Secondo alcuni osservatori del mercato, l'introduzione di modelli più veloci di Celeron potrebbe dare la possibilità ad Intel di mandare fuori produzione i Pentium 4 a 2,20 e 2 GHz, focalizzando così la propria produzione sui più recenti (e lucrosi) modelli di P4.

"Il processore Intel Celeron a 2,40 GHz - afferma Intel in un comunicato - offre la giusta combinazione tra caratteristiche e frequenza, con fasce di prezzo adeguate al segmento di mercato dei PC a costi contenuti".
Entrambi i nuovi modelli di Celeron si basano sulla tecnologia di processo a 0,13 micron e impiegano un packaging a 478 pin. Basati sulla stessa architettura NetBurst dei P4, l'attuale generazione di Celeron è dotata, rispetto ai loro fratelli maggiori, di una minore quantità di cache - 128 KB L2 contro 512 KB L2 - e di una minore velocità del bus - 400 MHz contro 533 MHz.

I due nuovi Celeron sono già disponibili sul mercato al prezzo di 127$ per il modello a 2,4 GHz e 117$ per il modello a 2,3 GHz. I prezzi s'intendono per ordini di 1.000 unità.
TAG: mercato
3 Commenti alla Notizia Intel spinge Celeron a 2,4 GHz
Ordina

  • La crisi dei processori deriva in gran parte dal fatto che la stragrande maggioranza degli utenti HOME riesce a fare tutto ciò che gli serve con molta meno potenza fornita degli attuali processori entry level.

    Oggi se devo investire in un PC entry level scelgo il processore più economico che trovo sul mercato, con 41euro compro un Duron1300 e ho un margine di potenza utile ancora per altri 6-8 anni, altro che Celeron...

    Una delle applicaioni che richiede un continuo aggiornamento hardware è naturalmente il gaming ma gli utenti stanno capendo che non ha senso comprarsi un scheda grafica ultraperformante ogni 2 anni per poter giocare all'ultima release di Doom.

    Piuttosto l'orientamento è quello di acquistare per il gaming una consolle specializzata come PS2 o XBOX con 300euro risolvendo alla radice il problema in termini di compatibilità hardware.

    Per questo motivo la vedo dura per il mercato PC se non emergono nuove killer applications.

    Tamerlano





    non+autenticato
  • condivido.

    le case produttrici di chips dovranno focalizzare il loro mercato nel rendere i microprocessori
    1) più economici
    2) meno esosi in consumi e riscaldamento (e con meno rumore ventolina)

    i chip oltre il gigahertz possono essere destinati ad una nicchia, ma l'home computing regge anche con "ciofeche" di p2 a 450


    ciao da avvelenato che sta benone da 3 anni con un p3 a 700

  • > Una delle applicaioni che richiede un
    > continuo aggiornamento hardware è
    > naturalmente il gaming ma gli utenti stanno
    > capendo che non ha senso comprarsi un scheda
    > grafica ultraperformante ogni 2 anni per
    > poter giocare all'ultima release di Doom.

    Povero doom ! Per giocare all'ultima release basta un 486 a dire il vero... Doom3 ancora non esce per quest'annoSorride

    Per il resto d'accordo con te.
    non+autenticato