187? Chi l'ha visto?

Un lettore racconta una paradossale vicenda vissuta per tentare di attivare una nuova linea telefonica. Un caso che conferma l'annoso problema del rapporto con il Customer Care telefonico

Roma - Salve, scrivo a voi perchè spero in un po' di comprensione. Ad agosto dell'anno scorso io e la mia fidanzata ci siamo trasferiti in una casa tutta nostra in provincia di Firenze, soprattutto per la mia fidanzata lo spostamento è stato molto duro, visto che la sua famiglia sta a circa 300 km di distanza da Firenze. Una delle prime cose che ha fatto è stata richiedere la linea telefonica a Telecom, in modo da sentire meno il problema della lontananza con la sua famiglia ed i suoi cari, usando il telefono.

La pratica era stata aperta e tutto sembrava regolare (n. pratica telecom 1728855), abbiamo atteso fiduciosi che ci contattassero e nel frattempo, visto il nostro isolamento telefonico, abbiamo usato i cellulari, cercando di ridurre al minimo l'uso visto che il costo per le ricariche puo' essere un onere piuttosto pesante per una famiglia di due persone con un solo stipendio.

La mia fidanzata (la pratica l'ha seguita lei visto che preferivamo che sull'elenco comparisse il suo nome, per facilitare le cose ai suoi parenti), ha ricevuto alcune telefonate sul cellulare per chiedere conferma della richiesta a settembre del 2002, poi più niente, ho richiamato varie volte il 187, gli operatori, sempre gentili, pero' non mi hanno aiutato molto.
Il mese scorso finalmente un operatore ha ritrovato la pratica, si è scusato per l'enorme ritardo e ci ha fornito un numero di fax per inoltrare eventuali proteste, nel frattempo mi ha rassicurato dicendomi che entro il 31 marzo (quasi 8 mesi dopo che la nostra richiesta era stata fatta) avremmo avuto la linea, che il numero era già stato assegnato ma che non poteva darmelo per sconosciuti motivi (non ho indagato ero già molto felice per il fatto che questo calvario fosse finito).

Il 31 non avendo ancora ricevuto chiamate di tecnici Telecom ho richiamato il 187, e l'operatore anche questa volta gentilissimo mi ha detto che NON ESISTE la nostra pratica... e che se volevo potevo rifarla con lui direttamente on line...

Sono rimasto basito, ho detto che non ero interessato a rifare la pratica al momento e ho attaccato. Ovviamente preso dallo sconforto ho pensato a tutta la faccenda e mi chiedo se la pratica non sia sparita per il timore di qualcuno di essere denunciato per inadempienza di contratto... Qualcuno puo' spiegarci come è meglio procedere adesso?

Alessio C.

Gentile Alessio
non sono frequenti le segnalazioni per problemi così vistosi nell'allacciamento di una nuova linea e l'esperienza sembra insegnare che riprovando è probabile che vada meglio. Ma la tua lettera sottolinea ancora una volta un problema che da anni affligge gli utenti telefonici: il rapporto con il Customer Care fornito via telefono.

Se da un lato è spesso infatti impossibile sapere con quale operatore si è parlato, dall'altro non si ha mai la certezza che le operazioni compiute via telefono siano effettivamente state registrate e attivate. E capita di scoprire con ritardo che un certo contratto o servizio, come nel tuo caso, semplicemente "non risulta". Quando questo accade non si ha neppure il nome o il numero di un operatore al quale fare appello.

La tua lettera, come innumerevoli altre, è stata segnalata anche alle autorità di controllo che dovrebbero tutelare l'utente-consumatore. In assenza di un loro intervento e per far valere un proprio diritto, in molti ricorrono, a proprie spese, all'avvocato.

