RIAA contro quattro napsterocloni

Le major della musica pretendono una compensazione monetaria enorme per ciascuna delle canzoni che alcuni studenti americani hanno messo a disposizione su sistemi napster-like attivati sui network universitari

Los Angeles (USA) - Non hanno nemmeno avvertito preventivamente le università i legali delle major della musica che hanno denunciato quattro studenti americani nei giorni scorsi per aver allestito dei sistemi "alla Napster" sui network universitari a cui avevano accesso. Tra i tre atenei coinvolti anche la prestigiosa Princeton University.

Secondo la RIAA, l'associazione dei discografici che ha intrapreso l'azione legale, Joseph Nievelt e altri tre studenti avevano caricato sui server delle proprie università più di un milione di pezzi musicali che venivano così scaricati da chiunque potesse avere accesso al network interno dell'università stessa. Per ciascun pezzo individuato su quei server dalla RIAA, i suoi legali ora chiedono una compensazione di 150mila dollari. Se si moltiplica quella cifra per il milione di brani individuati su quei server si ottiene una cifra assolutamente stratosferica capace di giustificare naturalmente qualsiasi azione legale...

Tra i brani presenti su quei server la discografia di Eminem, Avril Lavigne, Whitney Houston e altri celebri nomi della musica americana.
A poco sono servite le proteste di una delle università coinvolte, Michigan Technologies, secondo cui RIAA avrebbe dovuto avvertire prima l'Università come già accaduto in passato, in quanto l'ateneo non ha alcuna remora ad agire contro quegli studenti che violano il copyright.
RIAA infatti ritiene che non si tratti di qualche facinoroso, ma di alcuni studenti che devono essere perseguiti per far capire a tutti che non esistono mezze misure. I file illegali nei server della Michigan Technologies erano, secondo RIAA, almeno 650mila. "Speriamo - ha commentato Cary Sherman, presidente RIAA - che queste denunce servano come potente deterrente per chiunque operi un network del genere o pensi di mettere su un sistema così".

Stando alla RIAA, gli studenti avevano utilizzato software come Flatlan e Phynd per realizzare gli indici dei brani che potevano poi così essere scaricati da ciascun utente del network universitario file per file. Un sistema che secondo Sherman ricorda Napster: "Questi sistemi sono illegali allo stesso modo e operano nella stessa maniera".

Secondo Sherman è necessario che le università monitorino più attentamente quello che accade sui propri network. Una posizione che non è piaciuta a Princeton. Il portavoce dell'Università, infatti, ha spiegato che l'ateneo è pronto a chiudere qualsiasi situazione di illegalità o violazione del copyright ma non ha assolutamente la capacità di tenere sott'occhio permanente tutto quello che succede sulle proprie reti.
TAG: p2p
26 Commenti alla Notizia RIAA contro quattro napsterocloni
Ordina
  • tagliamogli la testa per ogni brano che possedevano, inoltre li bruciamo vivi e li scortichiamo, chiaramente per ogni brano che possedevano.

    Ci vuole una pesa esemplare per mostrare agli altri che non si deve fare e che è una cosa moralmente sbagliata.

    W le Majors.

    P.S.: Ma dove finiremo mai?
    non+autenticato
  • certo dove finiremo? a questo punto vietiamo l'uso delle chiavi e delle sbarre e dei vetri antisfondamento e di ogni cosa si usa per proteggersi dai furti. scambaire musica illegalmente è un furtose volgiamo sia liberalizzato allora liberalizziamo tutti i furti, altrimenti evitiamo di comprare cosa costa troppo e aspettiamo che di fronte al pauroso calo delle vendite abbassino i prezzi.
    non+autenticato
  • I files "illegali" non erano sul server. Il server non contiene files, ma solo la lista dei files in possesso degli utenti connessi in quel momento.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > I files "illegali" non erano sul server. Il
    > server non contiene files, ma solo la lista
    > dei files in possesso degli utenti connessi
    > in quel momento.

    Tu come lo sai?
    non+autenticato
  • è vero, un server contiene solo indici....

    in ogni caso più che falsa informazione mi sembra unicamente una svista...il succo dell'articolo non cambia di una virgola.
    Oramai fungere da veicolo o possedere materialmente il materiale è in pratica punibile alla stessa maniera.
  • > è vero, un server contiene solo indici....

    anche quelli di Napster???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > è vero, un server contiene solo indici....
    >
    > anche quelli di Napster???

