Claudio Tamburrino

Occhio bionico, la strada australiana

Presentato un primo prototipo di neurostimolatore per i nervi ottici, che promette numerose possibilità di sviluppo

Roma - La Bionic Vision Australia (BVA) e l'Università di New South Wales stanno portando a termine un progetto finanziato con 42 milioni di dollari dal Governo locale, basato sui neurostimolatori.



Il "primo prototipo avanzato" presentato è costituito da una videocamera montata su un paio di occhiali, un chip wireless inserito all'interno del bulbo oculare e un processore tascabile collegato senza fili con il chip oculare e con un cavo alla videocamera.
Il chip è dotato di 98 elettrodi che stimolano le cellule del nervo ottico per far registrare dal cervello a grandi linee le forme circostanti.

Futuri sviluppi, su cui gli scienziati stanno lavorando, fanno ben sperare con l'aumento degli elettrodi (per il secondo prototipo, atteso per il 2013, si parla di mille) che dovrebbe permettere maggiore definizione, fino al riconoscimento di volti.

Per il momento l'occhio bionico australiano è quindi destinato esclusivamente ai non vedenti che hanno nervi ottici funzionanti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Occhio bionico, la strada australiana
Ordina