A presto, la Redazione
TAG: mercato
36 Commenti alla Notizia 187? Chi l'ha visto?
Ordina
  • Il 10 ottobre 2002 notavo che nella bolletta in scadenza mi erano state addebitate 430 mila lire per 5 telefonate, effettuate dall' Inghilterra e con addebito a mio carico . Durata presunta, non essendo in fattura riportato alcun dettaglio di qualsiasi genere: 10 minuti ciascuna.
    Con 11 telefonate al 187 scoprivo che nessuno era in grado di fornirmi chiarimenti, quasi fossero un Garante qualsiasi.
    Con la dodicesima ottenevo un numero di fax senza alcun identificativo. Inviavo il Fax chiedendo spiegazioni.

    Già eri 3 Aprile 2003 ricevevo una raccomandata Telecom con la quale venivo edotto di quanto segue:
    -Tassazione per questi tipi di chiamate: ? 2,4790/min.+ I.V.A.
    - Aggiunta di quota fissa di ? 6,7129 +I.V.A. per ciascuna chiamata.
    I termini per eventuali reclami sono : entro la data di pagamento della bolletta, nel mio caso il 16 ottobre 2002.

    Antonio.

    non+autenticato
  • Tutto vero. Il Call Center per molte persone diventa una perdita di tempo. Giusto. Torniamo agli sportelli. Volete dei servizi? Prendetevi un bel permesso da lavoro e una bella mattina prendete l'auto e andate in centro nella vostra città. Traffico? Eh vero ma sempre meglio del Call Center. Parcheggiate la macchina mi raccomando le doppie frecce e prendete l'ombrello perchè poi magari piove. Andate nell'ufficio e mettetevi in fila. Che sfortuna ci sono 15 persone prima di voi. Attendete. Arrivati lì l'addetto vi da un bel pacco di moduli che dovete compilare. Vi mettete in un angolo e poi scrivete per bene tutto quanto e occhio a non sbagliare che senno vi tocca fare di nuovo la fila per chiedere all'impiegato. Eh già... i call center... Cmq la fila dovete rifarla per conegnare tutto il malloppo. "Le faremo sapere". Dopo un mese ancora niente è successo e quindi altro permesso e altro giro, altra fila e poi "Non troviamo la sua pratica". Per fortuna che non avete fatto la richiesta via call center direttamente da casa e se pensate che il 50-60-70% degli operatori di CC siano incompententi e maleducati sappiate che essendo delle persone questo si estende anche nel 50-60-70% delle persone che il CC lo chiamano. Come è stato detto qualche post fa un operatore CC ha davanti un terminale... non ha a suo esclusivo uso e consumo un impiegato amministrativo, un tecnico, una Panda rossa e delle matasse di cavo. (lavoro in un CC ma non al 187)
    non+autenticato
  • in data 02/01/2003 ho fatto la richiesta di una linea adsl MEGA

    sono ancora qui che l'aspetto

    il bello è che io ho già l'adsl(da oltre 2 anni) sempre con telecom ... è solo un sempice upgrade

    un mio amico che abita nella casa a fianco ha richiesto una MEGA ex nova ..... l'ha avuta in 10 giorni(compresi festivi) dalla richiesta ........... richiesta fatta 3 giorni dopo la mia


    in questi quattro mesi mi è successo un pò di tutto mi hanno spedito 3 lettere con password, lettere per andare a prendere il modem(che ovviamente ho già da 2 anni ... in affitto)

    poi mi hanno detto di buttare tutte le lettere perchè erano errori e non servivano a nulla e mi dicevano "massimo 2/3 giorni e il tecnico la contatterà"

    mi sono pentito di non aver registrato tutte le conversazioni con il 187(circa 10 in 4 mesi)
    le avrei rese pubbliche volentieri per far vedere quanto fanno schifo