    Sì, il server di napster non fa altro che indirizzare chi vuole un file al computer di chi possiede il file e permette ai client di collegarsi direttamente tra di loro.
    Nessun dato illegale transita sul server.
  • Ok ma allora come hanno fatto a far chiudere napster??


    - Scritto da: Tharon
    > - Scritto da: Anonimo
    > > > è vero, un server contiene solo
    > indici....
    > >
    > > anche quelli di Napster???
    >
    > Sì, il server di napster non fa altro che
    > indirizzare chi vuole un file al computer di
    > chi possiede il file e permette ai client di
    > collegarsi direttamente tra di loro.
    > Nessun dato illegale transita sul server.
    non+autenticato
  • il problema di napster era la sua vulnerabilità intrinseca, data dall'esistenza di un unico server (se non era uno solo cmq erano pochi e fissi) che gestiva le liste.

    in reti più evolute come la fasttrack (kazaa e kazaalite) non esiste una serie di server centrali che "dirigono i lavori", no: ogni pc con banda sufficientemente ampia e sufficiente potenza cpu viene classivicato come "supernode", e gestisce tanti client con meno banda, fornendo loro i risultati alle ricerche di un file.. lo svantaggio di questa impostazione è che nessuno potrà mai vedere *tutti* i files condivisi nella rete, però è anche una rete impossibile da azzoppare... per farla chiudere dovrebbero rendere illegale il programma stesso..


    spero di esserti stato chiaro.

    avvelenato che attende gnutella2
  • Ma siamo sicuri che abbiano davvero chiesto 150.000 $ a canzone e non in totale ?
    Non è che PI ha toppato ?
    Questa sparata è troppo colossale per essere credibile.
    Ma quale giudice sano di mente accoglierebbe usa simile richiesta ?
    Non ci posso credere.   Assolutamente no.
    non+autenticato

  • > Ma quale giudice sano di mente accoglierebbe
    > usa simile richiesta ?

    mmm forse un giudice americano corrotto?

    > Non ci posso credere.   Assolutamente no.

    Avendo a che fare che gli americani riesci ancora a stupirti di qualcosa?

    Ciao
    nop
    563

  • ho beccato ora una Reuters

    "The suits also seek maximum damages of $150,000 per song"



    - Scritto da: Anonimo
    > Ma siamo sicuri che abbiano davvero chiesto
    > 150.000 $ a canzone e non in totale ?
    > Non è che PI ha toppato ?
    > Questa sparata è troppo colossale per essere
    > credibile.
    > Ma quale giudice sano di mente accoglierebbe
    > usa simile richiesta ?
    > Non ci posso credere.   Assolutamente no.
    non+autenticato


  • Certo che se vincono si rifanno di tutte le perdite che stanno avendo su tutti i mercati eheheheheh
    non+autenticato
  • se hanno perdite è colpa della crisi generale dell'economia mica certo per i file sharing, perchè tutti hanno eprdite e loro invece hanno solo furti? Comuqneu è illegale ciò che la maggior parte degli utenti fa con internet e i p2p non dimentichiamolo. se i i cd costano non si comprano ,ma se la ferrari costa mica la rubo
    non+autenticato

  • Ma si sono bevuti il cervello!?!?!? Vogliono 1500 miliardi di dollari di risarcimento!?!? Siamo nell'ordine di un milione e mezzo di miliardi di vecchie lire!!!!!!!!! Ma è una cifra inconcepibile!!! Questi ormai sono stati colpiti da qualche ictus per la paura del file sharing...