    ah ho telefonato anche oggi per sfizio ... la signorina mi ha detto che la mia richiesta è ferma "ai controlli di rete" da 40 giorni .... e mi dice .... strano .... di solito questa operazione dura al massimo 24 ore ...... lol
    non+autenticato
  • Consiglio in questi casi, per avere una pronta soluzione del problema, che comunque NON è lecito che si presenti, come hanno detto in molti, di rivolgersi ad una associazione di consumatori.
    Mi vengono in mente Lega Consumatori, aduc, adusbef e altre (vedi http://www.legaconsumatori.it/Tematiche/assconsum....) che tamite una pratica ormai consolidata di 'conciliazione' (http://www.legaconsumatori.it/Tematiche/conciliazi...) risolvono questioni con telecom e altre imprese in maniera abbastanza veloce.
    Ho fatto esperienza diretta nel settore quando feci il servizio civile, presso appunto la Lega Consumatori, e devo dire che numerosi problemi con la telecom (ma quante ne combina dovreste veramente saperlo!), tra cui bollette esorbitanti e mancati allacciamenti, erano affrontati e risolti velocemente.
    Altre associazioni comunque svolgono attività simili.
    cits
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Consiglio in questi casi, per avere una
    > pronta soluzione del problema, che comunque
    > NON è lecito che si presenti, come hanno
    > detto in molti, di rivolgersi ad una
    > associazione di consumatori.
    > Mi vengono in mente Lega Consumatori, aduc,
    > adusbef e altre (vedi
    > http://www.legaconsumatori.it/Tematiche/assco
    > Ho fatto esperienza diretta nel settore
    > quando feci il servizio civile, presso
    > appunto la Lega Consumatori, e devo dire che
    > numerosi problemi con la telecom (ma quante
    > ne combina dovreste veramente saperlo!), tra
    > cui bollette esorbitanti e mancati
    > allacciamenti, erano affrontati e risolti
    > velocemente.
    > Altre associazioni comunque svolgono
    > attività simili.
    > cits


    Insomma non si capisce se consigli di andare da qualche associazione di consumatori o no.

    Io consiglio in primis di segnalare il tutto al Garante con l'apposito modulo sul suo sito agcom.it
    e allegare tutti i documenti del caso.
  • si che consiglio di andarci, soprattuto se il problme è importante, del tipo una bolletta da 500 euro invece della solita da 100, oppure allacciamento non effettuato entro 1 mese, etc.
    Non consiglio di andarci per bollette con 20 euro di traffico contestabile, etc.
    L'esposto di un privato presso l'autorità è importante, ma un bel pacco di segnalazioni che può avere una associazione ha più peso. Per esempio quando ci fu il caso di telecom che trasformò gli 'abbonamenti internet prepagati in tacitamente rinnovabili a fine anno, e mandò a moltissimi utenti l'ingiunzione di pagamento, le associazioni di consumatori raccolsero un bel numero di segnalazioni e fecero leva su telecom per ritirare le ingiunzioni.
    Un privato avrebbe avuto molti più problemi a risolvere la cosa, avrebbe dovuto andare da un avvocato o giudice di pace, la prima cosa molto costosa.
    Consiglio anche di guardare il newsgroup it.discussioni.consumatori.tutela

    cits
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si che consiglio di andarci, soprattuto se
    > il problme è importante, > Consiglio anche di guardare il newsgroup
    > it.discussioni.consumatori.tutela
    >

    ok grazie
    lo aggiungo subito ai miei news group preferiti ^_^
    non+autenticato
  • Le pratiche di riferimento sono C20030304731 e C20030301274; alla pagina http://fbo.csi.telecomitalia.it/ordini entrambe le pratiche per alice adsl flat (solo linea adsl) risultano annullati dalla Telecom, telefonando al 187 svariate volte non sono riuscito ad ottenere esaurienti chiarimenti se non il consiglio di aspettare.
    Preciso inoltre impostando aliceadsl in mone utente e password riesco a collegarmi, ma finchè non ricevo i codici di attivazione (che con tante telefonate ho richiesto al 187) da inserire alla pagina alicestart.virgilio.it , non posso attivare l'adsl alice.

    Cordiali saluti e speriamo che Telecom abbia il coraggio di rispondermi almeno qui!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)