    TAD since 1995

  • - Scritto da: TADsince1995
    >
    > Ma si sono bevuti il cervello!?!?!? Vogliono
    > 1500 miliardi di dollari di risarcimento!?!?
    > Siamo nell'ordine di un milione e mezzo di
    > miliardi di vecchie lire!!!!!!!!! Ma è una
    > cifra inconcepibile!!! Questi ormai sono
    > stati colpiti da qualche ictus per la paura
    > del file sharing...
    >
    > TAD since 1995

    Avranno calcolato la cifra credendo che ogni studente e collaboratore delle tre università, se non avesse avuto a disposizione quel milione di brani, li avrebbe certamente acquistati tutti.
  • Nooooooo, Ti Sbagli!!!
    sono
    150.000 $ a canzone
           *
    1.000.000 Canzoni
         =
    150.000.000.000 $ Totale
         *
    1.07   Euro/Dollaro circa
         *
    1936.27 Euri
        =
    310.771.335.000.000 £
    Ovvero TrecentoDieciMila Miliardi, Penso + del PIL Dell' USA.
    Ma che gran cazzata, Sti discografici sono proprio IDIOTI.
    non+autenticato

  • > Ma che gran cazzata, Sti discografici sono
    > proprio IDIOTI.

    Loro fanno il loro lavoro ... il vero idiota è chi gli da retta...

    Ciao
    nop
    563
  • Massi' quelli sono i numeri che vanno a chiedere ai giudici no, mica glieli danno davvero

    - Scritto da: Jecko_Hee
    >
    > - Scritto da: TADsince1995
    > >
    > > Ma si sono bevuti il cervello!?!?!?
    > Vogliono
    > > 1500 miliardi di dollari di
    > risarcimento!?!?
    > > Siamo nell'ordine di un milione e mezzo di
    > > miliardi di vecchie lire!!!!!!!!! Ma è una
    > > cifra inconcepibile!!! Questi ormai sono
    > > stati colpiti da qualche ictus per la
    > paura
    > > del file sharing...
    > >
    > > TAD since 1995
    >
    > Avranno calcolato la cifra credendo che ogni
    > studente e collaboratore delle tre
    > università, se non avesse avuto a
    > disposizione quel milione di brani, li
    > avrebbe certamente acquistati tutti.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E abbasso le major miliardarie!!!

    Perche' usi questi slogan... Senza le Majors non sentiresti buona parte della musica che ascolti, magari a sbafo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > E abbasso le major miliardarie!!!
    >
    > Perche' usi questi slogan... Senza le
    > Majors non sentiresti buona parte della
    > musica che ascolti, magari a sbafo

    A sbafo no, ci spendo un capitale e proprio per questo PROTESTO


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > E abbasso le major miliardarie!!!
    > >
    > > Perche' usi questi slogan... Senza le
    > > Majors non sentiresti buona parte della
    > > musica che ascolti, magari a sbafo
    >
    > A sbafo no, ci spendo un capitale e proprio
    > per questo PROTESTO

    Ammettilo, un po' contraddittorio lo sei...
    E poi lo sai benissimo che la libertà di scambio è, in questi casi, finalizzata a appropiarsi di qualcosa che non ti appartiene.
    Semmai che abbassino i prezzi e ascolteremo tutti felici e contenti...
    non+autenticato
  • ribadisco se uan cosa costa troppo non la compro, la radio mi fa ascoltare la musica senza pagare. ma non rubo ciò che costa troppo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > E abbasso le major miliardarie!!!
    >
    > Perche' usi questi slogan... Senza le
    > Majors non sentiresti buona parte della
    > musica che ascolti,

    Senza le major non esisterebbero "artisti" come Madonna o Michael Jackson ...

    > magari a sbafo

    Uno dovrebbe anche pagarla la merda ?
    non+autenticato
  • > > E abbasso le major miliardarie!!!
    >
    > Perche' usi questi slogan... Senza le
    > Majors non sentiresti buona parte della
    > musica che ascolti, magari a sbafo
    Ok sarà uno slogan becero ma non accetto che si persegua chi per risparmiare 4 soldi copia o anche chi rende disponibile senza averne rientro mentre invce chi ci guadagna e bene è libero di far vendere i suoi cd masterizzati e nessuno ci fa nulla...
    Se i cd costassero meno li comprerei, e invece ascolto la radio perchè non accetto di pagarli così tanto!!
    Quindi, ben venga l'amico che ti porta un cd, tanto non ci divento ricco nè io nè lui
    Invece le major sono una macchina che andrebbe smontata... com'è che ci sono tante etichette indipendenti? E' la dimostrazione che si può campare di musica pur guadagnandoci il giusto... e non scomparirebbero di certo gli artisti che ci sono adesso!!! Quella è solo retorica miope...
    non+autenticato